Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Garcano in Italia: Arancio da Tourist Paradise

RomaQuando Giovanni Laido parla della sua Fiona, cioè della sua bionda, i suoi occhi brillano ed è emozionato. E’ “unico”, “naturale e reale”, “il gioiello del nostro territorio”. L’Italia meridionale non parla dei suoi cari, ma del suo frutto arancione, l’Arancia Bionda del Gargano perché la loro buccia è leggermente più chiara delle altre arance. Per secoli la Bionda è rimasta immutata, né trasmessa né geneticamente modificata, né ha prodotto tanti semi ad alto o basso rendimento come le sue sorelle in Sicilia o all’estero. Un altro rende la biona molto speciale: i frutti del carcinoma spesso maturano su alberi di 200 anni o più. Ecco perché hanno “più sapore, più originalità, più succo, più nutrienti e sette volte più vitamina C” rispetto ad altre arance.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Leto sa di cosa sta parlando: il compito principale dello scienziato è quello di ricercare i geni degli alimenti vegetali presso l’Agenzia nazionale per l’agricoltura in Italia. A tempo parziale è presidente della locale Federazione Agrumi, i cui membri coltivano a Caracano, la più piccola area coltivata d’Italia, alcune delle specialità del Paese: ad eccezione della biona, dell’Arancia turetta e del limone. Limone Feminello del Carcano. La Feminella è la varietà di limone più antica d’Italia; Questo è già menzionato in documenti dell’inizio del XV secolo. Feminella e Tourette non sono mai state modificate e tutte e tre sono protette dall’origine e dalla qualità del logo IGP dell’UE dal 2010.

1000 tonnellate di arance e limoni all’anno

Delle decine di migliaia di turisti, nazionali e stranieri, che vanno in vacanza a Caracas ogni anno, pochissimi sono a conoscenza della produzione di agrumi sulla costa settentrionale: provengono dalle magnifiche scogliere delle bellissime città di pescatori di Vista, Pescici e Roddy Carcanico. E a causa delle spiagge sabbiose, delle sue foreste scure, dei laghi e delle dune, e della grande natura incontaminata di molti sentieri escursionistici, le Isole Tremite – e ovviamente la cucina abuliana – sono le migliori d’Italia. Ciò che gli amanti del cibo noteranno è il gusto rinfrescante e incontaminato della “spermutta”, l’aroma molto intenso della spremuta d’arancia o di limone e il gelato all’acqua semicongelata “Granita” con zucchero.

Leggi di più dopo l’annuncio

Veduta dell’Agrumeto di Carcano e del Mare Adriatico.

Il turismo è stato a lungo la più importante fonte di reddito per i caracaso: la coltivazione di arance e limoni è stata a lungo un prodotto base. “La nostra superficie coltivata totale è di circa 800 ettari, la dimensione di un aranceto in Sicilia”, insiste Laido. La produzione totale è di sole 1000 tonnellate di arance e limoni all’anno.

Per metà paradossalmente e per metà seriamente, descrive se stesso e gli altri membri della Confederazione come “creatori eroici”: pochissimi di loro riescono a guadagnarsi da vivere solo con gli agrumi. “I galleggianti sono molto piccoli e su pendii ripidi sopra la riva; L’uso delle macchine è raramente possibile e quasi tutto viene fatto a mano “, afferma Laido.

Le ville furono testimoni di un’antica prosperità

Non è mai stato così. Durante il periodo di massimo splendore della coltivazione di arance e limoni durante l’integrazione italiana nel XIX secolo, quando l’Italia monopolizzò la produzione di agrumi in tutta Europa, i coltivatori di gurgano si arricchirono anche su piccoli appezzamenti. “I nostri antenati esportavano i loro frutti a Vienna, Berlino, San Pietroburgo e persino in Svezia e negli Stati Uniti via Trieste”, afferma Lydo. Il vantaggio decisivo è che la fonda è una varietà a maturazione tardiva che si raccoglie da marzo a giugno, mentre negli aranceti siciliani tutto finisce a febbraio. “Dato che avevamo il tipo iniziale con Duretta, siamo stati in grado di consegnare arance ai nostri clienti quasi tutto l’anno”, sottolinea Laido.

Leggi di più dopo l’annuncio

A quel tempo, l’arancia in particolare era un oggetto di lusso esclusivo per i più ricchi: “Il produttore riceveva una lira al chilo, che equivale a un salario giornaliero per un lavoratore di una piantagione”, dice Lydo. E poiché un albero di arance produce circa 200 kg di arance all’anno, questo è praticamente sufficiente per la paga di un anno. Quindi, potresti facilmente sfamare una famiglia numerosa con soli sette alberi e “chiunque possedesse più di un ettaro di terra diventava davvero ricco”.

Decine di ville per il fine settimana vuote e in graduale decomposizione di proprietà dei proprietari di piantagioni negli aranceti e nei limoneti e le maestose case della città vecchia nella città alta di Roddy Gorgoniko, l’ex centro di produzione di arance e limoni a Caracas, ne sono ancora testimonianza. Ex ricchezza.

Vendita di arance online

Ma poi è arrivata la seconda guerra mondiale, che ha ridotto drasticamente la domanda, e poi, soprattutto, le più grandi piantagioni e le loro varietà mai coltivate ad alto rendimento in pianure concorrenti provenienti da Spagna, Nord Africa, Brasile e Stati Uniti. I prezzi della frutta sono crollati: il produttore di oggi vende la sua frutta ai grandi distributori, guadagnando ancora circa 15 centesimi al chilo di arance, a volte anche 10 centesimi in Calabria. “Quindi questo rapporto è stato invertito: 150 anni fa un albero bastava per il salario di un anno, oggi la resa annua di un albero non basta per il salario di una giornata”, sottolinea Leido. A un tale prezzo, i produttori di merci, a causa delle loro piccole dimensioni e della totale mancanza di coltivazione meccanizzata, non potevano perseguirlo.

READ  Dopo il glorioso 2021: l'Italia "superpotenza" minaccia imbarazzo nel 2022

Tutti i coltivatori di arance e limoni del Garcano sono passati all’e-commerce prima dell’epidemia perché esclusi dalle vendite all’ingrosso a causa degli alti costi di produzione: vendono i loro frutti direttamente ai clienti tramite corriere. Può essere fatto su Internet o per telefono. Ciò elimina gli alti margini di intermediari e grossisti, quindi i prezzi sono ancora competitivi nonostante i costi dei corrieri e i produttori ottengono da 50 a 60 centesimi al chilo invece di 10-15 centesimi. Ma, come accennato, pochissime aziende a Carcano possono davvero guadagnarsi da vivere.

“È biodiversità, natura, tradizione, passione”

Neanche Laido, il capo dei Carcano Citrus Heroes. Ma perché lo fa ancora a se stesso? Giovanni Laido, invece, accompagna il visitatore con la sua piccola jeep negli agrumeti di due ettari ereditati dal nonno su strade ripide e strette a due chilometri dal porto di Roddy Carcanigo. All’ingresso del “Giardino” – i produttori di gurgano chiamano i loro mini-orti giardini – si trova una bella villa disabitata da decenni con vista sull’azzurro intenso del Mar Adriatico e sulle spiagge di Roddy Girgano e Pesciசிn; Il “giardino” risplende del fogliame verde scuro di aranci e limoni maturi.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Gli alberi non sono allineati come le uniche culture della competizione, non vengono concimati e irrorati – Lino produce con la stessa naturalezza dei suoi colleghi. Gli ulivi si trovano anche tra gli alberi di agrumi e Lino ha anche piantato in casa querce e allori per proteggerli dal vento. “È biodiversità, natura, tradizione, passione: una cosa unica, un paradiso. Vogliamo preservarlo, ed è per questo che lo facciamo”, sottolinea Laido.