Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dal legno all’acciaio: crollano i prezzi di molte materie prime

Dal legno all’acciaio
Molti prezzi delle materie prime stanno crollando

Di Max Borowski

I colli di bottiglia dell’offerta e gli aumenti dei prezzi hanno dominato i titoli dei giornali per diversi mesi. Tutto sembra essere raro e costoso. Almeno questo è il numero di aziende, dai produttori di automobili ai produttori di alimenti, che giustificano gli aumenti dei prezzi a volte elevati. Tuttavia, questa tendenza si è ora invertita per molte materie prime e prodotti primari. Per alcune materie prime, i prezzi all’ingrosso in borsa sono crollati. qualche esempio:

rame

Rame (LME) 7.710,00

Il prezzo del rame è uno degli indicatori dell’economia globale. Per quanto scarse siano le prospettive per l’economia globale dall’America all’euro e dalla Cina ai grandi paesi emergenti, così sono i prezzi del metallo necessario per tutti i tipi di edifici, impianti industriali e macchinari. Nel 2020 e nel 2021, il prezzo dei contratti futures sul rame, ovvero i certificati di scadenza per la consegna futura del rame, è aumentato notevolmente nelle borse perché i trader di materie prime si aspettavano che l’economia si riprendesse rapidamente. Si aspettavano che l’offerta non sarebbe stata al passo con la domanda. Dopo aver raggiunto un record di oltre $ 10.800 per tonnellata all’inizio di marzo di quest’anno, è sceso di oltre il 30 percento, a volte meno di $ 7.000.

ferro e acciaio

I prezzi di altre materie prime di base avevano già raggiunto livelli record lo scorso anno, quando l’economia stava ancora migliorando in molte parti del mondo e l’invasione russa dell’Ucraina sembrava a molti inimmaginabile. Questo include il minerale di ferro. Nel luglio dello scorso anno, il prezzo per tonnellata era di $ 220. Oggi il prezzo per tonnellata è solo di circa 110 dollari. Il prezzo dell’acciaio si sta sviluppando in modo simile, sebbene contenga non solo materie prime minerali, ma anche molta energia, il cui prezzo sotto forma di carbone e gas è ancora a un livello record.

Grano

Anche il prezzo di uno dei più importanti prodotti agricoli e alimenti di base è aumentato in molti paesi negli ultimi anni. Con l’attacco della Russia all’Ucraina e le preoccupazioni per le consegne di questi due importanti esportatori agricoli, il Chicago Futures Exchange, il principale scambio di materie prime, è salito a 1.250 dollari per staio (capacità di circa 35 litri). Il prezzo è poi sceso di nuovo di oltre un terzo a circa $ 780 oggi. Nonostante il recente calo, il prezzo del grano è ancora quasi il doppio rispetto agli anni pre-coronavirus. Per molti paesi poveri la cui popolazione dipende dalle importazioni di grano, questo è ancora molto costoso.

olio di palma

Il prezzo dell’olio di palma, che non si trova solo in molti alimenti ma anche in altri prodotti come i cosmetici, è diminuito di circa la metà da quando ha raggiunto il livello record nell’aprile di quest’anno. Il cotone, che era ancora a un livello record nel maggio 2022, è di nuovo più economico del 30%.

Tuttavia, questo sviluppo non è lo stesso per tutti i prodotti agricoli. Molti prodotti animali, dalla carne ai latticini alle uova, sono ancora a livelli record.

Semiconduttori

Il calo dei prezzi non è in alcun modo visibile nel caso di materie prime quotate in borsa. Anche per i chip per computer, la cui carenza fa notizia in tutto il mondo da circa due anni, i prezzi stanno scendendo, ma non per tutti i tipi. Secondo la società di ricerche di mercato taiwanese TrendForce, i chip di memoria DRAM sono diminuiti di oltre il dieci percento nell’ultimo trimestre rispetto all’anno precedente. Secondo gli esperti, lo sviluppo potrebbe peggiorare nei prossimi mesi. I processori che non solo alimentano computer e smartphone, ma sono integrati in tutti i tipi di prodotti elettronici, automobili e armi, sono ancora molto richiesti e potrebbero diventare più costosi.

Legna

Lo sviluppo di dette materie prime è un trend che proseguirà e raggiungerà anche i consumatori a distanza di tempo? Questo non è certo. Un avvertimento delle prime speranze per la fine degli aumenti dei prezzi globali è il prezzo del legname statunitense. La materia prima più importante per l’industria edile statunitense è stata una delle prime grandi strozzature di approvvigionamento che hanno paralizzato parti dell’economia. Poi la bolla è scoppiata e il prezzo è crollato di oltre il 70 percento in poche settimane, triplicando nuovamente alla fine dello scorso anno e questa primavera, prima di scendere nuovamente. Attualmente, il costo di un piatto da 1.000 piedi, l’unità standard dei futures del mercato azionario statunitense, è di $ 550, meno di un terzo del record del 2020. Se l’economia globale rimbalza di nuovo e la domanda aumenta, l’andamento dei prezzi di altre materie prime potrebbe anche tornare rapidamente indietro.

READ  Protezione dell'elettronica costosa: staccare la spina in caso di fulmini e tuoni?