Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Volodymyr Zelensky: Il presidente ucraino passerà da autore di satira a statista?

all’estero Volodymyr Zelensky

Il presidente ucraino passa da cinico a statista?

Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Volodymyr Zelensky, Presidente dell’Ucraina, durante un discorso il secondo giorno della Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Fonte: dpa/Tobias Hase

È al centro di una crisi con ripercussioni globali: il presidente ucraino Selinsky. Gli ucraini non sono convinti dalla raffinatezza dell’ex comico. Riuscirà ad affrontare correttamente la crisi russa?

IlDa allora, Volodymyr Zelensky è stato visto solo come un ex comico caduto accidentalmente alla presidenza dell’Ucraina. Quasi tre anni dopo la sua elezione, molti ucraini non sono ancora convinti delle capacità di statista del loro presidente. Ma la crisi con la Russia lo ha messo sotto una nuova luce.

E mentre Mosca ha ammassato più di 100.000 soldati al confine ucraino negli ultimi mesi e il governo degli Stati Uniti ha avvertito di una possibile invasione russa “in qualsiasi momento”, il 44enne non ha battuto ciglio.

“Cosa dobbiamo fare? Solo una cosa: stare calmi”, ha spiegato a gennaio l’ex star della TV. Dichiarato dagli Stati Uniti come possibile giorno dell’invasione, il 16 febbraio è stato presto dichiarato “Giornata dell’Unità”, che gli ucraini dovrebbero celebrare con le bandiere nazionali poste alle finestre.

Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Selinsky (a sinistra) e Boris Johnson, Primo Ministro della Gran Bretagna, in un incontro – di gran lunga – nell’ambito della Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Fonte: dpa / Matt Dunham

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel fine settimana, sembrava più allarmato e ha invitato l’Occidente ad abbandonare la sua politica di pacificazione nei confronti di Mosca. Il suo Paese è lo “scudo” dell’Europa contro la Russia, che merita più sostegno internazionale.

La sua carriera senza alcuna esperienza è come la sua serie

La carriera politica di Zelensky iniziò quasi come una farsa. Non aveva esperienza politica fino alla sua elezione a presidente nel 2019. Il suo percorso verso la presidenza è stato simile allo scenario della sua popolare serie TV, Servant of the People.

Nella serie, ha interpretato un insegnante di storia che è stato eletto presidente dopo che un video è diventato virale in cui criticava la corruzione del paese. Anche nella vita reale, Zelensky deve la sua popolarità alla sua apparizione su Internet di successo. L’insoddisfazione diffusa per l’allora capo di stato, Petro Poroshenko, alla fine lo aiutò a vincere le elezioni.

Ma è stato un enorme passo avanti dal lanciare battute a volte volgari in televisione per guidare un paese. Pertanto, alcuni ucraini temevano il peggio dopo la vittoria elettorale dell’attore della città industriale di lingua russa di Kryoy Rig.

I diplomatici ammirano a porte chiuse

Il fatto che i suoi primi passi sulla scena politica internazionale siano stati esitanti, non ha accresciuto la fiducia in lui. “Penso che i nostri partner internazionali stiano attraversando un periodo difficile con lui”, afferma il politologo ucraino Mykola Davyduk. “Stai giocando a un livello molto alto che lui non può raggiungere – e non può capire”.

Il conflitto in Ucraina

Prima solo in TV, e poi improvvisamente politici nella vita reale: Selinsky con la guardia costiera ucraina nella regione di Donetsk nell’Ucraina orientale

Fonte: dpa / –

Ma a porte chiuse, alcuni diplomatici sono rimasti colpiti dal modo in cui l’ex comico sta affrontando la crisi con Mosca. “Onestamente, non funziona male”, dice un diplomatico. Selenskyj mantiene la testa calma. “Ha un lavoro impossibile, è bloccato tra le pressioni sia dei russi che degli americani”.

Per Zelensky, il confronto con Mosca segna una svolta nella sua presidenza. È entrato in carica nel 2019 con la promessa di porre fine al conflitto nell’Ucraina orientale, dove la Russia sostiene i combattenti separatisti e in cui finora sono state uccise circa 14.000 persone. Una promessa che non è ancora riuscito a mantenere. Al contrario, le relazioni tra i paesi vicini hanno continuato a deteriorarsi da allora.

Il Cremlino ha ripetutamente accusato Kiev di discriminare la popolazione ucraina di lingua russa e di non aver mantenuto le sue promesse di risolvere il conflitto nell’Ucraina orientale. E mentre l’ingresso dell’Ucraina nella NATO, che Zelensky descrive come un “sogno”, è tutt’altro che all’ordine del giorno, Mosca sta aumentando la pressione. A Monaco, Zelensky ha cercato di aumentare la pressione da parte sua e ha chiesto un calendario “chiaro” per l’adesione dell’Ucraina alla NATO.

Leggi anche

Joe Biden

Alla luce della minaccia di un’invasione russa, che gli Stati Uniti si aspettano ora nei prossimi giorni, anche il viaggio di Zelensky a Monaco ha suscitato perplessità. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden l’ha definita “forse non la decisione più saggia”. Tuttavia, Zelensky potrebbe aver sperato in accordi concreti sugli impegni finanziari e militari dai colloqui a margine della conferenza sulla sicurezza. In ogni caso, non è rimasto a lungo lontano da Kiev, rassicurando il pubblico durante il suo discorso di sabato. “Ho fatto colazione in Ucraina e cenerò anche in Ucraina”.

Leggi anche

WELT AM SONNTAG Editor Stefan Ost

Stefan Ost sulla situazione politica

READ  Ucraina-Krise - Putin verhängt Einreiseverbot für EU-Vertreter - Politik