Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aviazione: grosse strozzature dovute alla scarsità

Francoforte Code fino a 300 metri, tempi di attesa oltre i 40 minuti: se volevi decollare a Dusseldorf o Colonia-Bonn lo scorso fine settimana, ci vuole soprattutto pazienza. La carenza di personale dei servizi di sicurezza e dei fornitori di servizi di terra ha causato, ancora una volta, grossi problemi.

Aspettare piuttosto che volare sembra essere diventata la “nuova normalità” nel volo alla fine della pandemia. Che si tratti di controlli di sicurezza, scarico bagagli, catering o con i piloti, in cabina di pilotaggio e cabina, il settore è privo di personale ovunque. I programmi di riduzione dei posti di lavoro, che sono stati freneticamente sviluppati nel disperato bisogno della crisi del Corona, si stanno vendicando. Ma si notano anche scarsi salari per i servizi di terra.

Ora che è possibile volare di nuovo è difficile.Una settimana fa i passeggeri di Amburgo si sono ammalati: poiché diversi dipendenti erano entrati in contatto con la malattia, secondo la Polizia Federale, ci sono stati enormi ingorghi ai controlli di sicurezza. I passeggeri hanno dovuto aspettare 90 minuti e alcuni di loro hanno perso il volo.

Lufthansa Ha detto dopo aver consultato l’operatore dell’aeroporto di Francoforte Fraporto Verso Pasqua, per precauzione, ha cancellato un numero di voli a tre cifre in modo che la movimentazione degli aerei non crollasse del tutto. Il presidente di Lufthansa, Carsten Spohr, ha elogiato la collaborazione con Fraport in questa situazione, ma non è soddisfatto. “Naturalmente, questa non può essere la soluzione”, ha detto Spohr la scorsa settimana all’assemblea generale annuale di Lufthansa. Ma per ora, quelle cancellazioni rimarranno probabilmente parte della soluzione. “L’estate a venire sarà impegnativa”, afferma il presidente della compagnia aerea, che sta già preparando i clienti a ulteriori colli di bottiglia.

READ  Azionisti Tesla: dopo la massiccia vendita di azioni Musk: questi sono ora i maggiori azionisti Tesla sul NASDAQ | notiziario

I migliori lavori di oggi

Trova i migliori lavori ora e
Sei avvisato via e-mail.

Le compagnie aeree e gli aeroporti hanno tagliato i posti di lavoro durante la crisi per salvare i loro bilanci malridotti. La sola Lufthansa ha ridotto la sua forza lavoro di un quarto a poco più di 100.000 dipendenti. Dopo che i clienti erano riluttanti a volare all’inizio dell’anno a causa della variante Omikron, la domanda è aumentata notevolmente nelle ultime settimane, più di quanto molti gestori di volo si aspettassero.

La pianificazione del personale è stata parzialmente modificata troppo tardi

“Le aziende hanno aumentato la loro capacità umana troppo tardi”, afferma Gerald Wessel della società di consulenza aerea Airborne Consulting. Inoltre, alcune aziende continueranno ad affidare ad alcuni dei loro dipendenti un lavoro a orario ridotto. Il governo federale ha prorogato fino alla fine di giugno i generosi regolamenti rispettosi del bilancio.

>> Leggi questo: Il capo di Lufthansa Spohr vuole raggiungere la piena capacità prima del 2025

Se i borsisti vengono riportati, devono essere nuovamente formati a causa degli elevati requisiti di sicurezza. “Porta a un enorme arretrato di formazione”, afferma Wessel. Inoltre, ci sono colli di bottiglia nei controlli di affidabilità, come quelli prescritti per il personale di terra. “Le stesse autorità hanno problemi con il personale”, spiega Wessel.

Poi c’è l’epidemia. Anche se il sistema sanitario non è più a rischio di sovraccarico a causa degli alti tassi di vaccinazione, i contagiati devono comunque essere isolati. Questo esacerba la necessità. Alla fine di aprile, ad esempio, Lufthansa è stata in grado di offrire servizi di catering solo molto limitati sui voli europei, poiché Gategroup del fornitore di servizi ha dovuto licenziare ripetutamente il personale.

READ  Henglein spaetzle: richiama! Venduto anche da Rewe e Edeka

Anche se la carenza di personale potesse essere affrontata rapidamente nella migliore delle ipotesi, probabilmente aiuterebbe solo in misura limitata. Perché il problema non è puramente tedesco. C’è carenza di personale in tutta Europa.

Piloti nella cabina di pilotaggio di un Airbus A321

I piloti stanno già diventando rari negli Stati Uniti e presto potrebbe essere così anche in Europa.

(Foto: imago / broker imago)

KLM è stata costretta a cancellare un numero doppio di voli ad Amsterdam e Rotterdam alla fine di aprile per evitare un tracollo. easyJet A sua volta, sta valutando la possibilità di ridurre il numero di posti riservati su alcuni voli. Il volo può quindi decollare con tre membri dell’equipaggio anziché quattro.

British Airways Vuole tagliare del cinque per cento la capacità prevista per importanti affari estivi. La compagnia aerea ha già cancellato 1.400 voli dall’inizio di aprile. Il caos si verifica ancora e ancora negli aeroporti come Birmingham e Manchester, e a volte i passeggeri devono aspettare diverse ore per essere registrati.

Le aziende stanno cercando di trovare nuovi dipendenti. La controllata di Lufthansa Eurowings, ad esempio, offre bonus d’ingresso per la sua espansione in Scandinavia. Fino a fine maggio la società ha offerto ai capitani che ingaggiano per almeno 24 mesi l’equivalente di 10.000 euro. I copiloti dovrebbero ottenere la metà.

In Gran Bretagna, il Dipartimento dei trasporti sta attualmente lavorando a un regolamento che prevede che i dipendenti senza esperienza di aviazione possano iniziare prima che le autorità ne certifichino finalmente l’affidabilità. Sarebbe una moda passeggera.

La grave carenza di piloti negli Stati Uniti

Tuttavia, dovrebbe essere molto stretto in estate. Poi le compagnie aeree si aspettano un load factor non più lontano dal livello pre-crisi. Pertanto, Stefan Schulte, presidente dell’operatore aeroportuale Fraport, ha avvertito delle lunghe code nelle ore di punta.

Per allora, al più tardi, anche il numero del personale in cabina di pilotaggio dovrebbe essere scarso. Al momento, la maggior parte delle compagnie aeree in Europa è ancora in grado di soddisfare la domanda. Piloti con patenti valide in uso continuativo. Nel frattempo, i piloti che non hanno volato durante la crisi hanno potuto completare la loro formazione.

In estate, questo non funzionerà comunque. Molti piloti hanno lasciato le loro aziende durante la pandemia. In Lufthansa, circa 400 piloti hanno beneficiato dei pacchetti di fine rapporto, più di quanto la direzione si aspettasse. Ora Hansa vuole smettere di nuovo.

Ma non è così facile, come dimostra uno sguardo agli Stati Uniti. C’è una grave carenza di piloti lì. Migliaia di persone si sono ritirate a causa della pandemia. Ora le compagnie aeree stanno assumendo tutto ciò che è possibile. United Airlines, un partner di Lufthansa, quest’anno cerca da solo 13.000 piloti. In un anno normale sono al massimo 5000.

di più: Cherosene industriale: un faro di speranza sopra le nuvole