Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vitamina D: Non esiste un salvatore contro il Covid | NDR.de – Guida

Dal: 25/02/2022 16:32

La vitamina D protegge dal COVID-19! Un grave errore, anche se gli studi suggeriscono un collegamento. Perché ci sono molti fattori che influenzano.

Di Birgit Augustin e Corina Henning

Potrebbe essere già iniziato con Donald Trump. Quando l’allora presidente degli Stati Uniti si ammalò di Covid-19 in autunno, i preparati a base di vitamina D erano nella sua lunga lista di farmaci. Più e più volte durante il corso dell’epidemia, le persone che considerano la vitamina D un vero toccasana si sono espresse. In effetti, emergono costantemente studi che suggeriscono un legame tra lo stato di vitamina D di un paziente e la progressione della malattia. Problema: non tutto è sbagliato. Ma è spesso frainteso e quindi porta a rischiosi esperimenti preventivi autodiretti.

È difficile separare i fattori di rischio

Recentemente, ad esempio, ne ho fatto uno studio da Israele Il round in cui più di 1.000 pazienti Covid-19 sono stati sottoposti a screening per lo stato di vitamina D. Conclusione degli autori: la carenza di vitamina D prima dell’infezione è associata a un decorso grave della malattia e ad un aumento della mortalità. Ma: “Associato non significa: causalità”, afferma Martin Smolch, MD, esperto di nutrizione presso l’University Hospital Schleswig-Holstein.

Perché altri fattori giocano sempre un ruolo. Molto spesso, ci sono alcuni gruppi di popolazione che soffrono di carenza di vitamina D. Spesso hanno fattori di rischio per il Covid-19 molto diversi: età avanzata, bisogno di cure, obesità, altre malattie preesistenti e cattiva alimentazione per motivi sociali ed economici. Spesso non è possibile separare l’uno dall’altro, motivo per cui non è possibile calcolare l’effetto dello stato della vitamina D.

La relazione tra causa ed effetto non è chiara

Diventa ancora più difficile quando i laici interpretano le conclusioni di tali studi. Perché la correlazione, cioè un’interrelazione statisticamente determinata, non implica automaticamente una relazione di causa ed effetto, una causalità. Martin Smallch cita il famoso esempio della cicogna: se molti bambini nascono in determinate zone dove ci sono molte cicogne urticanti, ciò non significa che la leggenda del sonaglio della cicogna che porta i bambini sia vera. In alternativa, una spiegazione è che le cicogne fruscianti si trovano nelle aree rurali dove vivono persone con molti bambini.

READ  Anche il vaccino HPV previene il cancro cervicale

Nel caso della vitamina D e del rapporto con la gravità della malattia nel Covid-19, le spiegazioni sono diverse: “Una è, ad esempio, che nell’ambito delle infezioni acute – non solo del Covid-19, ma anche di altre malattie infettive – il livello di vitamina D diminuisce) a causa del consumo di vitamina D durante un infortunio”, spiega Martin Smolich. “Quando guardo le persone che sono gravemente malate e le confronto con le persone sane, vedo spesso livelli più bassi di vitamina D in quelle persone che sono gravemente malate. Ma questa è una conseguenza, non la causa della malattia”. Smollich riassume lo stato dello studio come segue: “C’è un aumentato rischio di sviluppare un decorso grave di Covid-19 se si è carenti di vitamina D, ma non sappiamo se sia dovuto a carenza di vitamina D o altre condizioni. Quindi non possiamo provare la causalità.

Incomprensioni negli studi sulla nutrizione

Un problema comune con gli studi sulla nutrizione è che viene frainteso o dato il titolo sbagliato perché il contenuto è molto più breve. Ma c’è anche una ricerca che è stata condotta male dal punto di vista metodologico, che non tiene conto dei fattori di confusione, ignora le regole statistiche di base o fa errori grossolani nella selezione dei soggetti del test, e quindi fornisce risultati fortemente distorti. Questo può accadere con i preprint, cioè gli studi che sono stati pubblicati prima che altri studiosi li abbiano recensiti. Pertanto, molti di loro non si trasformano in una rivista scientifica riconosciuta in seguito.

Il ricercatore nutrizionale dell’UKSH Martin Smallich spiega su Twitter la vitamina D.

READ  Scopri il metabolismo delle cellule cancerose come nuovo punto di attacco - La pratica della guarigione

“Poi ovviamente ci sono falsi, nonostante il processo di revisione tra pari”, spiega Martin Smolich. “Ma per la maggior parte degli studi abbiamo una qualità media, buona o molto buona. Ma poi, comunicare o riferire su questi studi è una sfida, perché i dati scientifici differenziati devono essere riassunti in modo succinto e conciso, in modo che siano anche cliccabili e facili da leggere. Certo, spesso che contraddizione abbiamo”. su Twitter Un ricercatore nutrizionale a Lubecca spiega la vitamina D.

La vitamina D come agente terapeutico solo in caso di carenza

Diventa ancora più difficile quando si tratta della questione dell’importanza della vitamina D nel trattamento del Covid-19. Non esiste una raccomandazione generale per la somministrazione di vitamina D ai pazienti ospedalizzati. Il medico di terapia intensiva di Amburgo Stefan Kluge ha ragione guida medica Scrivere insieme. Dice: “Ci sono dati contrastanti nello studio. Ci sono stati ampi studi in cui a un gruppo di pazienti Covid 19 in terapia intensiva è stata somministrata vitamina D e all’altro un placebo. Non era significativamente migliore nel gruppo vitamina D rispetto al d’altra parte, sappiamo che un ampio studio di coorte è che la vitamina D svolge effettivamente un ruolo nel sistema immunitario e che i pazienti con Covid-19 hanno maggiori probabilità di sviluppare una carenza di vitamina D. Pertanto, la raccomandazione è: se si sospetta una carenza, viene controllato il livello di vitamina D. Nel sangue e sostituirlo se necessario.Ma solo allora.

Non vi è alcun beneficio preventivo contro il Corona virus

Lo stesso vale in linea di principio per la prevenzione: medici e scienziati mettono in guardia dall’assumere la vitamina D come integratore alimentare per prevenire la malattia da Covid-19, anche perché la credenza cieca nella vitamina D come “agente rivoluzionario” può essere tentato di trascurare altre misure preventive . Il dietista di Amburgo Matthias Riedel osserva che la vitamina D è spesso etichettata come una “super vitamina” ed è vista come una medicina magica.

Fiala con un campione di sangue per il test della vitamina D © fotolia.com Foto: arun011

Prima di assumere la vitamina D, è necessario controllare il tuo stato di vitamina D.

READ  Le bevande analcoliche senza zucchero sono davvero malsane

Chiunque non sia in un gruppo a rischio, segua una dieta sana e faccia abbastanza esercizio all’aperto, di solito non trae beneficio dall’integrazione di vitamina D. Diversa la situazione per le persone con malattie preesistenti, ma anche per le persone con la pelle scura o con il velo completo, perché la vitamina D3 si forma per effetto dei raggi ultravioletti sulla pelle stessa. Quindi dovresti tenere d’occhio eventuali potenziali deficit. Tuttavia, in questo caso, è necessario determinare prima il livello sierico e di solito è necessaria una dose più alta.

Complicazioni da sovradosaggio

Soprattutto, un sovradosaggio può essere pericoloso. Poiché la vitamina D è insolubile in acqua ma solubile nei grassi, viene immagazzinata nel corpo. “La cosa normale dell’assunzione di un sovradosaggio è che la vitamina D porta a un eccesso di calcio nel sangue”, spiega Martin Smolich. Questo calcio nel sangue causerà quindi aritmie che possono essere molto pericolose, ma anche la formazione di calcoli di calcio, soprattutto nei vasi renali. Ciò significa che i reni possono essere notevolmente danneggiati o addirittura fallire. Ciò può avere gravi conseguenze, soprattutto per i bambini i cui genitori si fidano sconsideratamente del presunto danno delle vitamine e, ad esempio, dosano generosamente lozioni con una pipetta.

Montaggio del kit di pronto soccorso e della radio © fotolia.com Foto: Frank Peters, Artem Scherbakov

La mia voce: Visita radiofonica: quali sono i vantaggi dei prodotti con vitamina D? (6 minuti)

Maggiori informazioni

La parola Vitamina D è scritta su una tavola racchiusa tra uova, burro, salmone e funghi © fotolia.com Foto: bit24

Nel nord, il corpo non ha molte opportunità di produrre abbastanza vitamina D in inverno. Tuttavia, la carenza può essere prevenuta. di più

Matthias Riedel in primo piano.  Sullo sfondo, il volto di una donna è mostrato con una lingua allungata e una pillola.  © Photokas, Foto: Elisa

8 minuti

Possibile carenza di vitamina D in inverno: dovresti assumere cereali o mangiare cibi fortificati con vitamina D? 8 minuti

Questo argomento è nel programma:

Informazioni NDR | 25/02/2022 | 9:53

NDR.logo