Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chiasso con la forma fluttuante: Ford Taunus 12 M fa sembrare vecchie Volkswagen e Opel

Con la Ford Taunus 12 M (G13), Colonia ha introdotto un’auto compatta moderna nel 1952 e la sua forma otticamente fluttuante ha trovato rapidamente imitatori. Ma questo Taunus offriva anche un glamour sofisticato: lo scintillante radiatore a globo di Ford è diventato l’epitome del lusso accessibile.

Sono gli eterni contendenti nella corsa alla guida di vetture compatte. Ford e Volkswagen hanno gareggiato in questo campo da Henry Ford II dopo la seconda guerra mondiale con un netto rifiuto! Ha rifiutato l’offerta delle forze alleate vittoriose di assumere la costruzione di tutti i carri tedeschi. Anche a quel tempo, lo scarabeo sembrava molto antiquato ai dirigenti aziendali americani.

Una particolarità è il globo situato nella parte anteriore del cofano.

(Foto: Ford)

Invece, Henry Ford II voleva rinnovare e valorizzare la scena automobilistica tedesca con pietre miliari del design completate a Colonia, come la Taunus 12 M (G13) introdotta nel 1952. Il progetto Ford ebbe un successo sorprendente, perché la carrozzeria futuristica era autoportante Con una moderna forma galleggiante è stato fantastico.

Sebbene ci fossero alcuni pionieri di carri allegorici come la Borgward Hansa e la Fiat 1400, il design della classe di auto compatte in Germania fu infine plasmato dal primo sviluppo postbellico della Niehler Rhine Bank. L’azienda con sede a Colonia ha utilizzato l’assistenza internazionale per questo: Ford-USA ha fornito la forma di base, Ford-France ha realizzato prototipi nella carrozzeria Chausson e Ford-Germany ha assunto la messa a punto.

03_Ford_Taunus_12_M_Cabriolet_ab_1953_Quelle_Ford.jpg

La decappottabile proveniva da Karossier Deutsch.

(Foto: Ford)

Questi miglioramenti includevano anche il nuovo badge Ford-Köln “FK”, la M per “Meisterstück” nella designazione del modello 12 M e un globo sorprendente sopra la griglia cromata scintillante. Uno sforzo che ne è valsa la pena: il Taunus, che ha definito lo stile, è stata la sfida più dura per Opel Olympia/Rekord e VW Beetle per più di un decennio. Ha anche messo i tocchi nel segmento premium in cromo e cabriolet.

READ  Aperte le registrazioni: primo record dall'IPO: il rivale di Tesla Rivian delude - Crolla il titolo di Rivian | newsletter

Timido boom negli anni Cinquanta

Evviva, siamo di nuovo vivi: 70 anni fa, i tedeschi trovarono la via del ritorno alla prosperità temporanea. Goditi il ​​programma televisivo appena lanciato 1000s di costosi proprietari di TV mentre tutti seguivano la prima apparizione pubblica della giovane regina Elisabetta britannica sugli schermi cinematografici.

04_Ford_Taunus_12_M_ab_1955_Quelle_Ford.jpg

I modelli 12-M ricevettero una griglia a binario verticale nel 1955.

(Foto: Ford)

Il salario medio in Germania era ancora un modesto 400 marchi al mese, ma i viaggi di vacanza sono diventati popolari e il traffico è aumentato rapidamente. Monaco di Baviera ha persino allestito il suo primo passaggio pedonale nel 1952, poiché sempre più persone oscillano dalle loro selle di motociclette ai loro Maggiolini Volkswagen o Opel Olympia.

I design prebellici inizialmente aggiornati trovarono improvvisamente un contendente molto moderno: la Ford Taunus 12 M dalle forme morbide, con grandi finestrini, molto spazio per cinque passeggeri e bagagli, con sospensioni anteriori indipendenti e ruote sorprendentemente piccole (13 pollici invece delle solite 15 o 16 pollici) a favore di un baricentro Caratteristiche di guida basse e non problematiche. Anche la sospensione anteriore indipendente era un’innovazione nella classe media tedesca. Certo, il motore da 1,2 litri era ancora vecchio stile degli anni ’30, ma Ford si stava già preparando per un nuovo motore da 1,5 litri che fu un successo tre anni dopo con il codice di tipo 15 M.

Esporta il successo in tutto il mondo

05_Ford_Taunus_15_M_ab_1955_Quelle_Ford.jpg

La più potente Ford Taunus 15 M (G4B) debuttò all’inizio del 1955 con un motore a benzina da 1,5 litri.

(Foto: Ford)

Gran parte della tecnologia orientata al futuro di Cathedral City, che ha governato come sindaco per così tanto tempo, ha spinto il cancelliere Konrad Adenauer a fare un cordiale saluto. Infatti, il Taunus 12 M non solo ha assicurato il pieno impiego delle catene di montaggio, ma è diventato anche un successo di esportazione mondiale, proprio come promesso dal mondo del radiatore.

READ  Problema con le patatine fritte Ikea: la filiale di Würzburg rimuove le patatine fritte dal menu News

In paesi come la Svezia, ha battuto le Ford di fabbricazione inglese vendute allo stesso tempo e ha anche segnato punti contro una Volvo gobba nel suo design Fastback prebellico. Taunus ha mostrato la sua forza sui pendii accidentati dell’Africa e dell’Asia, e in Germania ha anche conquistato fan nella gestione della flotta delle autorità e dei servizi di emergenza. Anche l’ADAC Crash Service ha acquistato un Taunus progressivo in sostituzione di un Maggiolino tradizionale. Rispetto alla Volkswagen, la Taunos era molto più costosa, e quando Opel abbassò anche i prezzi della vecchia Olympia, Ford dovette tirare fuori la Joker: la versione economica, poco equipaggiata ed economica, del suo “capolavoro”, la Ford 12.

Prodotto Opel attacco contrastato

06_Ford_Taunus_15_M_ab_1955_Quelle_Ford.jpg

Il modello 15M è dotato di un portello del radiatore ad alette trasversali.

(Foto: Ford)

Ma alla fine, sono state le berline “M” a due porte, che misurano poco più di quattro metri, in cui Ford ha utilizzato a pieno regime le sue catene di montaggio, complete di una station wagon variabile, un autocarro, un pick-up e un’esclusiva decappottabile. A prezzi elevati, dato che Porsche aveva già regalato la leggendaria Type 356. Con un portafoglio così ampio, l’azienda con sede a Colonia ha affrontato l’attacco dei prodotti dell’Opel dell’allora General Motors, che improvvisamente si è affidata anche al design fluttuante dell’Olympia Rekord introdotto nel 1953.

07_Ford_Taunus_15_M_Werbung_1955_Quelle_Ford.jpg

Nel luglio 1954 fu prodotta la 100.000a Ford Taunus 12 M.

(Foto: Ford)

Mercedes ha anche gradualmente sostituito i suoi modelli conservatori 170 con il nuovo 180, ovviamente in una moderna forma di pontone. L’azienda con sede a Stoccarda si è immediatamente spinta verso la “nuova stella nel cielo dell’automobilismo” nelle statistiche di registrazione tedesche, dove i copywriter descrivono la Ford 12 M.

Ford Taunos 12 m vs Mercedes 180? In effetti, entrambi i marchi hanno preso di mira gli stessi clienti con la loro catena principale, ovvero liberi professionisti e commercianti ad alto reddito. È difficile da credere oggi, ma nel 1952 solo il quattro per cento della popolazione poteva acquistare un’auto nuova, ha spiegato Ford in una conferenza stampa. Tuttavia, con questi guadagni più alti, la percentuale di coloro che hanno acquistato una Mercedes Ponton (o Opel Kapitän) per prestigio sociale piuttosto che la Ford o la VW più economica era alta.

READ  Il DAX perde quasi il tre percento: la paura si sta diffondendo

Griglia del radiatore con un “dollaro sorridente”

08_Ford_Taunus_15_M_de_Luxe_Modell_1956_Quelle_Ford.jpg

Da settembre 1956, il Taunus 15 M de Luxe era disponibile con una finitura cromata più ricca.

(Foto: Ford)

A metà degli anni ’50, il “miracolo economico tedesco”, accelerato dai tagli alle tasse all’industria, al commercio e all’agricoltura, raggiunse il culmine e la domanda di mobili moderni in stile rene e decalcomanie dello stile di vita americano sulle auto con lucentezza cromata e pinne caudali fu più grande che mai. Ford ha risposto a questa tendenza con un restyling per il Taunus 12M, la cui griglia ora mostra un “sorriso da dollaro”.

D’altra parte, la 15 M, che sembra quasi identica ma ha un nuovo quattro cilindri da 40 kW/55 CV, dovrebbe ridurre di 17 metri i tempi di attesa fino all’uscita della classe media e fornire un’alternativa alle berline da 1,5 litri da Opel, Peugeot o Borgward.

11_Ford_Taunus_12_M_Combi_Modelljahr_1958_Quelle_Ford.jpg

Dopo le proteste dei concessionari Ford, la proprietà della 12 M fu restituita nel 1957.

(Foto: Ford)

All’interno, i due modelli Taunos hanno continuato a offrire un “comfort abitativo di prim’ordine”, ha spiegato il marketing, mentre all’esterno, le nuove vernici metallizzate a base di nitrocellulosa trasmettevano un fascino altrimenti mostrato dagli incrociatori stradali sull’Hollywood Boulevard.

Superba coerenza del modello

Significativi progressi nel design hanno permesso a Ford di ottenere una proporzione di modelli sorprendentemente ampia: non un vestito nuovo ogni due anni come con i concorrenti della Taunus, ma un periodo di produzione di undici anni.

12_Ford_Taunus_15_M_Modelljahr_1958_Quelle_Ford.jpg

Nel 1958, la produzione del modello da 15 metri terminò dopo l’immissione sul mercato della vettura più grande da 17 metri.

(Foto: Ford)

Dal 1959, con tetto piatto, lunotto più grande e montanti C in rilievo e per lo più con strisce laterali bianche come caratteristica distintiva. Dopo ben 600.000 unità, ho seguito il passo successivo di Ford nel 1962: 12 M (P4) con trazione anteriore, ma questa è una storia nuova.

Oggi, Focus continua la storia di successo delle compatte Ford, anche se non per molto: un crossover completamente elettrico è già pronto per partire, basato sulla piattaforma MEB di VW. Henry Ford II ha detto “Sì!” direbbe?