Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crepe profonde nel mondo dell’Eintracht

  1. Pagina iniziale
  2. solitudine

creatura:

a: Thomas KilchensteinE il Ingo Dorstoitz

Eintracht Frankfurt: sbagliano anche i migliori: Kevin Trapp nello 0-1 contro il Wolfsburg. © Jan Huebner / imago

All’Eintracht Francoforte, dietro le quinte, le cose hanno cominciato a peggiorare dopo la sconfitta contro il Wolfsburg: tensioni tra il tecnico Glasner e il direttore sportivo Kroc.

Francoforte – Peccato come Max Kroes, che sabato ha deciso pubblicamente per sempre al Wolfsburg I professionisti dell’Eintracht Frankfurt non si sono comportati bene (finora), ma domenica (11 settembre) diversi combattenti suonano da molto tempo. Allena altrimenti la comprensione Oliver Glasner Dopo una prestazione desolante nella sconfitta interna per 0:1 (0:0) contro l’imbattuto Wolfsburg, ha tirato fuori alcune altre corde, corde precedentemente non pubblicamente note dalla copertina, ma questa volta sottile austriaco. . Glasner è stato archiviato dopo un fallimento non necessario e non voleva sopportare una performance così incruenta e succosa. Così ha messo la sua bacchetta nei lacci e ha lasciato che la sua rabbia si scatenasse nella suite della cabina.

La sua squadra ha agito “lentamente, lentamente, con piccoli pugni e nessuna insistenza”. L’allenatore di calcio, 48 anni, si è lamentato: “Raramente abbiamo avuto profondità. Siamo morti all’esterno”. Gli standard erano “disastrosi”, “disastro”. Non solo con il resoconto dell’allenatore, profondamente deluso: la prestazione “non ha nulla a che vedere con quello che vogliamo e possiamo giocare”, ha esclamato Glasner, “mancava dappertutto”. Promettendo “parole dure e chiare” per domenica, ha alzato uno specchio davanti ai suoi giocatori. “Se Djibril Su, che ha giocato più minuti, è il giocatore più aggressivo in campo, allora molti altri stanno sbagliando qualcosa”. Coinvolgerà solo i giocatori che sono in grado di “giocare il nostro calcio forte”. Boh, era ovvio.

READ  Eintracht Francoforte: 20 per cento in meno per il presidente Peter Fischer se rieletto Sport

Eintracht Frankfurt dopo il fallimento del Wolfsburg: disaccordo e indignazione

In ogni caso, il presunto mondo perfetto dei vincitori della Coppa dei Campioni sembra aver avuto delle profonde crepe ultimamente. Dietro le quinte ci sono gorgoglii e ribollenti, ci sono tensioni, è sempre stato un ricordo del passato. Allenatore Glasner e direttore atletico Marco Croce Rappresentato dalla questione dell’attuale composizione del personale, compresa l’ultima politica di trasferimento, idee non corrispondenti. La squadra non sembra essere ben equilibrata, l’equilibrio non è giusto, molto è stato investito in ampiezza, e poco Non ci sono offerte di lavoro occupate a Eintracht. All’allenatore non piace. Tuttavia, il manager Crouch si aspetta che la squadra e i giocatori si sviluppino ulteriormente e crede che la squadra stia andando bene.

La partita contro il Wolfsburg è stata un chiaro passo indietro. Anche l’operazione pubblica di Glasner dopo il fallimento non è stata ben accolta internamente. Infatti la miccia dell’allenatore si è accorciata, il suo ruggito permanente irrita la squadra, oltre a rimproverare i singoli giocatori. Dopo la partita contro il Wolfsburg, ad esempio, l’allenatore ha rimproverato il sostituto offensivo Jesper Lindstrom Molto udibile. Sembra che molte cose siano crollate nelle ultime settimane. Non si può nemmeno escludere un’escalation della situazione, se la trasformazione non funziona matematicamente.

Certo, sarebbe auspicabile che i due leader si unissero e si liberassero con calma delle disarmonie nello spirito di una proficua collaborazione e al fine di raggiungere obiettivi sportivi ambiziosi. Sembra strano che il mondiale dell’Eintracht sia svincolato solo tre mesi e mezzo dopo la vittoria di Siviglia. D’altra parte, molto cambia quando hai successo.

READ  Spielberg FB 3: Johann Zarco davanti a Quartararo e Miller/MotoGP

Eintracht Frankfurt vs Wolfsburg: il peggior punto della stagione

Così presto, così presto nella stagione, ha detto Glasner prima della partita del Wolfsburg, ha dovuto fare i conti con problemi “non vuoi come allenatore”: cinque difensori infortunati, mancanza di sostituti, quindi l’allenatore ha dovuto giocare buchi le cose. Questo non funziona sempre. E ancora non ha trovato un’idea coerente su come giocare in una squadra bassa. Un problema non nuovo ma da risolvere in questa stagione. Anche per questo è venuto Mario Gotze a Francoforte.

Di certo non è stata una buona idea mettere Randall Kolo-Moany sull’ala contro il Wolfsburg. L’allenatore del VFL Niko Kovac ha predetto in anticipo che Kolo Moine aveva un grande rispetto per lo scomodo giocatore francese. Così la sua forza da fuori è svanita, Raphael Buri ci ha riprovato invano in attacco. E se la Stringa delle Quattro Saggezze sia l’ultima parola, nonostante la mancanza di una bacchetta, è anche una questione aperta.

La partita contro il Wolfsburg è stata finora il punto più basso della stagione. Niente è identico. “Molto lentamente”, hanno giocato a calcio, è stato giudicato Crouch. Il Francoforte ha solo una seria occasione per segnare, un tiro dalla distanza di Christian Jacic (39° posto), caduto con una caduta contro il palo interno, altrimenti nulla convinceva. I Wolves non hanno dovuto fare nulla di straordinario per rivendicare la loro prima vittoria della stagione. L’Eintracht ha giocato senza alcuna pressione, si è sovraperformato a vicenda in cross e back, nessuno ha provato a dribblare e sembrava tutto Bomadij. Il fatto che il supporto più affidabile sia scivolato poi si adatta al quadro sbagliato: il portiere Kevin Trapp Giudicato male un calcio d’angolo con gravi conseguenze, Maxence Lacroix ha diretto la palla in porta (60) e Hesion ha subito ancora una volta un gol dopo l’altro. Non ci fu ribellione dopo.

READ  Hannover 96: Hargota squalificato per aver rubato Leitl - 2a Bundesliga

Dopo aver sconfitto il Wolfsburg: Eintracht Francoforte una settimana prima della verità

La pressione nel Bacino di Francoforte aumenta a causa di questa sconfitta inaspettata, soprattutto per coach Glasner che deve provare a rimettersi sulla strada del successo. Non è facile: l’Olympique Marsiglia, dove l’Eintracht ha volato questo pomeriggio e dove martedì si terrà l’inno nazionale (21:00 / data), è di calibro diverso dal Wolfsburg. I francesi hanno anche perso la prima partita in prima divisione, 2-0 in casa del Tottenham, quindi ora hanno bisogno di punti. Nel campionato nazionale, la squadra è seconda dietro al Paris Saint-Germain dopo aver battuto il Lille 2-1 sabato.

Poi l’Eintracht si reca a Stoccarda. Finora, il VfB non è stato in grado di vincere sei partite. Senza dubbio: è la Settimana della Verità Eintracht Francoforte. uscita aperta. (Thomas Kellchenstein, Ingo Durstowitz)