Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

colonna d. Pomerania: dieta e salute dell’intestino

Ci sono molte informazioni sui problemi di nutrizione in tutti i media. Non è facile per la persona media scoprire cosa è benefico o addirittura dannoso. Non mancano mezze verità e falsità. In una dieta sana, tutti i micro e macronutrienti sono già presenti. Pertanto, in medicina nutrizionale, sulla base di studi, non c’è dubbio che l’uso preventivo di integratori alimentari in persone sane non offre alcun beneficio. La situazione è diversa quando le persone hanno una malattia infiammatoria cronica intestinale o una malattia del fegato.

Le persone celiache hanno anche bisogno di ferro, vitamina D, B12, K, acido folico e micronutrienti, ad esempio, che possono essere prescritti da un medico. Una questione particolarmente difficile è la differenziazione tra un’intolleranza alimentare e un’allergia alimentare. Questi si verificano in circa il 2-8% in Germania. Può essere chiaramente dimostrato da esami speciali, poiché viene effettuato mediante immunoistochimica. La prova è resa possibile attraverso la diagnosi passo dopo passo. Circa il 25-30 per cento della popolazione soffre di intolleranza. In questi casi è spesso molto utile un’attenta documentazione (diari alimentari) dell’assunzione di cibo da parte del paziente. Una particolare “malattia comune” è la cosiddetta sindrome dell’intestino irritabile, che colpisce circa l’11% delle persone in tutto il mondo.

Alcuni pazienti con IBS hanno problemi di stitichezza, mentre altri hanno sintomi più simili alla diarrea. Negli ultimi anni, l’associazione con la colonizzazione batterica dell’intestino (microbioma), così come l’asse intestino-cervello, è stata oggetto di dibattito scientifico. Il trattamento viene effettuato in aggiunta alla terapia nutrizionale con terapia nel senso di terapia del microbioma, ed eventualmente terapia farmacologica. In alcuni casi è necessaria la psicoterapia. La ricerca è fortemente interessata alla questione se il microbioma svolga un ruolo importante nello sviluppo e nella progressione delle malattie infiammatorie intestinali (colite ulcerosa, morbo di Crohn). Questo rappresenta un approccio terapeutico completamente nuovo, finora sono stati fatti tentativi per trattare l’infiammazione nell’intestino con preparati antinfiammatori e cosiddetti immunomodulatori.

READ  Sindrome da affaticamento: sei stanco nonostante dormi a sufficienza? Allora questo potrebbe essere il motivo


Ancora una volta è stata sottolineata l’importanza di una dieta ricca di fibre. La linea guida è di 30 grammi al giorno. Questo valore non viene raggiunto nella maggior parte dei casi (da 18 a 19 grammi/giorno). Ciò richiedeva una fornitura di liquido sufficiente di circa 1,5 litri. Attraverso questa dieta si possono rilevare le influenze legate allo sviluppo di malattie cardiovascolari, ma anche l’influenza sull’ipertensione, il diabete di tipo 2 e lo sviluppo del cancro intestinale. La dieta dovrebbe contenere verdure, frutta, legumi, noci e cereali integrali.


NWZonline.de/gesundheit

Tutto sulla salute può essere trovato qui!