Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DAX a 13.800 punti: gli investitori osano di nuovo


Rapporto di mercato

Stato: 08/12/2022 18:10

Con grande fiducia da parte degli Stati Uniti nel suo bagaglio, il DAX ha continuato ad avanzare verso la fine della settimana. L’inflazione leggermente più bassa negli Stati Uniti ha soddisfatto gli investitori per alcuni giorni.

L’ultimo rally temporaneo del mercato azionario è proseguito nell’ultimo giorno di negoziazione della settimana. Pertanto, il DAX rimarrà per il momento a un livello elevato. Alla fine del lavoro, il principale indice tedesco ha attaccato ancora una volta il segno di 13800 punti.

Il DAX alla fine ha chiuso a 13.795 punti, appena sotto e in rialzo dello 0,74%. Su base settimanale, ciò si traduce in una crescita di circa l’1,6%. Il range gestibile oggi era compreso tra 13.705 e 13.813 punti. Il calo della volatilità indica che il nervosismo degli investitori sta diminuendo.

L’inflazione negli Stati Uniti è in calo, ma gli esperti continuano a mettere in guardia

Già a metà settimana, il calo dell’inflazione negli Stati Uniti ha alimentato le speranze che anche la Federal Reserve statunitense possa essere in grado di aumentare i tassi di interesse di riferimento in modo più moderato. Recentemente, anche i prezzi alla produzione e all’importazione sono aumentati meno del temuto, supportando l’attuale buon umore in borsa.

Tuttavia, in termini assoluti, i numeri restano alti e ben al di sopra degli obiettivi della Fed. I prezzi al consumo sono aumentati l’ultima volta dell’8,5% su base annua a luglio, in calo dal 9,1% di giugno. La Federal Reserve statunitense considera neutrale l’inflazione del 2,0%.

Quindi non c’è da stupirsi che esperti e banchieri centrali non siano ancora in grado e non siano disposti a dare tutta la chiarezza nella lotta all’inflazione. “Forse il giubilo negli scambi globali è un po’ prematuro”, ha scritto l’analista di IG Markets Christian Henk. La Fed potrebbe continuare la sua politica monetaria più restrittiva per un periodo più lungo.

Anche i commenti di Mary Daly, presidente della Federal Reserve di San Francisco, lo hanno indicato. Ha detto che l’inflazione è ancora molto alta, motivo per cui una politica monetaria restrittiva è prevista per il prossimo anno. Per Daly è del tutto concepibile un aumento del tasso di 0,75 punti percentuali a settembre.

Wall Street estende i guadagni – Il sentimento dei consumatori aumenta di nuovo

I prezzi sono aumentati anche a Wall Street, con il Dow Jones Leading Index ora in rialzo di circa lo 0,6%. Tecnologia Il Nasdaq espande il suo dividendo in modo più aggressivo all’1,2% e all’apertura era ancora circa mezzo punto percentuale in più. Anche l’S&P 500 a livello di mercato è piatto nel verde allo 0,9%.

READ  Agenzia statunitense: la Food and Drug Administration statunitense raccomanda il vaccino BioNTech per i bambini

Dal punto di vista economico, nel pomeriggio c’è stato un vento favorevole al mercato azionario. La fiducia dei consumatori statunitensi è aumentata più del previsto ad agosto.

Il clima dei consumatori intervistato dall’Università del Michigan è aumentato di 3,6 punti a 55,1 punti rispetto al mese precedente, ha annunciato l’università dopo un primo round di sondaggi. Gli economisti si aspettavano solo un aumento a 52,5 punti. A giugno, la fiducia dei consumatori è scesa al minimo storico di 50,0 punti. La ragione principale del recente umore debole tra i consumatori è stata l’elevata inflazione.

L’euro è tornato sotto $ 1,03

Il tasso di cambio dell’euro è sotto pressione durante la negoziazione. La moneta unica europea viene scambiata a $ 1,02551 nel tardo pomeriggio. Al mattino, l’euro era ancora sopra $ 1,03. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0285 (giovedì: 1,0338) dollari

La valuta comune è attualmente alle prese con il segno di $ 1,03. Già mercoledì, l’improvviso forte calo dell’inflazione estremamente elevata negli Stati Uniti ha avuto un impatto sul dollaro, spingendo così l’euro sopra 1,03 dollari.

In mattinata, l’euro ha ricevuto un certo supporto dai dati economici sorprendentemente forti dell’Euro-Zone. I produttori hanno ampliato la produzione a giugno molto più del previsto. Inoltre, il dato di maggio è stato notevolmente rivisto al rialzo.

Prezzi bassi del petrolio

I prezzi del petrolio stanno scendendo ulteriormente dopo i guadagni del giorno precedente. Il prezzo di un barile (159 litri) della varietà North Sea Brent e della varietà American West Texas Intermediate (WTI) è sceso di circa il 2%. Il greggio Brent è sceso di nuovo appena sotto i 100 dollari al barile.

Ieri, l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha aumentato le sue previsioni per la domanda di petrolio quest’anno, facendo aumentare i prezzi rispettivamente di oltre il quattro e tre per cento. Tuttavia, l’incertezza è stata causata dal fatto che l’OPEC presume una minore domanda di petrolio a causa dell’incertezza economica e ha abbassato le sue previsioni per la terza volta da aprile. Attualmente c’è molta incertezza nel mercato in termini di domanda, ha affermato Justin Smirk di Westpac. Finché questa situazione persiste, il mercato rimarrà volatile.

Il calo delle vendite della Volkswagen si è fermato

Il calo di un mese delle vendite Volkswagen ha perso gran parte della sua intensità a luglio. Il gruppo ha consegnato ai clienti un totale di 725.400 auto. Sono solo 200 in meno rispetto allo scorso anno. Negli ultimi mesi, il Wolfsburg ha registrato un calo significativamente più forte, per un totale di 12 mesi consecutivi. Dall’inizio dell’anno le consegne sono state di 4,6 milioni di veicoli, quasi un quinto in meno rispetto allo stesso periodo del 2021.

READ  Microsoft supera Apple come società di borsa più preziosa

Bayer non è tenuta a risarcire BASF

Le azioni Bayer hanno guadagnato oggi nel DAX, con un notevole aumento del 4,6%. Perché nella disputa su un accordo del 2018, Bayer non deve pagare miliardi di miliardi dal colosso chimico BASF a titolo di risarcimento. Un collegio arbitrale della Camera di Commercio Internazionale (ICC) di Parigi ha respinto una causa intentata da BASF in merito all’acquisizione dell’attività iniziale di Bayer.

Nel contesto dell’acquisizione della Monsanto, Bayer è stata costretta a ritirare parte della sua divisione Crop Science a causa di requisiti imposti dalle autorità antitrust. BASF ha acquisito il business delle sementi e ha pagato circa 7,4 miliardi di euro. Tuttavia, Bayer non ha adeguatamente riferito sulla struttura dei costi delle regioni e ha quindi criticato BASF. Secondo una fonte informata, la controversia ammontava a circa 1,7 miliardi di euro oltre interessi.

EnBW guadagna di meno

subordinare EnBW Energy Company Alle prese con il forte aumento dei costi di approvvigionamento nel business della vendita di energia elettrica e gas. Nella prima metà dell’anno il risultato operativo dell’intero gruppo è sceso del 3,7 per cento a 1,42 miliardi di euro. Nelle vendite, il risultato è crollato del 49 percento a circa 115 milioni di euro. In circolazione, hanno influito sul risultato i costi di approvvigionamento sostitutivi per i volumi di gas persi a seguito di minori consegne dalla Russia.

D’altra parte, il business dell’elettricità verde è aumentato del 43% a 547 milioni di euro. Ciò è dovuto in particolare al miglioramento delle condizioni del vento nei parchi eolici offshore e onshore, ai prezzi più elevati e alla messa in servizio di nuovi parchi solari.

Caso di forte domanda a Jungheinrich

Presso lo stabilimento di carrelli elevatori Jungheinrich, a metà anno il portafoglio ordini è pieno. Come annunciato da MDAX, gli ordini in entrata sono leggermente aumentati nella prima metà dell’anno e alla fine di giugno ammontavano a quasi 2,5 miliardi di euro. Le vendite sono aumentate dell’11% a 2,2 miliardi di euro. Di questi, l’utile operativo prima degli interessi e delle imposte (EBIT) di 162 milioni di euro è rimasto leggermente inferiore a quello dell’anno precedente.

READ  Deutsche Post è un cambiamento radicale nella consegna di lettere e pacchi

Knorr Premise guadagna meno

Il produttore di freni per autocarri e treni Knorr-Bremse ha registrato profitti inferiori nel secondo trimestre a causa dei problemi in Cina e del ritiro dal mercato russo. L’avanzo di pertinenza degli azionisti è diminuito di un buon terzo anno su anno a 105,8 milioni di euro. La società con sede a Monaco è particolarmente alle prese con il fatto che gli operatori ferroviari cinesi hanno tagliato la spesa a causa della chiusura regionale del Covid e del ridotto utilizzo della capacità, e di conseguenza anche il mercato cinese degli autocarri sta soffrendo. Inoltre, hanno avuto un impatto negativo i costi del ritiro dalla Russia a causa delle sanzioni derivanti dalla guerra di aggressione russa contro l’Ucraina.

Richiesti biocarburanti – Sudzucker alza di nuovo le aspettative

Grazie al buon lavoro con i biocarburanti, il gruppo agricolo Südzucker ha alzato per la seconda volta in due mesi le sue previsioni di guadagno. Per l’anno fiscale 2022/23, “a causa di un netto miglioramento delle prospettive per il segmento CropEnergies”, con un fatturato compreso tra 8,9 e 9,3 € (anno precedente 7,6) miliardi, un risultato operativo compreso tra 450 e 550 € (anno precedente 332) milioni sono ora previsti. La società di Südzucker CropEnergies produce bioetanolo, un combustibile vegetale che viene miscelato nel carburante per veicoli.

Ho chiesto ad Apple

Apple ispira fiducia a Wall Street con dichiarazioni sulla produzione di iPhone. Secondo il gruppo, quest’anno dovrebbero essere prodotti almeno tanti iPhone di ultima generazione come l’anno scorso. Apple conta sui clienti facoltosi e sulla riduzione della concorrenza per contrastare la recessione globale nel settore dell’elettronica. Le azioni di Apple, incluse anche nel principale indice statunitense Dow Jones, sono aumentate dell’1,4%.

Twitter riattiva le regole contro le fake news

Tre mesi prima delle elezioni di medio termine del Congresso degli Stati Uniti, il servizio SMS Twitter vuole rilanciare i posti di lavoro per prevenire post falsi e fuorvianti. Lo ha annunciato la società. Ciò attiva una politica introdotta nel 2018 che vieta agli utenti di pubblicare contenuti ingannevoli volti a dissuadere gli elettori dal votare. Inoltre, sono vietate dichiarazioni volte a minare la fiducia nelle elezioni. Ciò include informazioni false sul risultato elettorale.