Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DAX in rialzo dell’1 percento: guadagni all’inizio dell’anno


Rapporto di mercato

A partire dal: 01/02/2023 18:09

Il DAX è salito all’inizio dell’anno ed è salito nuovamente sopra i 14.000 punti. Tuttavia, gli investitori hanno perso New York e Londra, lasciando dubbi sulla ripresa.

L’inizio dell’anno nel mercato azionario nazionale ha avuto successo. Il principale indice DAX ha superato i 14.000 punti e ha chiuso a 14.069 punti, con un aumento giornaliero dell’1,05%. L’indice MDAX delle azioni medie è aumentato dell’1,43% e ha chiuso a 25.475 punti.

La maggior parte degli investitori dovrebbe essere felice di superare il 2022. Perché l’anno scorso è stato un pessimo anno di investimenti. Dopo perdite temporanee superiori al 26%, il DAX era ancora in calo del 12% alla fine dell’anno.

Anche l’ampio assortimento non ha aiutato molto: le obbligazioni hanno perso ancora più visibilmente: l’Euro Bund Future Index, un importante indicatore dei titoli di stato a lungo termine, è sceso di un enorme 22% dall’inizio dell’anno. Lo sfondo dello sviluppo che fa riflettere è il ritmo sempre più aggressivo delle banche centrali, che hanno inasprito i tassi di interesse nella loro lotta contro l’inflazione.

L’anno del mercato azionario in realtà non inizia fino a domani

Poiché molte borse internazionali erano ancora chiuse oggi, in particolare Wall Street e la Borsa di Londra, gli esperti vedono solo un significato limitato ai guadagni di prezzo di oggi. “Il mercato azionario 2023 non inizierà davvero fino a domani”, ha affermato il gestore di portafoglio Thomas Altmann del consulente per gli investimenti QC Partners.

Anche materie prime come il petrolio non vengono scambiate il 2 gennaio. Tuttavia, non è raro che i clienti istituzionali in particolare approfittino dell’inizio dell’anno per essere “in anticipo sull’onda” quando misurano il loro successo all’inizio dell’anno.

Cacciatori di occasioni in movimento

Cercavamo principalmente titoli che hanno sottoperformato nel 2022, come Vonovia di DAX real estate o TAG Immobilien e Aroundtown di MDAX, ma anche il rivenditore online Zalando o la società di prodotti chimici speciali Covestro. È qui che alcuni dei cacciatori di occasioni di livello inferiore mettono le mani sopra.

READ  Gli esperti avvertono del nuovo programma truffa "Alcom"

D’altra parte, le scorte di laboratorio e diagnostiche sono in calo, soprattutto perché questo settore era molto richiesto lo scorso anno. Il patrimonio di Sartorius è arrivato secondo, perdendo oltre il sei percento. Anche Qiagen si arrende.

Le osservazioni di Sartorius non soddisfano

Il motivo delle forti perdite di prezzo di Sartorius sono state le dichiarazioni rilasciate dal presidente dell’azienda Joachim Kreuzberg, che non sono state ben accolte. Sartorius prevede quindi di acquisire altre società nei prossimi anni. La strategia, in cui il numero di acquisizioni è in media due volte l’anno, dovrebbe essere proseguita, ha affermato Kreuzberg dell’agenzia di stampa dpa.

Alla fine della settimana, Kreuzberg ha anche affermato che la carenza di lavoratori qualificati si era nel frattempo trasformata in una carenza di lavoratori, il che rappresentava anche una sfida per Sartorius.

Cosa fanno le banche centrali?

La domanda centrale nel nuovo anno di borsa rimarrà per quanto tempo e quanto durerà l’attuale ciclo dei tassi di interesse per le principali banche centrali. Al momento non se ne vede la fine, né in Europa né negli Stati Uniti. Tuttavia, non ci sarà alcun cambiamento nella politica monetaria a meno che le pressioni inflazionistiche non si allentino. La stessa BCE prevede che non raggiungerà presto il suo obiettivo di inflazione del 2%. Per il 2023 deve quindi valere quanto segue: il trend deve essere corretto, come è avvenuto di recente negli Stati Uniti d’America.

Robert Halfer, stratega di mercato presso Baader Bank, prevede che le pressioni inflazionistiche diminuiranno, “perché dalla primavera in poi, l’impatto fondamentale degli aumenti dei prezzi delle materie prime e dei colli di bottiglia dell’offerta diminuirà sempre di più rispetto all’anno precedente”.

“Molto ora dipende dai dati economici e da come le aziende intendono prepararsi a una potenziale recessione imminente”, ha affermato Craig Erlam, osservatore di mercato presso il broker Oanda.

READ  Gigante tecnologico in numeri: le azioni Amazon salgono a doppia cifra davanti al mercato: Amazon con una forte crescita degli utili - numeri convincenti - annuncia l'aumento del prezzo di “Prime” | newsletter

Quanto è profonda la recessione?

A proposito di recessione: gli esperti concordano sul fatto che ci sarà una recessione nel 2023 nonostante l’aumento dei prezzi. Ma quanto è potente questo e cosa è effettivamente incluso nei corsi?

Il capo della banca centrale tedesca, Joachim Nagel, non vede il pericolo di una forte contrazione economica nel nuovo anno, nonostante ulteriori aumenti dei tassi di interesse. “Sono ottimista sul fatto che possiamo evitare una grave recessione”, ha detto al Journal of the Whole Banking System. È probabile che il paese sfugga a un occhio nero? La prospettiva deve supportare i corsi.

Numero record di persone al lavoro

Nel frattempo, ci sono notizie positive dal mercato del lavoro tedesco: più persone sono state impiegate nell’economia tedesca lo scorso anno che in qualsiasi momento dalla riunificazione. Secondo l’Ufficio federale di statistica, il numero è aumentato dell’1,3% a una media di 45,6 milioni di persone nel corso dell’anno. Questo ha raggiunto Corona e ha superato il precedente massimo pre-crisi del 2019 di 45,3 milioni, secondo quanto riportato dall’ufficio.

L’euro è un po’ più debole e le obbligazioni stanno aumentando

L’euro è leggermente sceso il primo giorno di negoziazione del nuovo anno. Nel tardo pomeriggio, la moneta unica europea è stata scambiata in calo dello 0,5% a 1,0654$. Nelle prime contrattazioni, l’euro era ancora sopra $ 1,07. La Banca centrale europea (BCE) ha fissato il tasso di riferimento a $ 1,0683 (venerdì: $ 1,0666).

Il commercio non ha una direzione chiara. Infine, i principali mercati di Londra e New York sono stati chiusi per un giorno festivo. I dati economici dell’Eurozona difficilmente muovono il mercato obbligazionario.

Nel frattempo, lunedì i prezzi delle obbligazioni tedesche sono aumentati. Il rendimento corrente è sceso dal 2,50% di venerdì al 2,47%, come annunciato dalla Deutsche Bundesbank a Francoforte. Il rendimento del Treasury decennale è sceso al 2,434% dal 2,562% di venerdì.

READ  Walt Disney balza nei prezzi: i numeri di Corona in Cina fanno tremare Wall Street

Rheinmetall: importante ordine per componenti per veicoli elettrici

Il gruppo di armi e il fornitore automobilistico Rheinmetall hanno ricevuto un importante ordine per sostituire le parti protettive nei veicoli elettrici. Il valore totale dell’ordine è di oltre un quarto di miliardo di euro, ha annunciato MDAX. In base a ciò, Rheinmetall fornirà a un produttore tedesco premium i contattori per una nuova piattaforma di veicoli elettrici a partire dal 2025. Gli appaltatori devono consentire l’avvio e l’arresto in sicurezza dei veicoli elettrici con un sistema elettrico ad alta tensione di 900 V. Rheinmetall non ha nominato il cliente.

Airbus è interessata alla divisione IT di Atos

Secondo un comunicato stampa, Airbus vuole acquisire una quota di minoranza nella divisione di sicurezza informatica di Atos. Così il produttore di aeromobili ha avviato colloqui esplorativi con la società informatica, scrive Les Echoes, citando fonti informate.

Ci sono sondaggi con potenziali acquirenti per la futura società autonoma di Evidian, ha affermato Atos, in cui Atos riunisce una divisione di sicurezza informatica e alcune altre aree di attività. Tuttavia, i colloqui sono ancora in una fase iniziale. Airbus ha rifiutato di commentare l’articolo del giornale.

La consegna di Tesla è stata inferiore alle aspettative

Il produttore americano di auto elettriche è cresciuto nell’ultimo anno, ma ultimamente non così fortemente come previsto dagli esperti. Nel quarto trimestre, il numero di consegne è aumentato di quasi un terzo a circa 405.000 copie, ha annunciato oggi ad Austin (stato americano del Texas) la società guidata dal miliardario tecnologico Elon Musk. Gli esperti del settore prevedevano circa 421.000 veicoli.

Tesla ha dichiarato di aver consegnato circa 1,3 milioni di auto elettriche per l’intero anno. Ciò corrisponde a un aumento del 40% rispetto all’anno precedente. Tesla prevede di rilasciare i numeri completi per il quarto trimestre e il 2022 il 25 gennaio.