Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

25 milioni di dollari di causa intentata contro Alec Baldwin | intrattenimento

Non si tratta del proiettile dell’omicidio |

Una causa da 25 milioni di dollari intentata contro Alec Baldwin

Ad Alec Baldwin, 64 anni, potrebbe essere chiesto di pagare molto di più presto. Una causa da 25 milioni di dollari è stata intentata contro l’attore americano (incluso “Mission Impossible”). Lo riporta il New York Post.

L’affermazione non ha nulla a che fare con la tragica morte del 21 ottobre 2021.

Ecco di cosa si tratta: la storia dietro le attuali accuse fornisce materiale sufficiente per un film di Hollywood a sé stante. Il 26 agosto 2021, i marines statunitensi Riley McCollum (20) sono stati uccisi in un attacco suicida in Afghanistan.. Il New York Post ha riferito che Baldwin ha contattato la sorella della vittima tramite Instagram e ha inviato alla famiglia un assegno di $ 5.000.

Il marines statunitense Riley McCollum (20) è stato uno dei 13 soldati uccisi nell’attentato suicida in Afghanistan

Foto: Marines americani tramite AP

Nel gennaio 2022, le cose sono finalmente precipitate: la sorella Royce McCollum ha pubblicato una foto online per celebrare il primo anniversario dell’assalto al Campidoglio da parte di un’enorme folla di oppositori del governo.

Si dice che l’attore, che è un convinto oppositore dell’ex presidente Donald Trump, non abbia solo commentato la foto. Secondo il rapporto, il 64enne ha anche scritto una lettera alla sorella della vittima: “Quando ti ho mandato dei soldi per tuo fratello, per vero rispetto per il suo servizio a questo Paese, non sapevo che fossi un piantagrane nella guerra mondiale il 6 gennaio”.

Baldwin ha poi pubblicato la foto sul suo account Instagram, che conta circa 2,5 milioni di follower. Secondo la causa, si dice che la star di “Departed” abbia menzionato il coinvolgimento di Roice McCollum nelle rivolte. Ma McCollum afferma di non essere stata al Campidoglio quel giorno.

La polizia interroga Alec Baldwin dopo aver sparato alla fotografa Halina Hutchins († 42).

La polizia interroga Alec Baldwin dopo aver sparato alla fotografa Halina Hutchins († 42).

Foto: Sceriffo della contea di Santa Fe

È qui che entra in gioco la richiesta di 25 milioni di dollari di danni. Perché – secondo l’argomentazione dei pubblici ministeri – la sorella del soldato deceduto ha successivamente ricevuto masse di “messaggi ostili, aggressivi e odiosi”, così come altri membri della famiglia. Furono accusati di essere nazisti e razzisti. Secondo la causa, “un incubo”.

Il testo recita letteralmente: “Il comportamento di Alec Baldwin è stato sconsiderato e sconsiderato. Avrebbe dovuto sapere che se avesse passato le accuse mosse contro i querelanti ai suoi milioni di seguaci, avrebbe ferito i querelanti”.

I McCollum stanno ora cercando un processo con giuria nello stato di New York. Implica la violazione della privacy, la diffamazione e il causare intenzionalmente stress emotivo.

Questa è la seconda causa intentata dalla famiglia contro l’attore. La prima è stata respinta da un giudice del Wyoming perché non si sentiva qualificata. Alec Baldwin vive a New York.

READ  Fino a 1150 euro - chi ora ottiene la maggior parte dei soldi dallo stato