Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Virus di Epstein-Barr: ci sarà presto una vaccinazione?

Aggiornato: 05/11/2022 – 16:14

Il 95 percento lo porta da solo
Presto la vaccinazione contro il virus di Epstein-Barr?

Foto: Getty Images / KATERYNA KON / BIBLIOTECA FOTOGRAFICA SCIENTIFICA

Il virus Eptin-Barr può causare il cancro e la SM. Quasi tutti ce l’hanno dentro. Lo sviluppo di un vaccino ora dà speranza.

Il virus di Epstein-Barr può causare malattie gravi come cancro, sclerosi multipla o febbre ghiandolare. Circa il 95 percento di tutte le persone lo porta. Un recente studio sul vaccino ha dato speranza.

Cancro, sclerosi multipla, mononucleosi: queste malattie sono associate al virus di Epstein-Barr. Poiché quasi tutti contraggono il virus ad un certo punto della loro vita, gli scienziati stanno cercando urgentemente un vaccino. È iniziata la prima fase di uno studio sui vaccini negli Stati Uniti, che può aiutare sia le persone infette che quelle non infette.


Vaccino contro il virus di Epstein Barr


Il primo vaccino contro il virus di Epstein-Barr, che appartiene ai virus dell’herpes, è in fase di sperimentazione clinica negli Stati Uniti. Vaccinare contro di essa febbre ghiandolare Ma protegge anche dagli effetti pericolosi del virus come la sindrome di Guillain-Barre, il cancro e la sclerosi multipla. Questo è ciò che dice Focus.de. Ad oggi non sono disponibili né un trattamento sostenibile né un vaccino.


In uno studio clinico di fase I dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (NIAID), è necessario testare la sicurezza e la tollerabilità del vaccino, che è costituito da nanoparticelle proteiche. Come parte dello studio, 40 volontari sani avrebbero ricevuto tre iniezioni da 50 mcg per vaccino, con la seconda e la terza dose 30 e 180 giorni dopo. La metà delle persone è già infetta da EBV e l’altra metà no. Per un periodo da un anno e mezzo a due anni e mezzo, le persone testate vengono regolarmente esaminate per analizzare le possibili conseguenze della vaccinazione. L’intero studio di Fase 1 è progettato per durare quattro anni, come riportato dal NIAID.

Gli esperti presumono che circa il 95 percento di quasi tutti abbia il virus di Epstein-Barr, spesso inosservato nella prima infanzia. Tuttavia, se l’infezione si verifica solo in un adolescente o in un adulto, il virus può causare febbre ghiandolare. Inoltre, si dice che l’agente patogeno sia associato al cancro dei linfonodi e a varie malattie autoimmuni come la sclerosi multipla e il lupus. Il virus potrebbe anche avere un ruolo in Long Covid.

Vaccino per infetti e non infetti


Il vaccino ha lo scopo di proteggere le persone non infette che non sono ancora entrate in contatto con l’agente patogeno e quelle che sono già infette. Pertanto, il vaccino dovrebbe anche aiutare a combattere gli effetti tardivi dell’infezione limitando la riproduzione del virus nel corpo. “Un vaccino in grado di prevenire o alleviare l’infezione da virus di Epstein-Barr può ridurre l’incidenza della mononucleosi e potenzialmente ridurre l’incidenza del cancro e delle malattie autoimmuni”, ha affermato il direttore del NIAID Anthony Fauci.


Gli scienziati sottolineano l’importanza del vaccino


Anche in Germania, gli scienziati sperano di ottenere un vaccino contro il virus Epstein-Barr, poiché l’effetto cancerogeno del virus è stato decifrato in modo più dettagliato presso il Centro tedesco di ricerca sul cancro (DKFZ) e DZIF. Gli scienziati di Heidelberg sono stati i primi a dimostrare che una specifica componente proteica dell’EBV promuove lo sviluppo del cancro. “Tutti gli oncovirus umani esaminati finora portano al cancro in un modo completamente diverso”, spiega il professor Henri-Jacques Delecluse, scienziato DZIF presso DKFZ.


Al momento non è chiaro quanti tumori siano direttamente correlati all’agente patogeno. Delecluse e colleghi ipotizzano che alcuni tumori non fossero collegati a EBV perché non è stato possibile trovare il genoma virale. Gli scienziati ora chiedono il rapido sviluppo di un vaccino contro l’EBV. “Anche la prima infezione presenta un rischio di cancro”, afferma Delclause. I ricercatori hanno già sviluppato prototipi per un tale vaccino.


_______


Fonti: focus.de, gesundheitsforschung-bmbf.de


Puoi trovare maggiori informazioni qui o sul nostro sito web Tema del cancro:



Salute

Salute

Tutto su salute e nutrizione

Mostra descrizione


READ  Aumento del rischio di infarto dopo l'infezione da corona, anche con cicli di luce