Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Caso in tribunale Onu: la Germania fa causa all’Italia per le richieste di risarcimento delle vittime naziste

“L’immagine di mio padre che soffre di questa terribile fame è con me fino ad oggi”, dice l’italiano Diego Gavalina, 75 anni, al telefono. Il padre di Gavalberda, Gualberto, fu prigioniero di guerra dal settembre 1944 fino alla fine della seconda guerra mondiale sotto il dominio nazista tedesco. È sopravvissuto. Descrisse poi a suo figlio ciò che aveva subito nel campo di tortura di Dachau e poi nel campo di lavoro di Leonberg. La fame è la peggiore tortura: ha perso dai 100 ai 40 kg di peso.

Qualberto oggi non è più in vita. Ma suo figlio Diego si batte per un adeguato risarcimento per i crimini di guerra commessi dai nazisti contro suo padre. Appropriato – per Diego Cavalina significa che la sofferenza personale del padre è stata riconosciuta e non perduta sui risarcimenti pubblici.

“Il dramma della guerra si brucia indistruttibilmente come individui e gli stati in guerra devono rendersene conto e assumersene la responsabilità”, afferma Gavalina. Questo vale anche per la Germania e altri paesi. Un tribunale italiano ha concordato con lui e ha condannato la Repubblica federale a pagare almeno 100.000 euro di risarcimento.

Continuare a leggere

Un tribunale romano sta ora valutando la possibilità di recuperare i soldi pignorando immobili tedeschi a Roma dopo che la Germania si è rifiutata di pagare: quattro proprietà sono state colpite, tra cui il Goethe Institute e la scuola tedesca a Roma. Il tribunale deciderà sull’asta il 25 maggio.

Per evitare ciò, venerdì scorso la Germania ha intentato una causa contro l’Italia presso la Corte internazionale di giustizia (ICJ) dell’Aia, sperando che l’ICJ bloccasse il processo. Con questo caso, la Germania si difende dal consentire ai tribunali italiani di chiedere un risarcimento contro singole vittime naziste oi loro discendenti.

READ  Pericolo d'inciampo in Italia: l'RP Lipsia può vincere contro Bergamo?

Perché dal punto di vista tedesco, le azioni legali per danni personali per crimini di guerra non sono consentite. La Germania vede questo come una violazione del diritto internazionale. L’ICJ ha confermato questo punto di vista nel 2012: all’epoca, la corte ha anche stabilito che le denunce pubbliche all’estero non erano valide dopo la denuncia della Germania perché violavano l’immunità dello stato tedesco.

Continuare a leggere

Contenzioso risarcitorio con l’Italia

Ma la Corte Costituzionale italiana vede le cose diversamente: nella sentenza del 2014, ha rilevato la necessità di tutelare i diritti fondamentali in tribunale, motivo per cui alle vittime dei crimini di guerra e dei crimini contro l’umanità dovrebbe essere data l’opportunità di portare rimostranze personali contro gli Stati.

Da quella sentenza, i tribunali italiani hanno accolto almeno 25 nuove cause contro la Germania, esaminando le domande in almeno 15 cause, alcune delle quali sono state decise – una delle quali è il caso di Gualberto Gavalina.

È posizione della Germania che le vittime dei crimini nazisti durante la seconda guerra mondiale non debbano pagare questi risarcimenti, poiché erano compensati da accordi intergovernativi.

“Devo questa battaglia a mio padre”.

La Germania occupò l’Italia dal settembre 1943 al maggio 1945 dopo essersi unita agli Alleati nella seconda guerra mondiale. Nel 1961 è stato firmato l’accordo di compensazione con l’Italia.

Ma non si tratta di denaro, ma più appropriato ora che mai a causa della guerra in Ucraina, dice Gavalina: “Oggi un Paese che condanna i crimini di guerra deve essere ritenuto responsabile dei crimini passati”. Il padre e il figlio erano attivi nel Partito Comunista Italiano. Lì si sono formati di loro spontanea volontà per combattere le questioni politiche fino alla fine. “Devo a mio padre per questa lotta”, dice Diego Gavalina.

Continuare a leggere

Le immagini satellitari di Maxar Technologies mostrano fosse comuni vicino a Mariupol

Altri attori trattano ingenti somme: l’avvocato Salvador Gucci rappresenta i cinque figli di Angelantonio Giorgio, che rimase in Olanda dal 9 settembre 1943 fino alla fine della guerra. Oggi è morto anche Giorgio. Ma quando ha citato in giudizio per la prima volta la Repubblica Federale per il risarcimento, era vivo e i medici legali hanno potuto registrarlo nei rapporti medici e psichiatrici. Campo di tortura.

Su questa base, l’avvocato Gucci sostiene che un tribunale italiano dovrebbe pagare alla Germania “milioni di euro” a titolo di risarcimento. Non voleva pagare la giusta cifra. “Non so se i miei clienti si preoccupano della disciplina o del denaro”, dice Gucci. Ma è chiaro che la Costituzione italiana garantisce loro il diritto alla pratica giudiziaria, giudizio della Corte Internazionale di Giustizia o meno.

Continuare a leggere

Modello:

L’avvocato di Kavalina, Fabio Ancelmo, spera che l’ICJ prenda una decisione diversa questa volta. “È importante che i diritti dei civili siano finalmente enfatizzati nelle guerre.

L’ICJ potrebbe impiegare diversi anni per prendere la sua decisione, ma il pagamento anticipato potrebbe ancora essere interrotto. Tuttavia, come ha affermato il Foreign Office nel fine settimana, non ci si aspettava tensioni politiche sul processo. Piuttosto, è un “chiarimento completamente legale” della questione.