Almeno 60 persone sono morte in un naufragio nel Mediterraneo

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."
  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

Premere

Sono andati alla deriva impotenti nel Mediterraneo per giorni, senza che nessuno prestasse attenzione alla chiamata di soccorso. Una squadra di soccorso ha finalmente trovato 25 sopravvissuti al raccapricciante evento.

Ancona – bruciata dallo spietato sole cocente. Affamato Sete. Circa 80 persone hanno languito per giorni nel Mediterraneo, galleggiando su un gommone incapace di manovrare. Almeno 60 di loro non sono sopravvissuti alla dura prova.

Incidente mortale nel Mediterraneo: 60 morti in un gommone – molti bambini a bordo!

“I sopravvissuti hanno lasciato Zawiya (Libia, RD) sette giorni prima del salvataggio. Tre giorni dopo il loro motore si è rotto e la loro barca è andata alla deriva per diversi giorni senza acqua né cibo”, scrive SOS Mediterranei dopo l'operazione di salvataggio del 13 marzo. La Ocean Viking L'equipaggio era composto da 25 persone, espulse dal gommone erano tutte in “cassime condizioni fisiche e psicologiche”.

Per caso, la Ocean Viking ha avvistato il gommone nel Mar Mediterraneo: l'equipaggio ha salvato 25 persone. © Johanna de Tessières/SOS Mediteranée

Tra i sopravvissuti c'erano dodici minori non accompagnati, ha riferito SOS Mediterranee su richiesta. IPPEN.MEDIA. Le squadre di soccorso non sono riuscite a salvare le due persone prive di sensi a bordo. Insieme alla Guardia Costiera italiana, un elicottero di soccorso l'ha portata in un ospedale in Sicilia. Circa 60 persone, tra cui donne e almeno un bambino, sono morte durante il viaggio, hanno riferito i soccorritori alla ONG. I media italiani parlano di cinque bambini morti.

“SOS passa inosservato”: gommone in difficoltà in Italia – la gente continua a gridare aiuto

La ripresa potrebbe essere avvenuta molto prima? Accusa. Perché: “L'SOS è passato inosservato”, scrive il quotidiano Repubblica di La E LaStampa Una chiamata SOS proveniente da un call center di emergenza chiamato “alarm phone” è stata segnalata senza risposta. Diversi giorni fa, la ONG ha chiesto aiuto su un gommone con 75 persone.

SOS Mediterranean non ha potuto confermare con certezza se si trattasse davvero della stessa barca. Tuttavia, si applicano tempo e luogo. E le segnalazioni dei soccorritori. “I sopravvissuti hanno visto l'elicottero due volte e hanno cercato di attirare la sua attenzione su di loro”, ha detto un portavoce.

Proteste dopo l'incidente in barca in Italia: la chiamata di emergenza potrebbe essere stata ignorata – la prossima tortura dopo il salvataggio

In Italia c’è stata una grande agitazione. “È inaccettabile che una nave danneggiata rimanga in mare per una settimana incustodita”, avverte Valerie Tarino, direttrice generale di SOS Mediterranean. Le condizioni nel Mediterraneo sono talvolta scandalose; L'estate scorsa, 100 bambini sono stati trovati nella stiva di una nave naufragata al largo della Grecia.

Alla fine, i soccorsi hanno raggiunto accidentalmente il gommone. Un aereo SeaWorld II ha trasmesso la posizione di un'altra nave indifesa alla Ocean Viking. Durante il tragitto, l'equipaggio trovò sul ponte una barca con 25 sopravvissuti. Quindi procedere con loro all'attività originale. Lì la Ocean Viking ha tratto in salvo altre 224 persone.

Lungo viaggio dopo il recupero:
Lungo viaggio dopo i soccorsi: “Un viaggio di 1.450 km rischia di peggiorare la situazione dei sopravvissuti” avverte SOS Mediterraneo. © Johanne de Tessières/SOS Mediteranée

Tuttavia, la miseria dei sopravvissuti non è finita con l'arrivo della squadra di soccorso. La nave di salvataggio doveva dirigersi ad Ancona, una città portuale nell'estremo nord dell'Italia. Non è consentita la sosta in altri porti. “Il porto è a 1.450 chilometri di distanza, il che grava ulteriormente sui soccorsi”, afferma SOS Mediterraneo. Il Viminale italiano, secondo quanto riferito, non ha risposto alla richiesta di assegnare un porto più vicino. “Non è appropriato che la nave intraprenda un viaggio così lungo dopo una tragedia del genere, un evento terribile”, ha detto il portavoce dell'UNHCR Filippo Ungaro. LaStampa. Le organizzazioni di soccorso marittimo stanno attualmente facendo causa all’Italia per questa pratica nei porti remoti. (mo)

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...