Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conferenza a Kiev: “Il cambiamento non avverrà fino allo smantellamento del Nord Stream 2”

unAnche i grandi paesi europei hanno inviato la prima squadra: Olaf Schulz, Emmanuel Macron e Boris Johnson – dopo l’altro capo di stato o di governo, hanno elogiato i combattimenti in Ucraina e hanno promesso solidarietà. Sono stato collegato alla seconda conferenza della “piattaforma Crimea” a Kiev. Ogni anno, l’Ucraina invita ospiti internazionali a questo evento per preservare la memoria che non cederà mai la Crimea alla Russia.

Solo un capo di stato sedeva nella stanza accanto al presidente ucraino alla conferenza di quest’anno: il capo di stato polacco Andrzej Duda. Fin dall’inizio ha chiarito agli altri politici che aveva una buona memoria.

“Solo pochi presidenti e primi ministri hanno partecipato al nostro primo incontro”, ha detto Duda, riferendosi alla Conferenza di Crimea l’anno precedente. “All’epoca era un modo di pensare diverso”, ha aggiunto. “Il fatto ovvio che la Crimea appartenga all’Ucraina non era chiaro a tutti in quel momento”.

Conferenza in Crimea a Kiev: la maggior parte dei partecipanti è collegata tramite video

Fonte: piattaforma della Crimea

Duda non ha lasciato dubbi su quale paese avesse in mente in particolare: la Germania. “Lascia che ti ricordi che il Nord Stream 2 è stato costruito dopo l’annessione della Crimea”, ha detto Duda, riferendosi al gasdotto, che il governo tedesco aveva pianificato di costruire contro la resistenza dei partner dell’UE fino all’invasione russa dell’Ucraina il 12 maggio. 24 decenni.

È stata l’accettazione dell’occupazione russa della penisola come un “messaggio sbagliato” e una “pacificazione” che ha solo incoraggiato Vladimir Putin ad annettere più territorio dall’Ucraina.

La politica ambigua della Germania nei confronti della Russia

Il presidente polacco potrebbe anche aver ricordato l’impressione che il governo tedesco ha fatto al Congresso di Crimea dello scorso anno. Il comportamento in quel momento era quasi un simbolo della politica contraddittoria della Germania nei confronti della Russia negli anni tra il 2014 e il 2022. In quella soleggiata giornata di agosto del 2021, che era ancora pacifica almeno a Kiev, i paesi dell’Europa orientale inviarono solo i loro massimi rappresentanti di rango, la maggior parte proveniva da ministri degli esteri.

A sorpresa, ha partecipato il ministro dell’Economia tedesco. L’allora capo del dipartimento, Peter Altmaier (CDU), come tutti i partecipanti, ha promesso solidarietà all’Ucraina. Ma il vero motivo della sua visita era dietro le quinte. È in corso un negoziato con i rappresentanti degli Stati Uniti e dell’Ucraina sul gasdotto Nord Stream 2 sul Mar Baltico.

Leggi anche

WON kombo Philipp Vetter Il cancelliere tedesco Olaf Scholz (a sinistra) e Christian Brusch, Presidente e CEO di Siemens Energy, si trovano di fronte a una turbina del gasdotto Nord Stream 1 durante una visita il 3 agosto 2022 presso la centrale elettrica Siemens di Mülheim nella Ruhr regione della Germania occidentale dove è immagazzinato il motore Dopo i lavori di manutenzione in Canada.  - Il 3 agosto 2022 il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha dichiarato che la Russia è responsabile di impedire la consegna delle turbine di cui ha bisogno per mantenere il flusso di gas in Europa.  Il colosso energetico russo Gazprom ha interrotto il funzionamento di una delle ultime due turbine operative del gasdotto Nord Stream 1 a causa di "Condizioni tecniche del motore" Le spedizioni di gas in Europa sono state drasticamente ridotte.  (Foto di Sasha Scheuermann/AFP)

Disturbo del Nord Stream 1

Si trattava di un affare complesso che il governo federale voleva affrontare: porre fine alla costruzione del gasdotto con la Russia, ma allo stesso tempo sostenere l’alleato Ucraina. Questa era la classica schizofrenia della politica estera tedesca negli anni della Merkel. Sebbene sia stato riconosciuto che potenze come la Russia e la Cina sono state mostrate più apertamente come nemiche dell’Occidente, sono state mantenute relazioni economiche redditizie con questi paesi.

Sempre nella speranza del “cambiamento attraverso il commercio”, in altre parole, nella convinzione che le relazioni economiche possano essere utilizzate anche per mantenere l’influenza politica sui regimi autoritari. Guardando Vladimir Putin, quella speranza è stata delusa il 24 febbraio quando il presidente russo ha invaso l’Ucraina con il chiaro obiettivo di occupare tutta l’Ucraina.

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_2308-01

Fonte: Mondo Infografico

Quello che è successo è ciò su cui i paesi dell’Europa orientale hanno messo in guardia da anni – e ciò in cui non hanno creduto a Berlino, Parigi o Bruxelles. Quindi il cancelliere ha parlato alla conferenza di Crimea di quest’anno come un chiaro simbolo.

“La Germania è saldamente con l’Ucraina finché l’Ucraina ha bisogno del nostro sostegno”, ha affermato Schultz, che si è unito dal Canada insieme al collega canadese Justin Trudeau. Saranno mantenute le sanzioni contro la Russia, sarà fornita assistenza finanziaria, saranno fornite armi e sarà coinvolta la ricostruzione.

“Sono sicuro che l’Ucraina supererà l’ombra oscura della guerra, perché è forte, coraggiosa e unita nella sua lotta per l’indipendenza e la sovranità”, ha affermato il cancelliere. “E perché ha amici in Europa e in tutto il mondo”.

Leggi anche

I prossimi mesi mostreranno fino a che punto si spingerà la lealtà di questi amici. Simile alla Crimea nel 2014, la Russia prevede di incorporare più aree occupate in Ucraina attraverso referendum e, sotto la crescente pressione economica, ci sono frequenti appelli, soprattutto in Germania, a negoziare con il Cremlino. Con l’attuale corso del fronte, tuttavia, tali negoziati porteranno inevitabilmente l’Ucraina ad accettare perdite territoriali ancora maggiori.

La Crimea costituisce circa il quattro per cento del territorio dell’Ucraina. Tuttavia, la Russia ora ha circa il 20 per cento dell’Ucraina sotto il suo controllo. Per il governo di Kiev, la Crimea è per loro un simbolo, la guerra è vinta solo quando questo valore scende allo zero per cento – anche la Russia si ritira dai territori annessi illegalmente nel 2014.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Dobbiamo vincere la battaglia contro l’aggressione russa”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky al Congresso di Crimea. E per farlo dobbiamo liberare la Crimea dagli occupanti”.

Il suo collega polacco Andrzej Duda lo ha espresso in modo simile, ma ancora una volta ha preso di mira la Germania. “Dopo la guerra, la Russia non deve tornare a com’era solo il 23 febbraio”, ha detto. Mosca deve restituire tutta l’Ucraina, compresa la Crimea. E la Germania deve anche chiarire che vuole tornare non solo prima del 2022, ma anche prima del 2014.

“Il vero momento del cambiamento è quando il Nord Stream 2 non si ferma”, ha detto Duda. Ma quando l’oleodotto si rompe di nuovo quando ce ne liberiamo”, ha detto.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

READ  Il portavoce di Putin sorprende con la tesi di Odessa - Zelensky accusa la Russia di terrorismo