Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Combinazione station wagon e camion: Dacia Jogger – Un sacco di auto per soldi

Una combinazione di station wagon e camion
Dacia Jogger: molte macchine per soldi

La Dacia Jogger non può competere con i pick-up compatti e le station wagon con il suo design semplice, l’atmosfera e la maneggevolezza. Ma costa anche solo la metà e consente di risparmiare molto spazio. Ma il test drive mostra dove salva la Dacia.

Dacia Jogger offre molte auto al prezzo di una piccola auto. Un ineguagliabile buon rapporto costi-benefici in termini di spazio richiede agli occupanti anche un po’ di disponibilità a scendere a compromessi. Perché non solo l’importo del conto (da 16.100 euro) ricorda un modello della cosiddetta parte B.

La parte posteriore della Dacia Jogger sembra un po’ goffa.

(Foto: Dacia)

Visivamente, la combinazione di station wagon e autocarro con leggeri elementi di crossover è molto interessante. Almeno in vista frontale e in diagonale dalla parte anteriore, il romano di 4,55 metri sembra elegante e proporzionato. Ma poiché la linea del tetto, a differenza della tendenza attuale, non è visibilmente piatta verso la parte posteriore, l’enorme parte posteriore rende il Jogger ingombrante dalla vista laterale e fa pensare a un camion per le consegne più che a una station wagon.

Un sacco di spazio tagliando shishi

L’idea di veicolo commerciale non è però del tutto sbagliata: abbandonare l’eleganza moderna crea spazio. O per i bagagli – fino a 1.807 litri possono stare dietro il cofano – o per due passeggeri aggiuntivi su due sedili singoli ribaltabili nella terza fila. Grazie al tetto alto, ci stanno anche gli adulti, a condizione che siano sufficientemente flessibili da bypassare gli schienali ribaltabili dei sedili posteriori. Quando non vengono utilizzate, le due poltrone possono essere ribaltate su e giù o, in alternativa, rimosse del tutto.

jogger8.jpg

Nei livelli di allestimento più alti, l’abitacolo della Dacia Jogger sembra elegante.

(Foto: Dacia)

Nel complesso, lo spazio è il grande vantaggio per Jogger. Anche la prima e la seconda fila sono ben ventilate. I cuscini del sedile sono sottili senza diventare scomodi e gli allestimenti interni sono relativamente economici e quindi occupano poco spazio. Grandi finestre e una linea di spalla relativamente bassa forniscono molta luce all’interno, che supporta anche un buon senso dello spazio. L’atmosfera è altrettanto buona, almeno nella seconda marcia più alta testata “Extreme”. I materiali sono semplici, la plastica è solida e il rivestimento è usato con parsimonia, ma il design sobrio e il trattamento visivo lo compensano.

Più sensazione di auto piccola sulla strada

Dove la Dacia salva, si vede sulla strada. La Jogger, che è quasi di classe media, sembra una piccola macchina là fuori. Le sospensioni sono un po’ legnose, la carrozzeria oscilla su terreni accidentati, lo sterzo manca di precisione e i freni sono relativamente scadenti. Tutto ciò è tutt’altro che inaccettabile, ma lontano dai concorrenti più costosi del segmento.

jogger10.jpg

C’è un buon spazio nella terza fila, a condizione che tu possa raggiungere il serpente.

(Foto: Dacia)

Il design ottimizzato in termini di costi è particolarmente evidente quando si parla di isolamento acustico: all’interno è sempre presente il chiacchiericcio tipico di un tre cilindri da 1,0 litri, dopo la guida in autostrada il volume dell’autoradio deve essere regolato molto rapidamente in modo da essere in grado di sentire assolutamente nulla. Tuttavia, in termini di lavoro di guida, il piccolo motore a benzina turbo funziona bene. Con l’auto che pesa poco meno di 1,3 tonnellate, gli 81 kW / 110 CV gestibili sono sufficienti per fare un avanzamento sufficientemente veloce. Chiunque utilizzi in modo appropriato un cambio manuale a sei marce trarrebbe vantaggio anche dall’ampio intervallo di coppia compreso tra 2.000 e 3.000 giri/min. Al di sotto e al di sopra di questo intervallo, c’è una mancanza di bozza.

Anche i consumi non sono del tutto convincenti: Dacia ha bisogno in media di circa 7,2 litri – grazie alle sue prestazioni di guida gestibili, questo è un valore abbastanza moderato. Il romano ha sete, soprattutto in autostrada e oltre i 120 km/h, ma anche chi se la cava difficilmente si avvicina al consumo standard di 5,7 litri.

prezzo basso

jogger9.jpg

Il busto di Dacia Jogger può sicuramente essere definito abbastanza grande.

(Foto: Dacia)

Il prezzo dovrebbe in ogni caso essere il criterio di acquisto più importante per la Dacia. Il modello base a cinque posti con la variante GPL del motore a benzina da 1.0 litri costa 16.100 euro, mentre il sette posti è disponibile a partire da 17.000 euro. Se preferisci un motore a benzina pura, pagherai 400 euro in più. Tuttavia, l’attrezzatura sulla linea di base “di base” è molto scarsa.

Il modello Expression è già abbastanza ben equipaggiato dal punto di vista funzionale, ma a 17.900 euro è già un po’ più costoso. Quindi vale la pena pagare altri 1.000 euro e ordinare la variante “Extreme”, che è più pregiata, soprattutto con aggiunte di design come cerchi in lega e sedili ricamati.

Anche se si opta per l’equipaggiamento completo (“Extreme +”), il modello GPL è ancora poco sotto il limite di 20.000 euro e la versione più costosa con motore a benzina e sette posti costa 21.250 euro. L’unico elemento aggiuntivo è la vernice metallizzata per 550 euro. Dacia offre una garanzia di tre anni o 100.000 chilometri su tutte le varianti.

Nella nuova categoria di auto, il Jogger non ha eguali con questo pacchetto rapporto qualità-prezzo. Quindi ci sono i suoi veri concorrenti nel mercato delle auto usate, sotto forma di camioncini o station wagon. Ma se desideri un’auto completamente nuova e apprezzi la sicurezza della garanzia del produttore, non puoi ignorare l’auto di famiglia rumena. Ciò è particolarmente vero per i clienti che necessitano di sette posti: i modelli corrispondenti sono attualmente rari e costosi.

READ  I costi crescono: Amazon delude con minori profitti