Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

All’età di 78 anni: è morto Mateschitz, fondatore della Red Bull

Stato: 23/10/2022 16:00

Dietrich Mateschitz, fondatore della Red Bull e miliardario austriaco, è morto all’età di 78 anni. necrologio

La rivista di sport motoristici Speed ​​Week, una pubblicazione del Red Bull Group, ha riportato la morte del miliardario nella tarda serata di sabato (22 ottobre 2022). L’austriaco aveva ceduto a una “lunga e grave malattia”.

Nell’ambito del Gran Premio di Formula 1 negli Stati Uniti, Helmut Marko, Direttore degli sport motoristici della Red Bull, ha confermato la morte del suo compagno di lunga data. “Sapevamo che era in un difficile stato di salute, e ora che è successo, è ancora sorprendente che un personaggio così eccezionale abbia dovuto dimettersi”, ha detto Marko a Sky. Mateschitz era “unico”, “ma era una persona umile”.

Di recente, ci sono già state segnalazioni secondo cui Mateschitz soffriva di cancro. Ha investito gran parte della sua fortuna nello sport, in particolare nella Formula 1 e in diverse squadre di calcio come i vincitori della Coppa DFB RB Lipsia e Red Bull Salisburgo.

Lo sport come strumento di marketing

Quando Mateschitz ha scoperto lo sport come strumento di marketing per la sua azienda di bibite, ha cambiato il mondo dell’esercizio fisico professionale. È noto che non aveva quasi limiti. Il successo della sua frizzante azienda si basava anche sulla convinzione del suo fondatore di essere all’avanguardia ovunque volesse veramente essere.

Un anno fa, deve essere stata più dura per l’uomo d’affari, nato in Stiria, in Austria, perdere quella scommessa dopotutto. Mateschitz aveva scommesso con Uli Hoeness nel 2018 che il suo club RB Leipzig sarebbe stato campione di calcio tedesco almeno una volta entro il 2021. Come è noto, non ne è venuto fuori nulla.

READ  La stella di Magdeburgo Ito - matrimonio segreto in Giappone - seconda Bundesliga tedesca

1984: la compagnia di docce prende le ali

La sconfitta non era davvero un’opzione per Mitchitz quando, alla fine degli anni ’90, decise di utilizzare lo sport come un importante strumento di marketing per la sua azienda. Nel 1984 ha fondato l’azienda di docce “Red Bull GmbH” con la pionieristica famiglia Yoovidhya dalla Thailandia.

Dopo un lungo periodo di approvazione, la “Red Bull” fu messa in vendita nel 1987 e iniziò una storia di successo seconda a nessuno. Ben presto il termine di nuova creazione “bevanda energetica” è apparso sulle labbra di tutti e Mateschitz non solo ha creato un prodotto innovativo, ma ha anche creato una divisione bevande completamente nuova.

Strategia: 40% per fare pubblicità

In Germania, la domanda è stata stimolata dal fatto che la bevanda è stata commercializzata sul mercato nero solo fino all’aprile 1994, quando non è stata approvata per la vendita fino ad allora. Descrizione degli ingredienti – il succo contiene l’aminoacido taurina più caffeina e molto zucchero – inizialmente non soddisfaceva gli standard tedeschi.

Una caratteristica della strategia dell’azienda Mateschitz, considerata un genio nel campo del marketing, erano le spese finanziarie esorbitanti della distribuzione globale del marchio. Il 40 percento delle vendite dovrebbe sempre essere investito nel marketing. L’azienda ha fatto molto affidamento sulla sponsorizzazione di eventi sportivi insoliti come il “Taurus World Stunt Award” di Hollywood, lanciato nel 2001, e su diverse centinaia di atleti individuali, inclusi atleti estremi come deltaplani, alpinisti e paracadutisti, ma poi anche corridori di sci, pattinatori e snowboarder.

2005: Mateschitz acquista l’Austria Salisburgo

Mateschitz ha scoperto il suo amore per il calcio solo relativamente tardi. Nel 2005, la squadra di calcio austriaca ha acquistato il Salisburgo e lo ha ribattezzato Red Bull Salisburgo. Ha dato le strutture professionali al club e ha investito diversi milioni nell’acquisto di allenatori e giocatori.

READ  Day 9 di Coppa del Mondo: Mihambo vola verso la finale del salto in lungo senza problemi

Dopo aver allenato il club professionistico di New York Metro Stars nel 2006 con una richiesta di quasi $ 30 milioni e averlo lanciato nella North American Soccer League (MLS) sotto il nome di Red Bull New York e anche installato un club in Brasile nel 2007, Mateschitz è stato anche attivo in Calcio tedesco nel 2009: RasenBallsport (RB) ha fondato il nuovo Lipsia dalla divisione calcio della SSV Markranstädt Suburban.

Rangnick avanza a Lipsia

L’obiettivo dichiarato del progetto era la marcia verso il primo campionato tedesco. Inoltre, l’ex allenatore della Bundesliga Ralf Rangnick è stato inizialmente nominato direttore sportivo delle città di Salisburgo e Lipsia nel 2012 prima di concentrarsi interamente sulla squadra tedesca della Red Bull.

Il presidente dell’azienda Dietrich Mateschitz con il CEO Oliver Mintzlaff

Foto: Alleanza fotografica

Infatti, l’RB Leipzig, guidato da Rangnick, è stato in grado di completare la promozione nel massimo campionato tedesco nella primavera del 2016, celebrando così la carriera dell’Oberliga in soli sette anni. La squadra si è qualificata per la Champions League europea nella sua prima stagione in Bundesliga.

Risultati in Formula 1

Tuttavia, il motorsport è sempre stato un’area importante della sponsorizzazione sportiva della Red Bull. Nel 1995 Mateschitz acquistò la squadra svizzera Sauber con una maggioranza di due terzi. Dal 2004 ha ampliato notevolmente la sua partecipazione.

Viene assegnato al Jaguar Formula 1 Team (da allora noto come “Team Red Bull Racing”), e nel 2005 al Minardi Team (di seguito: “Scuderia Toro Rosso”), diventando così il primo proprietario di due scuderie della prima divisione dello sport le automobili. Nella stagione 2010 di Formula 1, la Red Bull Racing, guidata dal pilota tedesco Sebastian Vettel, ha vinto il Campionato Costruttori e Piloti.

READ  Cambiare la regola nel biathlon per la nuova stagione

Proibire la perdita

Nel 2016, i dipendenti della stazione televisiva Mateschitz “Servus TV” hanno scoperto cosa succede quando si va contro la propria volontà. Quando hanno voluto istituire un consiglio d’affari lì, ha immediatamente minacciato di sciogliere la stazione. Perdere non era solo la sua cosa. E se così fosse, i rischi non sarebbero troppo grandi. Quindi la scommessa con Uli Hoeness si adatta al conto: Matches ha perso una birra.

Fonte: sportschau.de