Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dal Bauhaus all’Italia”: Mostra su Pfeiffer Wattenful

Il Museo Gunzenhauser dedica una nuova mostra alle opere dello studente del Bauhaus Max Peiffer Watenphul, che aprirà al pubblico domenica. Chemnitz Art Collections ha annunciato giovedì che il suo obiettivo era il networking sull’avanguardia artistica del suo tempo. Oltre alle opere di Peiffer Watenphul, sono esposte anche opere della sua collezione personale. Vengono citati artisti come Lionel Fininger, Oscar Schlemmer e Alexei von Javlensky.

Biefer Wattenful (1896 – 1976) studiò legge prima di approdare allo State Bauhaus di Weimar. Secondo i rapporti, ha mostrato un talento eccellente lì ed è stato particolarmente incoraggiato. Ha fornito un rapido accesso a vari laboratori e al suo studio. In seguito ha lavorato come libero professionista, ha viaggiato molto ed è diventato insegnante alla Fokwang School di Esan. Ha mantenuto molti contatti con altri artisti, galleristi e scrittori che hanno influenzato il suo lavoro. Ad esempio, si dice che la sua amicizia con il pittore Otto Dix abbia suscitato il suo interesse per i ritratti.

Peiffer Watenphul è meglio conosciuto per i suoi dipinti di paesaggi, anche a Venezia. Scene di Venezia, Weimar e Ruhr si possono trovare nella mostra di Semnitz, ma ci sono anche ritratti dell’acquerello del 1922 “Donna con paglia calda e fiore”. Queste opere provengono da istituti di credito internazionali e collezioni d’arte Semnitz. “Dal Bauhaus all’Italia” apre sabato sera ed è visibile fino al 12 giugno.

READ  La Gran Bretagna si rilassa - L'Italia stringe: quale strategia corona è giusta per noi?