Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conferenza delle Nazioni Unite sulla diversità biologica: come le specie invasive minacciano la diversità

Stato: 12/12/2022 15:09

Con la globalizzazione, molte specie animali e vegetali stanno invadendo nuovi habitat. Alcune di queste specie invasive possono causare enormi problemi ambientali ed economici.

Di Dominik Bartoschek, SWR

È alto solo circa quattro centimetri e ha un motivo grigio-nero indistinto. Tuttavia, la vita dentro e sul Lago di Costanza lo capovolge: i bagnanti si fanno male ai piedi nei suoi bordi taglienti. Gli abitanti sottomarini soffrono di concorrenza. Costa ai fornitori di acqua milioni di euro. Conchiglia Quagga.

È originario della regione del Mar Nero ed è stato scoperto per la prima volta nel Lago di Costanza nel 2016, probabilmente portato da imbarcazioni da diporto. Da allora le specie invasive si sono moltiplicate in modo esplosivo, con conseguenze disastrose: “Il lago di Costanza non sarà distrutto. Ma non sarà lo stesso lago”, afferma Sylvain Rosbacher dell’istituto svizzero di ricerca sull’acqua Eawag im. ROS.

Specie invasive – fattori che causano l’estinzione delle specie

L’invasione di cozze quagga illustra questo: gli invasori animali o vegetali possono sconvolgere gli ecosistemi e mettere in pericolo le specie autoctone nel processo. affiliato Consiglio internazionale per la diversità biologica (IPBES) Descrive persino “l’invasione di specie aliene” come uno dei cinque “motori diretti” dell’estinzione globale delle specie.

Tuttavia, non tutte le piante o gli animali migratori di recente (neiothoa) sono generalmente problematici. “La maggior parte delle specie non autoctone che sono riuscite a stabilirsi qui non rappresentano una minaccia per la nostra natura o la nostra salute”, ha affermato. Agenzia federale per la conservazione della natura (BfN). Ma circa il dieci per cento, secondo il BfN, “conta problemi di conservazione della natura”.

READ  Quali sono i primi segni premonitori e sintomi della malattia

Cosa sono le specie invasive?

Le specie che si trovano naturalmente con noi sono indicate come specie autoctone o indigene. Le specie aliene ci hanno raggiunto attraverso l’influenza umana, intenzionalmente (ad esempio come colture) o non intenzionalmente (ad esempio come “clandestini” nell’acqua di zavorra delle navi).

L’anno della scoperta dell’America, 1492, è servito come delineazione cronologica: tutte le specie che sono arrivate fino a noi in seguito sono chiamate neobiota. Da allora, solo in Germania sono state depositate circa 930 nuove specie di organismi, tra cui molte piante utili come patate, mais e pomodori. Inoltre, attualmente ci sono circa 2.000 specie non autoctone di animali, piante e funghi che sono considerati “instabili”, ipotizzando un gran numero di casi non segnalati.

spostamento delle specie locali

Ad esempio, quando mangiano, come i granchi calico, le uova degli anfibi che vivono lì negli stagni, come uno Rapporto SWR Indica. O quando, come il topo muschiato migratore, predano le cozze di fiume autoctone. O se, come i procioni, portano agenti patogeni.

Le specie invasive possono anche alterare interi ecosistemi. Dove oggi, ad esempio, i mitili ricoprono in gran numero il fondo del Lago di Costanza, altre specie altamente specializzate che dipendono da fondali rocciosi o sabbiosi esposti vengono lasciate indietro: il loro habitat naturale è perduto.

Il danno economico è di miliardi

Tuttavia, anche la prevalenza della conchiglia di Quagga sta divorando denaro. Ad esempio, perché l’utilizzo dell’acqua del Lago di Costanza come acqua potabile è diventato più complesso. Secondo il Bodensee Wasserversorgung, “le larve di cozze quagga nuotano in tubi e si depositano come cozze nei tubi di estrazione e nei sistemi di trasporto”. Ciò richiede un regolare lavoro di pulizia e milioni di investimenti nei sistemi di filtrazione.

READ  Notizie attuali sulla demenza: la scoperta di un virus nel cervello degli anziani! L'herpes causa il morbo di Alzheimer?

E questo è solo uno degli innumerevoli esempi di come la diffusione di specie invasive abbia conseguenze economiche. Secondo uno studio recentemente pubblicato dalla Senckenberg Society for Natural Research, i conti tornano danni alla produzione globale da specie invasive, Tra l’altro a causa di perdite di raccolto e oneri per il sistema sanitario, dal 1960 a quasi un trilione di euro.

Combattere è quasi impossibile

Quindi il problema è noto, eppure sta diventando sempre più grande. Ciò è dovuto principalmente al flusso mondiale di merci, che consente a piante e animali di avanzare verso nuove aree sempre come “clandestini”. Secondo un rapporto IPBES del 2019, “Il tasso di introduzione di nuove specie invasive sembra essere più alto che mai e non mostra segni di rallentamento”. Ed è probabile che il cambiamento climatico esacerbi il problema, poiché fa sì che le specie amanti del caldo espandano più facilmente i loro habitat.

Quali sono le specie invasive più problematiche?

L’elenco Invasive Species Specialist Group (ISSG) dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) contiene:100 delle peggiori specie aliene invasive del mondocompreso il granchio saltatore cinese o la zanzara tigre asiatica.

L’Unione europea mantiene un elenco (“l’elenco dell’Unione”) delle 88 specie animali e vegetali attualmente invasive a cui si applicano determinati standard minimi, tra cui prevenzione, diagnosi precoce e monitoraggio, tra cui l’oca egiziana, il cane procione o il balsamo himalayano. I critici affermano che l’elenco include solo una frazione delle specie invasive che causano problemi in Europa.

Ma la capacità di tenere sotto controllo le specie invasive una volta che si sono diffuse è limitata. Prevenzione e, se necessario, misure immediate in una fase molto precoce: di più non è possibile. “Molte delle nuove specie di organismi problematici che si sono stabilite su una vasta area non saranno sradicate”, afferma il BfN. I combattimenti dovrebbero avvenire “solo in singoli casi giustificati” al fine di “tenere sotto controllo la specie o eradicarla localmente”.

READ  Pandemia da Corona Virus: l'Inghilterra deve fornire più letti d'ospedale

Non può più essere estirpato – forse questo vale anche per le piccole e poco appariscenti cozze a motivi grigio-neri del Lago di Costanza: “Se siamo abbastanza fortunati con le cozze quag”, afferma il capo dell’SWR’s Lake Research Institute Langenargen, ” cambierà. Da qualche parte a un certo livello. Ma sicuramente non saremo in grado di sbarazzarcene”.