Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Affrettatevi all’accordo con la Libia

I rifugiati soccorsi dalla Guardia costiera libica sono seduti a Tripoli. (AFP / Mahmoud Turkia)

La Libia è sempre stato un Paese importante per l’Italia. Roma ha da tempo riconosciuto che la Libia deve essere anche una soluzione praticabile alla crisi migratoria. Questo è uno dei motivi per cui il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato una lettera con il governo a Tripoli in vista del vertice Ue a Malta.

“L’accordo riguarda l’organizzazione di campi in Libia e la cooperazione con le organizzazioni internazionali per il rimpatrio dei migranti presso la polizia di frontiera e la guardia costiera. Mostra un modo possibile per ridurre e gestire il flusso di migranti”.

L’Unione europea vuole seguire l’esempio e ha adottato una dichiarazione al vertice di Malta secondo cui il rafforzamento della Libia svolgerà un ruolo chiave. Inoltre, la sicurezza delle frontiere funziona meglio. C’è però il problema del referente: l’accordo tra l’Italia si è concluso con il governo di Tripoli, che non controlla in alcun modo l’intero Paese.

Le agenzie umanitarie criticano l’accordo con la Libia

Ma anche il presidente Merkel sognava pubblicamente un accordo con la Libia. Soprattutto, l’accordo con la Turchia ha svolto un ruolo importante nella prevenzione delle migrazioni attraverso i Balcani. Ma le agenzie umanitarie affermano che un tale accordo con la Libia è una decorazione per finestre, ad esempio Charlotte Sami dell’UNHCR, un’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati in Italia:

“Attualmente, l’accordo tra Europa e Turchia per un Paese come la Libia non può essere modificato su base 1: 1. L’unico modo per affrontare l’immigrazione in Libia è rimanere nei campi.

Queste condizioni sono note anche in Germania: diversi media tedeschi hanno recentemente citato un rapporto del Ministero degli Esteri tedesco che parla delle “violazioni più gravi e sistematiche dei diritti umani” e di “condizioni come i campi di tortura” in Libia.

READ  L'Italia vuole vaccinare il 90 per cento della popolazione

La maggior parte degli oltre 180.000 migranti arrivati ​​in Italia lo scorso anno è fuggita dalla Libia, con quasi 4.500 morti nel Mediterraneo nel 2016. L’UNHCR afferma che il 40% di coloro che hanno bisogno di protezione sono tra questi. Ma anche i cosiddetti rifugiati economici sono intrappolati in Libia:

“Quando vieni in Libia, sei in una situazione senza speranza: se rimani lì, morirai, e se torni, morirai. L’unica soluzione per te è andare avanti”.

La gente continua ad essere frustrata

Il governo italiano pensa che sia meglio stipulare un accordo con un governo con poteri solo parziali che non ci sia accordo in Libia. Paulo Gentiloni ha invitato l’Europa a investire per migliorare la situazione in Libia.

“Un evento con dimensioni e cause che non possono essere eliminate con una bacchetta magica non scomparirà all’improvviso. Ma se riusciamo a ridurre i numeri e a gestirlo, daremo una risposta al pubblico. E diventeremo legali. Limitate le rotte migratorie, rotte umanitarie».

Se chiedi alle organizzazioni per i diritti umani e gli aiuti, c’è ancora molta strada da fare. L’alta stagione, soprattutto con un gran numero di persone che si trasferiscono in Europa, deve ancora arrivare. E la frustrazione delle persone intrappolate in Libia è certamente immensa e sono pronte a rischiare la vita nel 2017.