Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bethesda.net launcher: Microsoft abbandona la piattaforma e si sposta su Steam

Foto: Bethesda

Con la fine di Bethesda come editore indipendente, inizia l’inizio della fine per l’impopolare lanciatore di Bethesda. DRM è stato sepolto dopo l’acquisizione multimiliardaria da parte di Microsoft. I giocatori avranno la possibilità di migrare e salvare i loro giochi su Steam prima di spegnersi.

Trasferirsi nella nuova casa sarà possibile da aprile. Le informazioni esatte verranno quindi pubblicate. Oltre ai giochi e ai salvataggi, include anche crediti nel portafoglio del giocatore, nonché crediti in giochi, contenuti scaricabili acquistati e articoli cosmetici. Di conseguenza, Bethesda sottolinea che nessuna proprietà viene persa a seguito del reclutamento. Tuttavia, in alcuni casi, potrebbe essere necessario trasferire manualmente i punteggi; Per la maggior parte, questo processo dovrebbe essere automatico. Secondo la situazione attuale, l’acquisizione è possibile solo nel caso di Wolfenstein: Youngblood.

Account Bethesda ancora richiesto

Il collegamento all’account Bethesda non verrà rilasciato con la migrazione. I giochi che richiedono un account Betheda.net continueranno a farlo e i server necessari rimarranno attivi. La società scrive che l’accesso a mod, oggetti di gioco e “notizie esclusive” viene mantenuto.

Non ci sono limiti di tempo per il trasferimento. L’operatore, però, perderà un lavoro già a maggio, e da quel momento in poi non sarà più possibile avviare i giochi. Tuttavia, questo è diverso dal perdere i giochi e la libreria e quindi sarà ancora possibile passare a Steam, come conferma Bethesda. Sebbene Microsoft gestisca anche uno Store, non è offerto in alternativa, puoi semplicemente passare alla piattaforma Valve.

Microsoft non ha bisogno

Per i nuovi maestri di Microsoft, che non parlano dei motivi della scadenza del programma di lancio, i lanciatori degli editori non hanno senso. Infine, il Windows Store, anch’esso poco popolare, ha una sua alternativa su PC, allo stesso tempo il gruppo vende anche molti giochi tramite Steam. Da un punto di vista economico, sarebbe pazzesco affidarsi a tante autocostruzioni. Sarà interessante vedere cosa accadrà a Battle.net di Blizzard se l’acquisizione di Activision sarà approvata dalle autorità di regolamentazione.

READ  Ecco come appare la canzone in 15 stili diversi

Tuttavia, a medio termine, l’obiettivo è comunque quello di potenziare Game Pass. L’abbonamento non ha bisogno di un giocatore separato, ha bisogno di più giochi. Il fatto che andare in negozio non sia obbligatorio, ma non svolga alcun ruolo, suggerisce che l’obiettivo è il consolidamento.