Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Combattimenti pesanti: secondo il governatore, una stazione petrolifera russa è stata bombardata

feroci battaglie
Un porto petrolifero russo è stato colpito, secondo il governatore

Russia e Ucraina hanno riportato i dettagli delle singole operazioni di combattimento. L’Ucraina afferma che le forze russe hanno avuto scarso successo. Gli esperti dell’intelligence britannica ritengono che dovranno prima riorganizzarsi.

Secondo quanto riferito, la difesa antiaerea russa ha impedito a un aereo ucraino di entrare nello spazio aereo della regione di Bryansk. I media russi, citando il governatore della regione, hanno riferito che parti di una stazione petrolifera sono state bombardate. “Non ci sono vittime”, ha affermato il governatore Alexander Bogomas dall’agenzia di stampa RIA. Danneggiato un edificio logistico della stazione. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Il ministero della Difesa russo ha anche affermato che l’artiglieria russa ha colpito 389 obiettivi in ​​Ucraina durante la notte, inclusi 35 posti di blocco, 15 depositi di armi o munizioni e diversi luoghi in cui si trovano truppe o equipaggiamenti ucraini. Quattro depositi di munizioni e carburante sono stati colpiti da missili russi.

Nessun successo russo.

Nel rapporto sullo stato di avanzamento della guerra, lo stato maggiore ucraino includeva anche nuove offensive russe con un focus sull’Ucraina orientale. Ma lei dice che non ci sono successi per la Russia. “I combattimenti continuano”. Nelle vicinanze della città di Izyum, nella regione di Kharkiv, la Russia continua a concentrare le sue forze per gli attacchi. Ci sono tentativi da parte delle forze armate russe di avanzare nell’entroterra in diversi luoghi. Tuttavia, gli attacchi saranno respinti.

Nella regione di Dnepropetrovsk, le unità russe hanno sparato missili e proiettili di artiglieria contro obiettivi. Pertanto, le forze armate russe stanno parzialmente riorganizzando e rafforzando le loro forze. Nelle aree contese di Luhansk e Donetsk a est, 14 attacchi sono stati respinti. Le forze ucraine hanno distrutto 11 carri armati, 9 droni e 7 sistemi di artiglieria.

Anche la situazione intorno alle acciaierie Azov nella città costiera di Mariupol non era chiara. Secondo le informazioni russe, circa 2.500 combattenti ucraini e mercenari stranieri si sarebbero rintanati nei bunker della zona industriale. Secondo l’Ucraina, 1.000 civili sono in attesa di soccorso, compresi i bambini. Kiev e Mosca, mediate dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, hanno concordato di creare un corridoio umanitario che permetta la fuga dei civili. Tuttavia, i risultati stanno arrivando da molto tempo. La televisione di stato russa ha riferito che una famiglia di tre persone aveva lasciato l’acciaieria. Un uomo che si è descritto come il padre ha descritto la fuga. Queste informazioni non possono essere verificate.

Focalizzazione geografica

Secondo l’intelligence britannica, la Russia è costretta a raggruppare le sue forze nell’Ucraina nord-orientale dopo i tentativi falliti. E’ quanto emerge da un rapporto pubblicato dal ministero della Difesa di Londra. La Russia spera di risolvere le sue difficoltà nella conquista di un paese vicino concentrando le forze geograficamente, accorciando le rotte di rifornimento e semplificando il comando.

Il rapporto affermava che l’esercito russo doveva assemblare e rimontare unità esauste dai raid falliti. “Molte di queste unità potrebbero soffrire di morale basso.” Permangono carenze nel coordinamento tattico. Nonostante i miglioramenti interni, la Russia non è in grado di utilizzare appieno la sua piena capacità di combattimento a causa delle scarse capacità delle unità e del supporto aereo incoerente.

READ  Marcus Lanz (ZDF) si vendica quando Lemke viene messo alle strette: "Per l'amor di Dio"