Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DAX Rise Again: vento in poppa da Wall Street


Rapporto di mercato

Stato: 15/11/2022 16:01

Dopo il precedente trading senza trend, il DAX è tornato positivo nel pomeriggio. I prezzi alla produzione statunitensi alquanto insoliti stanno alimentando la speculazione sui tassi di interesse tra gli investitori.

Dopo che l’indice DAX è cambiato più volte durante il trading finora, la fiducia tra gli investitori sta attualmente prevalendo ancora una volta. I costi aggiuntivi sono moderati, ma l’indice si è allontanato dal minimo giornaliero di 14.266 punti al mattino ed è aumentato di quasi lo 0,3%.

Ieri il principale indice tedesco è salito dello 0,6 per cento a 14.313 punti Sono uscito dal lavoro. Il massimo giornaliero finora è stato di 14.440 pips. Ha recuperato circa il 20 per cento dal livello più basso alla fine di settembre. Nonostante ciò, le prese di profitto non sono ancora sul tavolo, il che non sorprenderebbe dopo un tale rally.

“Dopo un aumento del prezzo di oltre il 20 percento, una pausa o addirittura un consolidamento è più la regola che l’eccezione”, afferma il gestore di portafoglio Thomas Altmann del consulente per gli investimenti QC Partners.

Le pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti continuano a diminuire

Gli acquisti pomeridiani sono stati guidati da prezzi alla produzione statunitensi migliori del previsto in ottobre. Poiché la pressione sui prezzi a livello di produttore ha continuato a indebolirsi, recentemente a livello di consumatori. I prezzi alla produzione sono aumentati dell’8% su base mensile. Gli analisti si aspettavano una mediana dell’8,3%.

I prezzi alla produzione sono un indicatore della futura pressione sui prezzi. La bassa inflazione è un aspetto centrale della Federal Reserve statunitense, il che significa che potrebbe non aumentare i tassi di interesse tanto quanto negli ultimi tempi. È proprio questa speranza che sta attualmente guidando i mercati azionari, anche se i timori di una recessione sono ancora fuori discussione.

Tuttavia, l’obiettivo di stabilità della Fed del 2,0 percento è ancora molto lontano. Le autorità monetarie statunitensi puntano a un tasso di inflazione del 2,0%, paragonabile a quello della Banca centrale europea (BCE).

“Il fatto che le pressioni sui prezzi siano diminuite più del previsto il mese scorso allevia le preoccupazioni sui tassi di interesse su entrambe le sponde dell’Atlantico”, ha affermato Timo Emden, analista di Emden Research. Di recente, il vicepresidente della Federal Reserve Lael Brainard ha indicato che la banca centrale può aumentare il tasso di riferimento solo di mezzo punto percentuale a dicembre.

Grandi guadagni a Wall Street

Con nuove speranze di inflazione alle spalle, anche i mercati statunitensi erano significativamente più alti in apertura. Il Nasdaq è in rialzo di oltre il 2% e il Dow è in rialzo di circa l’1%. I dati sui prezzi stanno anche alimentando la speranza tra gli agenti di cambio di Wall Street che la Federal Reserve statunitense prenderà le cose un po’ più lentamente con il prossimo passo nell’aumentare i tassi di interesse.

READ  Protezione dell'elettronica costosa: staccare la spina in caso di fulmini e tuoni?

In particolare, recenti dichiarazioni del vicepresidente della Federal Reserve Lael Brainard hanno indicato che la banca centrale potrebbe aumentare il suo tasso di riferimento solo di mezzo punto percentuale a dicembre. In un’intervista con Bloomberg, ha descritto l’improvviso forte calo dell’inflazione di mezzo punto percentuale come “rassicurante”.

I prezzi all’ingrosso stanno aumentando più lentamente

I prezzi all’ingrosso tedeschi di ottobre hanno anche fornito un supporto fondamentale al mercato azionario nazionale al mattino: sono aumentati del 17,4% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’Ufficio federale di statistica. Si tratta dell’aumento più piccolo da febbraio, quando è iniziata la guerra russa contro l’Ucraina e molte materie prime e prodotti intermedi sono diventati più costosi.

“Questa è ora un’inversione di tendenza per l’inflazione? Sarò ancora cauto lì”, ha affermato l’economista di LBBW, Jens Oliver Niklash. Nel caso dell’energia e degli alimenti in particolare, la pressione sui prezzi sui consumatori può aumentare. Quindi vediamo l’inflazione massima solo poco dopo la fine dell’anno.

L’indice ZEW è salito sorprendentemente

Anche l’indicatore ZEW invia segnali positivi. L’indice del Center for European Economic Research (ZEW) è aumentato di 22,5 punti rispetto al mese precedente a meno 36,7 punti. Anche il giudizio sulla situazione economica è migliorato improvvisamente di 7,7 punti a 64,5 punti negativi.

Tuttavia, la situazione economica rimane tesa: “Un leggero miglioramento del sentiment non significa ancora un’inversione di tendenza, perché al momento le questioni incontrollabili e le difficoltà economiche dovute all’aumento dell’inflazione sono ancora elevate”, commenta Christoph Sonk, economista di DZ Bank.

L’euro sta salendo

La pista dell’EUR è migliorata significativamente martedì dopo un inizio cauto. La moneta unica è salita fino a 1,0437$, il livello più alto dall’inizio di luglio. Nel pomeriggio, l’euro viene scambiato a $ 1,0402.

D’altra parte, i trader hanno indicato l’ampia debolezza del dollaro come forza trainante di cui ha beneficiato anche l’euro. accendino Segnali di calma nei rapporti tra Cina e Stati Uniti La domanda di valuta statunitense non è stata certo un porto sicuro durante i periodi di turbolenza economica. Dopo un incontro con il capo di stato cinese e leader del partito Xi Jinping sull’isola di Bali, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato che non stava cercando un conflitto con la Cina.

D’altra parte, i forti dati economici dalla Germania supportano l’euro. “I miglioramenti nelle prospettive economiche di ZEW sono giustificati, poiché di recente ci sono stati numerosi punti positivi”, ha scritto Thomas Getzel, capo economista presso VP Bank. Soprattutto, la prospettiva di un tetto massimo dei prezzi dell’energia fa sperare che non si verifichi una forte recessione nell’economia tedesca.

I prezzi del petrolio scendono

Sia il marchio North Sea Brent che il marchio statunitense West Texas Intermediate (WTI) stanno diventando più economici sul mercato petrolifero. Il prezzo del petrolio era già sceso all’inizio della settimana. I prezzi sono scesi dopo che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha tagliato le previsioni sulla domanda per quest’anno e il prossimo. La mossa è stata giustificata da “una grande incertezza sull’economia globale, accompagnata dai timori di una recessione globale”.

READ  Koenigsegg CC850: modello Homage con cambio automatico manuale

Le attuali perdite di prezzo sono state spiegate anche dai deboli dati economici provenienti dalla Cina, uno dei maggiori importatori di petrolio. Le rigide misure adottate dalla leadership di Pechino per combattere il Corona virus hanno rallentato la seconda economia più grande del mondo più del previsto ad ottobre. Le vendite al dettaglio sono diminuite sorprendentemente e la produzione industriale non è cresciuta così forte come negli ultimi tempi.

Buffett entra nel settore dei chip

Warren Buffett ha investito diversi miliardi di dollari in borsa con il suo fondo di investimento Berkshire Hathaway. Ciò deriva da un rapporto alla US Securities and Exchange Commission. Mentre in cambio ha ridotto altri investimenti, in particolare nel settore finanziario, da luglio a settembre, ha preso un grande impegno per l’industria tecnologica: Berkshire ha approfittato del calo del più grande produttore di chip del mondo TSMC e ha preso circa 60 milioni di ricevute di deposito statunitensi da un gruppo con sede a Taiwan. Supponendo che i documenti siano stati acquistati a un prezzo medio, l’investimento costerebbe circa 5,1 miliardi di dollari.

Il CEO di Maersk vede la spedizione di container a un punto di svolta

Secondo la principale compagnia di navigazione danese Maersk, il trasporto di container sta raggiungendo i suoi limiti. È stato raggiunto un punto di svolta in termini di volume della nave e tariffe di trasporto, ha affermato il CEO Soren Sko. Con 20.000, 22.000 e più container standard (TEU) si è raggiunta una dimensione da cui sorge la questione della redditività, tanto più che il commercio mondiale non è più in forte crescita. “Le navi non diventeranno più grandi”, ha previsto Scu. Maersk è la seconda compagnia di spedizioni di container al mondo dopo la svizzera MSC.

Encaves merita di più

Encavis, il gestore di parchi solari ed eolici, continua a beneficiare dell’ampliamento delle capacità di generazione e dell’aumento dei prezzi dell’elettricità. Nei primi nove mesi, le vendite sono aumentate di quasi il 37% su base annua a 354,8 milioni di euro. L’EBIT rettificato per gli effetti speciali è aumentato del 45% a 166,9 milioni di euro. Il risultato netto è stato un utile rettificato di 86,9 milioni di euro dopo i 57,8 milioni di euro dell’anno precedente.

Cattive prospettive per Nordex

Il produttore di turbine eoliche Nordex è diventato più pessimista riguardo all’anno in corso. Il margine operativo (margine Ebitda) dovrebbe essere di circa il quattro per cento negativo all’estremità inferiore della corsia di previsione. I motivi sono le continue interruzioni nelle catene di approvvigionamento, i costi coinvolti nei ritardi dei progetti e un contesto di prezzi inflazionistici. Nei primi nove mesi del 2022 le vendite sono diminuite del 2,1% a circa 3,9 miliardi di euro. L’EBITDA è stato chiaramente negativo a meno 200 milioni di euro. Un anno fa è stato raggiunto un utile operativo di 101 milioni di euro. Il margine operativo è stato negativo del 5,2%.

READ  Un cliente Kaufland trova uno scontrino del 1996: "Oggi è quattro volte più grande"

La stagnazione degli annunci influisce su ProSiebenSat 1

La contrazione degli introiti pubblicitari è un pesante fardello per la società televisiva ProSiebenSat. Come annunciato dalla società, le vendite del terzo trimestre sono diminuite del 13% a 921 milioni di euro e l’utile operativo rettificato per effetti speciali (Ebitda) è sceso del 27% a 118 milioni di euro. “Il contesto di mercato ha continuato a deteriorarsi durante tutto l’anno a causa dell’inflazione, della crisi dei prezzi dell’energia e della moderazione dei consumatori”, ha affermato Ralph Peter Gehrig, Chief Financial Officer.

Protezione dei dati: Google paga un risarcimento

Google sta pagando quasi 392 milioni di dollari di danni dopo le indagini statunitensi su affermazioni ingannevoli sulla privacy. I pubblici ministeri di 40 stati hanno concluso che Google ha continuato a raccogliere dati sulla posizione dagli utenti dopo aver rinunciato. I pubblici ministeri hanno criticato il fatto che Google abbia dato agli utenti la possibilità di rifiutarsi di memorizzare i dati sulla loro posizione. Tuttavia, non sono stati informati del fatto che anche le app di Google raccolgono automaticamente i dati sulla posizione.

FedEx vuole licenziare temporaneamente i dipendenti statunitensi

La divisione spedizioni della società di consegna pacchi statunitense FedEx vuole rilasciare temporaneamente dipendenti in alcuni mercati statunitensi. Il motivo sono i termini e le condizioni attuali. Il concorrente DHL vuole continuare a monitorare lo sviluppo economico e riportare indietro i dipendenti colpiti se l’attività migliora. Ad alcuni dipendenti verranno offerte posizioni permanenti in altre aree in cui sono necessari dipendenti. L’azienda, come il suo concorrente nazionale UPS, è anche un barometro dell’economia statunitense, poiché sposta merci da una varietà di settori.

Credit Suisse vende l’attività di cartolarizzazione ad Apollo

Credit Suisse ha venduto una parte significativa della sua attività di cartolarizzazione di prestiti (gruppo di prodotti garantiti) e le relative operazioni di finanziamento all’investitore finanziario statunitense Apollo Global Management nell’ambito di un’ampia ristrutturazione aziendale. Dopo che la banca aveva già annunciato l’accordo a fine ottobre, oggi ha annunciato la conclusione dell’accordo definitivo. L’accordo dovrebbe concludersi entro la metà del 2023. Credit Suisse prevede che Apollo assumerà la maggior parte del personale.