Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Combattere il cambiamento climatico: il sud del mondo ha bisogno di 2.400 miliardi di euro l’anno

Stato: 08/11/2022 14:13

Un rapporto di esperti pubblicato nella COP27 stima il costo annuale della lotta alla crisi climatica nei paesi emergenti e in via di sviluppo a 2,4 trilioni di euro. I paesi industrializzati devono sopportare una grossa parte.

I paesi in via di sviluppo ed emergenti nel cosiddetto Sud del mondo avranno bisogno di circa 2,4 trilioni di euro all’anno fino al 2030 per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici e attuare la transizione verso un’economia più sostenibile e rispettosa del clima. Questo è il riassunto di un rapporto di economisti e ambientalisti pubblicato nell’ambito dell’attuale conferenza globale sul clima COP27.

L’analisi è stata condotta congiuntamente dall’Egitto, l’attuale paese ospitante della COP27, e dal Regno Unito, che lo scorso anno ha ospitato la conferenza sul clima delle Nazioni Unite.

“Il contratto decisivo”

Nel rapporto, gli autori hanno chiesto una “spinta di investimento globale e rapida” al fine di promuovere “uno sviluppo forte e sostenibile” nei paesi interessati. Questi investimenti possono alimentare la crescita e la trasformazione di “sistemi chiave” come l’energia oi trasporti, l’uso dell’acqua e l’agricoltura. Nella loro analisi, gli esperti hanno parlato di un “decennio critico” per prevenire “i danni massicci e irreversibili dei cambiamenti climatici e della perdita di biodiversità”.

Quasi 50 esperti hanno partecipato a questo Rapporto sulla finanza per il clima Ha contribuito. È stato presieduto da Vera Songwe, economista e segretario esecutivo della Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite, e dall’economista britannico Nicholas Stern. Stern è presidente del Grantham Research Institute, che studia i cambiamenti climatici e l’ambiente. Ammar Bhattacharya del think tank statunitense Brookings Institution ha presieduto il gruppo di esperti in qualità di segretario esecutivo.

READ  Somiglianza genetica: i Doppelganger condividono lo stesso DNA

Il rapporto copre i paesi emergenti e in via di sviluppo con l’eccezione della Cina. L’economia cinese è la seconda più grande al mondo ed è avanzata in molti modi.

Investire in energia, agricoltura e contro i danni climatici

Secondo il gruppo di esperti, l’importo annuo di 2,4 trilioni di euro dovrebbe essere raccolto su tre punti principali: da un lato passare a energia pulita e conveniente, e dall’altro, far fronte ai danni climatici causati da eventi meteorologici estremi come siccità o inondazioni. I paesi in via di sviluppo sono molto più vulnerabili a questo rispetto ai paesi industriali. E terzo, sviluppare un’agricoltura sostenibile.

I paesi industrializzati ne raccoglieranno un trilione

Secondo l’analisi, circa 1 trilione di euro dovrebbero essere raccolti ogni anno dai paesi industrializzati, nonché dagli investitori stranieri e dalle banche multilaterali di sviluppo. Gli investimenti nei paesi emergenti e in via di sviluppo, esclusa la Cina, sono attualmente di circa 500 miliardi di dollari.

“I paesi ricchi devono rendersi conto che è nel loro interesse fondamentale investire nell’azione per il clima nei paesi emergenti e in via di sviluppo”, ha affermato l’economista britannico Stern. Inoltre, dati gli effetti delle elevate emissioni di gas serra attuali e passate di questi paesi, si tratta “anche di equità”.

L’importo residuo di circa 1,4 trilioni di dollari deve quindi essere fornito da investitori privati ​​o pubblici all’interno dei paesi in via di sviluppo ed emergenti.

Miliardi di aiuti concordati al Sud Africa

Una mossa del genere era già stata concordata per un maggiore sostegno finanziario per il Sud del mondo alla COP27: la Germania e altri paesi industrializzati hanno promesso miliardi di dollari in aiuti al Sud Africa in modo che il paese potesse voltare le spalle al carbone.

READ  Marte: la NASA scopre qualcosa di misterioso su Marte e fa una dichiarazione sorprendente

Gli aiuti da 8,5 miliardi di dollari (circa 8,5 miliardi di euro) previsti da Germania, Gran Bretagna, Francia, Unione Europea e Stati Uniti, tra gli altri, saranno utilizzati per dismettere le centrali elettriche a carbone e promuovere le energie rinnovabili, ha affermato in una nota emesso a Sharm El Sheikh.

La Germania promette più di un miliardo di euro

Le nazioni industrializzate hanno accettato il piano del Sud Africa di abbandonare il carbone. La dichiarazione citava il presidente degli Stati Uniti Joe Biden affermando che il programma di sostegno aiuterà “il boom dell’energia pulita nell’economia sudafricana”.

Secondo il Ministero federale dello sviluppo di Berlino, la Germania ha già fornito 700 milioni di euro per l’uscita del Sud Africa dal carbone che distrugge il clima e ha impegnato altri 320 milioni di euro nei negoziati conclusi di recente.

Secondo le informazioni, Germania e Sud Africa stanno cooperando, tra l’altro, nella costruzione di centrali solari ed eoliche e in linee di trasmissione di elettricità verde. Questi investimenti dovrebbero creare nuovi posti di lavoro, soprattutto nelle regioni carbonifere. La Germania sostiene anche programmi di riqualificazione per gli ex lavoratori del carbone e la formazione nelle professioni più necessarie nella transizione energetica.

Lancio della partnership a Glasgow

Il Sudafrica, la più grande economia del continente africano, fa affidamento sul carbone per l’80% della sua produzione di elettricità. La partnership tra paesi sviluppati con il Sudafrica sull’abbandono del carbone è una forma di cooperazione nota come JETP in breve.

JETP è stato lanciato l’anno scorso alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow per consentire una transizione più rapida e socialmente equa per i paesi in via di sviluppo ed emergenti verso un’economia rispettosa del clima.