Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Contratto verde’: abbiamo bisogno di 1000 volte Biontech

Una nuova generazione di imprenditori che dedica il proprio lavoro a un obiettivo principale: trovare soluzioni nella lotta ai cambiamenti climatici. Dà speranza che tutte le idee che appaiono lì.

Alla fine degli anni 2000, quando il mercato delle auto elettroniche era ancora piccolo e di nicchia, due giovani camminavano per le strade di Charlottenburg a Berlino e si chiedevano: dov’è l’elettricità qui? Elettricità che può essere utilizzata senza perforare di nuovo? I due uomini videro i parcheggi, ma ce n’erano pochissimi. Hanno visto le insegne al neon e hanno parlato con l’operatore, Struer. Ma questi spazi pubblicitari erano spesso nei posti sbagliati e non ce n’erano davvero molti. Poi videro: lampioni. E così è nata l’idea che anni dopo sarebbe stata una pietra miliare per un grosso problema: come possiamo ottenere abbastanza stazioni di ricarica stradali per tutte le nostre auto elettroniche?

I due uomini erano Frank Paulicek e Knut Hechtfischer, e nel 2008 hanno fondato Ubitricity, che è stata acquistata dalla società energetica Shell nel 2021. La loro idea sembrava semplice: perché non trasformare ogni lampione in una stazione di ricarica: più economica, più veloce e con un “cavo di ricarica intelligente” che conosci immediatamente da Viene spedito?

Pawlitschek e Hechtfischer hanno scoperto come e dove sono collegate le lanterne e se la potenza sarà sufficiente, perché la rete è diversa in ogni città. “Come prova, abbiamo fatto costruire il nostro prototipo di presa di ricarica in un portello di ispezione del lampione davanti al nostro ufficio in Helmholtz Street”, ricorda Paulicek. La linguetta della presa è perfettamente adattata all’albero. Hanno collegato un’Audi, dove hanno rimosso il motore a combustione e installato un motore elettrico. Fondamentalmente tutto era un piccolo palcoscenico, ed era possibile. Un giornalista ha scattato una foto e ha scritto un articolo su “La carriera della seconda lanterna”. “Qualcosa di completamente nuovo è iniziato con questa foto”, afferma Pawlitschek. Ubitricity nasce come starter per caricare la lanterna.

Frank Paulicek è solo uno dei tanti capi di una nuova generazione di fondatori che da anni cercano soluzioni per combattere il cambiamento climatico spesso sotto il radar e nelle nicchie. I pionieri escogitano idee, costruiscono prototipi, raccolgono fondi e avviano attività.

READ  Cosa sta cambiando per i clienti Sparkasse adesso

era fondamentale del verde

Nonostante le battute d’arresto nella protezione del clima, siamo in un periodo di inizio verde. Le giovani aziende stanno emergendo in tutto il mondo e avremo bisogno di loro. Proprio come Biontech ha trovato un vaccino per la corona attraverso il progetto “Lightspeed”, abbiamo bisogno di migliaia di piccoli Biontech. Non andrà sempre alla velocità della luce, ma come Biontech, c’è un obiettivo principale: trovare soluzioni nella lotta al cambiamento climatico. Naturalmente, anche queste aziende vogliono fare soldi. Ma hanno una missione. Stanno ricercando nuovi tipi di accumulo di energia, sistemi per filtrare l’anidride carbonica dall’aria, allevare carne in laboratorio, sperimentare nuovi materiali da costruzione o stazioni di ricarica innovative.

Anche questo è necessario: nel 2050 la metà della riduzione di CO2 deve provenire da tecnologie non ancora pronte per il mercato, ma entro il 2030. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ha calcolato che 90 miliardi di dollari dovrebbero essere investiti in ricerca e sviluppo ogni anno fino all’anno 2030. Attualmente sono 25 miliardi di dollari. Quindi abbiamo ancora bisogno di molti progetti “Lightspeed”.

La fase fino al 2030 è critica: molti piani e strategie di paesi e aziende stanno lavorando fino al 2030, quando qualcosa deve succedere, dopodiché sarà troppo tardi. Per questo siamo di fronte al “decennio verde”: sono gli anni in cui la nostra economia avrà un nuovo sistema operativo. Gli anni in cui abbiamo trasformato fabbriche e impianti industriali, dove abbiamo costruito altiforni per acciaio verde, dove abbiamo creato complessi solari ed eolici di dimensioni completamente nuove, dove dovevamo produrre idrogeno in quantità completamente nuove.

L’auto diventerà il nuovo smartphone

Frank Paulicek, ora all’Hasso Plattner Institute, è solo uno dei tanti fondatori della nuova generazione. E l’uso di un lampione è solo la parte visibile della visione. Paulicek mi ha spiegato che in futuro l’auto dovrebbe essere pensata come un cellulare con contratto. Non importa se stai ricaricando a casa, al lavoro o in un terzo posto, devi lasciare tutti i dati e i nodi all’interno e all’interno dell’auto, utilizzando un contatore elettrico intelligente integrato nell’auto o un cavo di ricarica – e se hai quei dati 24 ore su 24, puoi persino commercializzare la batteria La più grande dell’auto come riserva di energia. L’idea è che l’auto verrà fornita come attrezzatura con un “pacchetto di servizi”. “Questo è stato in realtà il momento clou della tirannia”, ha spiegato Pauliczic.

READ  Sparkasse elimina la funzionalità di pagamento con carta EC - nessuna alternativa

L’esempio di Ubitricity è un libro di testo per una serie di motivi: in primo luogo, l’essenza dell’innovazione non è una pozione magica, ma un nuovo modo di pensare. Molti pensano solo al numero di punti di ricarica. I fondatori di Ubitricity hanno ripensato il processo di spedizione in questo modo. La seconda lezione è amara, soprattutto per la Germania: la regolamentazione qui era così ingombrante che ci sono voluti un decennio prima che Ubitricity rendesse disponibile un modello standard – magnificamente chiamato “Heinz” – disponibile dall’autunno 2021 ma molto più costoso. Dopo che migliaia di alberi sono già stati convertiti a Londra, per esempio.

$ 4,6 trilioni di mercato

Innumerevoli giovani aziende sono emerse sul tema della spedizione, promettendo spedizioni migliori o più veloci, costruendo piattaforme, offrendo gestione delle spedizioni o singoli prodotti: Wallbox dalla Spagna, ad esempio, il cui prodotto è diventato quasi un termine generico come le salviette Nutella e Tempo. Fondata da ex dirigenti di Tesla nel 2015, la società è stata valutata 1,5 miliardi di dollari nel 2021.

Mostra anche quanti soldi stanno ora affluendo nel settore. Secondo uno studio del fornitore di dati Dealroom, le startup tecnologiche per il clima sono riuscite a raccogliere 32 miliardi di dollari in tutto il mondo nei primi nove mesi del 2021. La regione in più rapida crescita è stata l’Europa, dove sono stati investiti 8 miliardi di dollari, ben sette volte quello del 2016. E il denaro viene utilizzato in Europa dalla Lituania alla Spagna, con gli hub tecnologici di Londra, Stoccolma e Parigi come i principali motori, secondo il rapporto. L’Europa è un “ecosistema tecnologico altamente connesso”.

C’è ChargeX, per esempio. L’azienda vuole convertire ogni parcheggio in una stazione di ricarica con più prese. Wirelane si è fatta un nome anche in Germania. L’azienda di Monaco, fondata nel 2016, ha scoperto un settore interessante: i parcheggi per aziende e hotel. Tuttavia, le società energetiche come Eon ed EnBW con le proprie reti di ricarica sono attori forti nel mercato in Germania. C’è anche Ionity, un fornitore sostenuto da case automobilistiche con tasche profonde. Ionity si concentra sulla rete merci, in particolare sulle autostrade, ora in 24 paesi europei.

C’è anche una vasta gamma di startup a ricarica rapida, chiamate Enevate, Freewire o EvGO, e hanno sviluppato sistemi che promettono di ricaricare le auto in 5-15 minuti. Freewire parla anche di “booster charger”. In Svizzera, la startup Evtec offre in pochi minuti “ricariche express speciali”. La startup francese Electra vuole rendere la ricarica facile e veloce entro il 2030 “come riempire una stazione di servizio”.

È tutta una questione di velocità

Si vede che non mancano idee e fondatori. Il problema della ricarica è risolvibile, è legato ai ritmi di espansione e alle aree idonee per stazioni di ricarica e parchi divertimento. La domanda sarà quali sistemi e piattaforme prevarranno, perché come pilota non puoi avere decine di carte cliente.

Naturalmente, molti fornitori scompariranno nel mercato delle infrastrutture di ricarica, come in altri mercati della tecnologia climatica, molte idee come prototipi moriranno e le tecnologie non si diffonderanno. Il mercato è ancora giovane, si consoliderà, ma non scomparirà più, crescerà.