Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come l’Italia vuole evitare l’abbraccio della Cina: l’economia

L’Italia era una volta schiava della Cina. Non è passato molto tempo. L’ex primo ministro Giuseppe Conte ha accolto tre anni fa il presidente cinese Xi Jinping nella magnifica Villa Madama rinascimentale a Roma e ha firmato un accordo bilaterale sulla partecipazione dell’Italia al progetto storico della Cina “Nuova Via della Seta”. Il flirt di Conte con la Cina nel 2019 ha incontrato un diffuso dispiacere in Occidente e nessun altro paese del G-7 ha partecipato allo sforzo di Pechino.

Dopo il mega accordo, nel novembre 2019 gli italiani hanno firmato una lettera di accordo con China Communications Construction Company (CCCC) per una partecipazione importante nel porto di Trieste, che si adatta perfettamente alla strategia della potenza mondiale emergente. Perché i terminal della città sull’Adriatico settentrionale sono ben collegati su rotaia alle regioni industriali italiane dell’Austria, della Germania e dell’Europa orientale. Trieste fece importanti investimenti che trasformarono la vecchia città portuale nel fulcro italiano della Via della Seta cinese e la porta d’ingresso per l’Europa. Ma nel nord-est d’Italia è quello che non vogliono. Al posto del CCCC, l’operatore del Porto di Amburgo ha operato a Trieste per infrastrutture strategicamente importanti nel Mediterraneo. Nell’ottobre 2020, Hamburger Hafen and Logistic (HHLA) ha acquisito il 50,01% del porto più grande d’Italia.

Basta guardare: Trieste, patria della monarchia austriaca asburgica per cinque secoli e mezzo, esemplifica quanto sia amichevole commerciare solo con alleati. Invece di approfondire la dipendenza economica dell’Europa dalle autocrazie occupanti, gli italiani rafforzarono i legami con il loro principale partner commerciale, la Germania. Questo è avvenuto due anni prima dell’attacco russo all’Ucraina e del conflitto di Taiwan, il che significava che un cambiamento nel commercio estero era ormai sulla bocca di tutti e i cosiddetti amici divennero una parola d’ordine.

READ  Italia: Milan Ultras con ballo corona emozionale nel Derby

Una situazione curiosa si è ora creata a Trieste, con il controverso ingresso della compagnia di navigazione statale cinese COSCO in un terminal del porto di Amburgo. Se gli italiani hanno chiuso a chiave la porta del CCCC da Pechino, i cinesi stanno rientrando in un certo modo dalla finestra per la loro partecipazione al terminal di Amburgo. Cosco non detiene una partecipazione nella HHLA con sede ad Amburgo, uno dei principali azionisti del porto adriatico italiano, ma solo nel terminal di Tollerort ad Amburgo. Risolto però Gestione tedesca del caso Casco L’ansia in Italia.

Particolarmente diffidente è il nuovo governo nazionalista di destra a Roma

L’acquisizione di Amburgo non avrà un impatto diretto su Trieste, afferma Francesca Gretti del Mercator Institute for China Studies (MERIX) di Berlino. Ma la partecipazione solleva interrogativi sulla concorrenza. Cosco è finanziato da fondi statali e quindi non compete allo stesso livello di altri attori del settore. “Inoltre, la posizione dominante sul mercato rappresenta una potenziale leva geopolitica per Pechino”, afferma l’esperto di sicurezza economica.

Particolarmente diffidente è il nuovo governo nazionalista di destra a Roma. “Siamo certamente consapevoli dei rischi dell’egemonia cinese”, ha affermato Adolfo Urso, commentando l’approvazione della partecipazione di Cosco, spinta dal cancelliere Olaf Scholes. Urso, del partito Fratelli d’Italia di Meloni, è a capo del Ministero dell’Economia, oggi chiamato Impresa e Made in Italy. L’Italia confina con l’Europa sul Mar Mediterraneo e protegge le infrastrutture strategiche del Paese dall’influenza di Pechino. “Non ci arrenderemo ai cinesi”, dice Urso. Le società statali cinesi sono interessate anche ad altri porti della penisola mediterranea, tra cui Genova e Palermo.

READ  L'Italia perseguirà potenziali sanzioni contro l'Iran?

Il capriccioso establishment politico italiano ha visto tre cambi di governo dall’accordo sulla Via della Seta con Xi Jinping. Hanno sempre causato un cambiamento di opinione nella politica commerciale internazionale. Non è stato diverso quando la post-fascista Georgia Meloni è entrata in carica con la sua propensione al protezionismo e all’autosufficienza. “La nostra politica mira a garantire l’autonomia strategica dell’Italia e dell’Europa in tutte le filiere importanti”, afferma il ministro dell’Economia Urso. “Se altri vogliono passare dalla dipendenza energetica alla dipendenza tecnologica ed economica dalla Cina, non li seguiremo su questa strada”, ha scherzato il governo tedesco.

Lo scorso giugno Draghi ha vietato anche il trasferimento di tecnologie

Per quanto riguarda la Cina, invece, Meloni prosegue sulla strada intrapresa dal predecessore Mario Draghi per riportare il suo Paese da Pechino. Draghi ha gradualmente liberato la travagliata nazione europea dall’abbraccio della Cina. Ha controllato 29 accordi bilaterali e ha impedito agli acquirenti cinesi di entrare in settori chiave in 20 mesi. In un primo momento il suo governo ha bloccato la vendita del produttore di semiconduttori. Ha quindi interrotto l’acquisizione del produttore di semi Vericem da parte della società statale cinese Syngenta. Roma ha sostituito la vendita del produttore di droni Albi Aviation. Lo scorso giugno, Draghi ha anche vietato il trasferimento di tecnologia e metodi dal produttore di robot italiano RoboX al suo investitore cinese. A volte non è nemmeno necessario l’intervento del governo. Il gruppo di macchine agricole e movimento terra CNH FAW ha interrotto le trattative per la vendita di una filiale a Jiefang.

La domanda rimane fino a che punto Georgia Maloney spingerà le sue convinzioni fondamentali sulla conservazione. Anche la proposta di ridenominazione di settori importanti è una prova del pensiero del governo nazionalista. Accanto al ministero del “Made in Italy” c’è ora il Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari. Se si accettano le parole del capo del governo, l’economia italiana sarà isolata dal commercio mondiale. Ma non è realistico.

READ  Draghi si giustifica al vaccino corona obbligatorio

Anche una disconnessione dalla Cina sarebbe disastrosa per la nazione esportatrice. Solo i marchi di moda di lusso come Gucci, Prada e Moncler devono la loro ascesa al mercato asiatico. La Ferrari si è ripresa con brillanti risultati trimestrali: al 73%, la crescita delle vendite in Cina ha più che triplicato la crescita dell’azienda. Anche un fornitore come il produttore di freni Brembo ha annunciato che la Cina è diventata il suo secondo mercato più grande. E il frutticoltore siciliano OrangeFriser sta ora vendendo grandi quantità delle sue arance rosse in Cina. Quindi l’autocrazia deve essere uno slogan postfascista.