Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alto rischio di malattia di Alzheimer a causa dell'infezione da batteri Helicobacter pylori

Alto rischio di malattia di Alzheimer a causa dell'infezione da batteri Helicobacter pylori
  1. 24vita
  2. Vivi sano

Le specie batteriche Helicobacter pylori promuovono l'infiammazione nello stomaco e nell'intestino. I ricercatori hanno scoperto che l’infezione può anche favorire la demenza.

Quasi una persona su due nel mondo è infettata da questo tipo di batterio Helicobacter pylori ferito. Come riferisce il Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni (DZIF), la maggior parte delle persone sviluppa già nei primi anni di vita la malattia, che può causare ingenti danni allo stomaco. L'infezione provoca, tra le altre cose, un'infiammazione cronica della mucosa gastrica. Secondo DZIF, in circa il 15% dei soggetti infetti ciò provoca ulcere allo stomaco e nell'1-2% addirittura il cancro allo stomaco. I medici ne hanno diagnosticato uno Helicobacter pyloriinfezione, Di solito iniziano il trattamento con antibiotici.

Chi pensa che l’infezione batterica provochi sempre dei sintomi si sbaglia. L'80% delle persone ne ha uno Helicobacter pyloriL'infezione non presenta tali segni di malattia Internisti su Internet Racconta. Se si verificano sintomi, possono includere i seguenti reclami, come il portale specializzato IInternisti in linea E il Associazione Svizzera di Gastroenterologia Lui scrive:

  • Indigestione
  • (Cronica) Infiammazione della mucosa dello stomaco con mal di stomaco, nausea ed eventualmente vomito, dolore epigastrico, bruciore allo stomaco, eruttazione, diminuzione dell'appetito e sensazione di pienezza
  • Ulcere allo stomaco o al duodeno (in circa il 10% delle persone colpite)

Le infezioni batteriche aumentano il rischio di Alzheimer

Attraverso di esso possono passare non solo lo stomaco e l'intestino, ma anche i nervi Helicobacter pylori Essere attaccato. I ricercatori hanno recentemente scoperto un legame tra infezione batterica e demenza derivante dal morbo di Alzheimer.

Cos'è la malattia di Alzheimer?

Questa è la forma più comune di demenza. Le persone colpite soffrono di una malattia cerebrale incurabile, associata alla morte delle cellule nervose nel cervello. Di conseguenza si verificano dimenticanza, confusione e disorientamento, ad es Iniziativa di ricerca sulla malattia di Alzheimer Sono stato informato.

I ricercatori della Charité di Berlino e della McGill University canadese hanno condotto uno studio per verificare se potrebbe verificarsi un'infezione Helicobacter pylori Aumenta il rischio di malattia di Alzheimer. Hanno concluso che questo è effettivamente il caso delle persone di età superiore ai 50 anni. In un comunicato stampa della Charité-Universität Medicine Berlin, il professor Antonius Doros, farmacoepidemiologo della Charite e primo autore dello studio, ha affermato: “Il nostro studio mostra che le infezioni asintomatiche da Helicobacter pylori Dopo i 50 anni, ciò può essere associato ad un aumento del rischio dell'11% di sviluppare la demenza di Alzheimer. L'aumento del rischio raggiunge il suo valore massimo del 24% circa un decennio dopo l'infortunio.

L'infezione da batterio Helicobacter pylori, ad esempio, si manifesta con dolore alla parte superiore dell'addome. © immagine

Tuttavia, ciò non significa che ogni persona con sintomi svilupperà inevitabilmente la malattia di Alzheimer dopo l'infezione. I calcoli mostrano un aumento del rischio relativo rispetto alle persone che non presentano sintomi di infezione dopo i 50 anni. comunicato stampa.

Non perdetevi nulla: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Maggiori informazioni sullo studio “Clinicamente chiaro Helicobacter pylori Infezione e rischio di malattia di Alzheimer: uno studio caso-controllo nidificato basato sulla popolazione.

data di rilascio: 13 dicembre 2023

pubblicato Nella rivista specializzata Alzheimer e demenza

Dominio: Analizzando i dati di più di quattro milioni di persone

Autori dello studio: Un gruppo di ricerca canadese-tedesco guidato dal Dr. Antonius Doros, Professore Heisenberg presso l'Istituto di Farmacologia Clinica e Tossicologia della Charité, e il Dr. Paul Brassard, Professore Associato presso la Facoltà di Medicina e Scienze della Salute dell'Università McGill di Montreal (Canada)

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull'argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all'autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Alla nostra redazione non è consentito rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.