Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DAX leggermente in rialzo: vento favorevole dalla Cina


Rapporto di mercato

Stato: 27/12/2022 18:15

Con un turnover basso, il DAX ha avuto la tendenza a reggere abbastanza bene. Alcuni venti favorevoli sono arrivati ​​dalla Cina, dove il governo sta allentando ulteriormente le restrizioni sul coronavirus. Al contrario, i timori sui tassi d’interesse negli Stati Uniti hanno smorzato l’ottimismo.

Con attività sottotono, il DAX ha continuato il suo ultimo tentativo di rimbalzo nel primo giorno di negoziazione della settimana abbreviata di fine anno, anche se con una forza ridotta. Il principale indice tedesco ha infine chiuso a 13.995 punti, con un aumento giornaliero dello 0,39%. La volatilità e le vendite erano sotto controllo e l’indice oscillava tra 13.966 e 14.063 punti. E l’indice MDAX delle azioni medie è salito dello 0,15% a 25.285 punti.

“Molti partecipanti al mercato sono in pausa natalizia e hanno già chiuso i libri di borsa per il 2022”, afferma l’analista Jochen Stanzel del broker online CMC Markets. Inoltre, oggi è rimasta chiusa la Borsa di Londra, la più grande piazza di negoziazione europea.

Una rapida ripresa è possibile in Cina

Lo sviluppo della corona in Cina ha dato un tono amichevole. Perché le autorità cinesi hanno improvvisamente annunciato la fine della controversa politica zero Covid questo mese dopo le proteste a livello nazionale. Oltre a molte altre misure, le norme di ingresso sono state ora allentate: dall’8 gennaio non ci sarà alcun obbligo di quarantena per l’ingresso in Cina.

Sebbene i virologi stiano ora avvertendo di un numero crescente di infezioni e decessi, prevale la fiducia. Perché la rigida politica di isolamento ha rallentato lo sviluppo economico della seconda economia mondiale, il che ha portato a un aumento delle preoccupazioni economiche globali sulle borse.

“Attualmente ci sono molte indicazioni che le interruzioni stanno gradualmente diminuendo: le tariffe di trasporto per i prezzi dei container si stanno avvicinando di nuovo ai valori normali a lungo termine e gli ingorghi davanti ai porti internazionali si stanno lentamente dissipando”, ha affermato Peter Adrian, presidente dell’associazione. Camere di commercio e industria tedesche (DIHK).

“Questo è sicuramente qualcosa che i trader e gli investitori speravano da molto tempo”, ha affermato Naeem Aslam, analista di mercato senior presso AvaTrade Brokerage. “Questo è un altro passo importante nella riapertura della Cina, soprattutto al resto del mondo, nonostante il recente aumento delle infezioni domestiche”, hanno affermato gli analisti di JPMorgan.

READ  Sempre meno auto piccole: perché i produttori di automobili si stanno allontanando dalla gamma di auto piccole?

Il Nasdaq non si tira indietro

Le borse statunitensi tendono a mescolarsi, con un quadro simile al precedente. Mentre i valori di riferimento tengono, i titoli tecnologici stanno scendendo. Mentre il Dow Jones, il principale indice dei valori di riferimento, è attualmente in aumento di circa lo 0,4%, il Nasdaq Technology Index è in calo di circa lo 0,9%. Perché la questione dei tassi di interesse dominante a New York continua a pesare in modo particolarmente pesante sull’indice sensibile ai tassi di interesse NASDAQ.

Sebbene la Federal Reserve (Fed) voglia in una certa misura tagliare i tassi di interesse, non si può parlare di porre fine all’attuale ciclo dei tassi di interesse, il che significa che l’incertezza continua a emergere.

Stagnazione dei prezzi delle case negli Stati Uniti

Ci sono solo dati economici statunitensi di secondo livello e inoltre non presentano sorprese. Perché il mercato immobiliare statunitense è ancora debole sulla scia dell’aumento dei tassi di interesse.

“I prezzi delle case negli Stati Uniti sono cambiati poco per due mesi consecutivi”, ha affermato l’economista FHFA Natalia Polkovnichenko. “Gli alti tassi ipotecari hanno continuato a esercitare pressioni sulla domanda e a smorzare la crescita dei prezzi delle case”. FHFA è il regolatore per gli istituti di credito ipotecario Fannie Mae e Freddie Mac, che sono stati nazionalizzati durante la crisi finanziaria.

L’incidente Tesla continua

Tra i valori individuali di New York, ultimamente sono diminuite le carte del produttore di auto elettriche Tesla. Il giornale sta perdendo di nuovo drammaticamente con un’elevata volatilità, attualmente superiore all’otto percento. Sullo sfondo ci sono preoccupazioni per la produzione del gruppo americano a Shanghai.

Nello stabilimento lì, le linee di produzione dovrebbero rimanere per lo più piatte a dicembre e gennaio. Tesla non ha dato una ragione per questo. Alla fine del 2021 e del 2022, il produttore di veicoli elettrici non ha effettuato lunghe interruzioni della produzione. La domanda di auto Tesla in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, è recentemente crollata.

Inoltre, le buffonate su Twitter del fondatore dell’azienda Elon Musk hanno influenzato per un po’ l’umore degli azionisti di Tesla. Gli analisti di molte case hanno recentemente commentato negativamente le attività di Musk legate al servizio di messaggistica e hanno espresso la preoccupazione che anche Tesla possa risentirne. Le azioni Tesla hanno già perso oltre il 60% quest’anno e sono tra le più deboli del Nasdaq 100.

READ  BlackRock acquista: quota NEL ASA, Plug Power Share & Co: perché la svolta nella tecnologia dell'idrogeno potrebbe avvenire presto | newsletter

L’euro è stabile

C’è più movimento nel mercato dei cambi, poiché l’euro cambia spesso segnali rispetto al dollaro. La moneta comune europea ha difeso il suo livello piuttosto elevato nel tardo pomeriggio. Attualmente sono in corso di pagamento 1,0654 euro. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0624 (Ven: 1,0622) dollari. Nel mercato dei cambi, si prevede generalmente un rallentamento dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense, il che porterà a un indebolimento della valuta statunitense.

Inoltre, anche il mercato dei cambi attende con impazienza la Cina. “Una fine più rapida delle restrizioni Covid sosterrebbe l’economia cinese e avvantaggerebbe la zona euro e l’euro”, hanno affermato gli strateghi di Danske Bank. Secondo un sondaggio Reuters, le aziende tedesche si aspettano una leggera recessione il prossimo anno, nonostante i venti contrari della crisi energetica, la carenza di materie prime e un rallentamento dell’economia globale.

Lieve recessione in Germania?

“È probabile che l’ultimo trimestre del 2022 e l’inizio del 2023 saranno accompagnati da un calo dell’attività economica”, ha affermato Siegfried Ruswurm, capo della Confederazione delle industrie tedesche, in un sondaggio sulle grandi associazioni pubblicato dall’agenzia di stampa Reuters . Martedì. Ma ci aspettiamo solo una lieve recessione». Tuttavia, la crescita sarà in qualche modo limitata fino al 2024.

I prezzi del petrolio sono ancora alti

L’ulteriore allentamento delle restrizioni del coronavirus in Cina ha spinto il prezzo del petrolio al livello più alto in tre settimane. La Cina è uno dei maggiori consumatori di petrolio al mondo.

Anche il timore di strozzature dell’offerta a causa delle tempeste invernali negli Stati Uniti ha causato un aumento dei prezzi. Il greggio Brent è salito del 2,1% a 85,39 dollari al barile. Il prezzo del greggio leggero US West Texas Intermediate è salito dell’1,7% a 80,91 dollari al barile.

I valori automatici DAX sono in cima

I titoli di Porsche Holdings erano tra i singoli valori nazionali in cima al DAX, e anche altri titoli automobilistici erano più alti. Secondo i trader, beneficeranno in particolare dell’auspicato allentamento in Cina, che dovrebbe migliorare ancora una volta l’umore dei consumatori cinesi. La maggior parte dei 40 titoli DAX ha chiuso in territorio positivo, mentre Infineon ha registrato perdite moderate verso la fine dell’indice.

La Cina approfitta di Lufthansa

READ  Gli abbonamenti in streaming presto costeranno di più: la Disney si unisce a Netflix

Anche le azioni Lufthansa in MDAX hanno beneficiato delle speranze della Cina, aumentando di un buon 1,5% a poco più di 8,20 euro. Ufficialmente non ci sono restrizioni per i cinesi che viaggiano all’estero, ma la nuova regola renderà più facile il loro ritorno a casa. La Cina riprenderà a rilasciare visti ai residenti della Cina continentale che viaggiano all’estero dall’8 gennaio, ha dichiarato martedì l’Ufficio per l’immigrazione.

… prima dell’affare in Italia

Nelle trattative per l’acquisto di una quota di minoranza in ITA Airways, secondo un resoconto dei media, Lufthansa mira a raggiungere un accordo di principio entro la fine di quest’anno.

Secondo il quotidiano “Il Messaggero”, la compagnia aerea tedesca ha accettato tutte le condizioni poste dal governo italiano per la strategia e la corporate governance di ITA Airways. Secondo il quotidiano, Lufthansa intende sottoscrivere l’aumento di capitale da 200 a 250 milioni di euro per il suo ingresso in ITA. Lufthansa deve inizialmente possedere una quota del 35%, che dovrebbe essere aumentata nel tempo.

Stock di lusso richiesto

L’annuncio che i requisiti di quarantena per i viaggiatori in Cina sarebbero stati revocati dall’8 gennaio ha spinto gli investitori a rivolgersi ai titoli di lusso europei. La prospettiva di un rilancio del turismo dello shopping ha spinto a Parigi i gruppi del lusso Lvmh, Hermes e Kering. Le azioni del produttore italiano di giacche di lusso Moncler sono aumentate del 2,5%.

Si richiede Siemens Energy

Le azioni di Siemens Energy hanno guadagnato circa il 2% e sono state quindi anche tra i maggiori guadagni sul DAX. L’ex società, Siemens, aveva annunciato prima del lungo weekend di Natale che avrebbe iniziato il riacquisto di azioni proprie il 2 gennaio al fine di emettere azioni a dipendenti e membri del consiglio come parte dei suoi programmi di retribuzione e azioni dei dipendenti. Il controvalore massimo di riacquisto delle azioni è pertanto di 130 milioni di euro.

Uniper deve lasciare SDAX

L’importatore di gas Uniper deve lasciare SDAX per le small cap dopo essere stato salvato dallo stato. Da oggi, il produttore di celle a combustibile SFC Energy è presente nell’indice. La sua quota ha chiuso debolmente, perdendo quasi il tre percento.