Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

BVB combatte un vecchio problema

Nico Schlutterbeek scomparve brevemente nel tunnel del giocatore. (Fonte: IMAGO / canzone indiana di David)

Ma ci sono molte cose che mi danno coraggio in questa materia: da un lato, quasi tutti i fallimenti sono stati lesioni da contatto, che escludono errori personali dovuti a sovraccarico o carenze matematiche. Inoltre, BVB è a conoscenza del problema dell’anno scorso. Con Shad Forsyth viene ingaggiato per l’estate un esperto di atletica leggera. Con il suo aiuto, il numero di lesioni muscolari dovrebbe essere ridotto. Viste le intense settimane che hanno preceduto il Mondiale, stare al passo con il Bayern Monaco è fondamentale.

2. La Federazione mostra all’Hertha come farlo

Il sindaco di Berlino viene da Köpnik. L’Union Berlin ha sconfitto l’Hertha Berlin per la quarta volta consecutiva. Dopo che i bianconeri hanno avuto il sopravvento per decenni nella capitale, la federazione è ora il numero uno dello sport. Ciò era evidente nella vittoria per 3-1 di sabato. Herta è diventata pericolosa solo quando il sindacato è riuscito.

Soprattutto, sono state le cose di base a rendere migliore la gente di Kopenic. L’allenatore dell’Hertha Sandro Schwartz ha riassunto: “Prima di parlare di struttura, si tratta di portare carisma e intensità in campo: panico e disgusto ed esserci l’uno per l’altro”. Herta ha mancato tutto e Union lo ha messo in campo per più di 90 minuti. E se la squadra del BSC vuole avere ancora una volta voce in capitolo nei futuri derby, la squadra deve dimostrare proprio queste virtù.

3. Il Bayern brilla di punti interrogativi

Il Bayern Monaco ha dominato la partita contro l’Eintracht Francoforte dall’inizio. Chiunque sperasse in una lotta serrata è rimasto deluso dopo undici minuti al più tardi. A quel punto era già 2-0 e più gol erano solo questione di tempo. L’attacco attorno a Sadio Mane, Serge Gnabry e Jamal Mosiala ha oscurato la difesa del Francoforte, fornendo una grande opportunità dopo l’altra.

Sadio Mane (a sinistra) festeggia un gol contro il Francoforte con Serge Gnabry (al centro) e Alfonso Davies.
Sadio Mane (a sinistra) festeggia un gol contro il Francoforte con Serge Gnabry (al centro) e Alfonso Davies. (Fonte: IMAGO / Frank Hoermann / SVEN SIMON)

I cinque gol in Supercoppa contro il Lipsia sono ora seguiti da sei contro il Francoforte. Non sentiamo l’assenza di Robert Lewandowski. Fino ad ora. Perché c’è ancora un punto interrogativo: il Bayern può brillare contro avversari mediocri senza Lewandowski? Lipsia e Francoforte si sono difesi in modo audace e offensivo, come si addice ai leggendari giocatori di Monaco. Ma quando le rivali in campionato sono Union o Mainz, in Champions League è il Tottenham a Londra o l’Atletico a Madrid, la situazione è diversa. Perché in tutte queste squadre le difese sono profonde e costringono l’avversario a lanciare cross, diretti dagli alti difensori centrali. In questi casi, è importante avere un vero difensore centrale in area di rigore. Serge Gnabry (1,76 m) e Sadio Mane (1,74 m) non lo sono.

READ  "Questo fa parte del piano".