Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vino economico, prodotti costosi: il più grande produttore di vino italiano converte l’uva in biocarburanti – Panorama – Kesselshaft

Il Tavernello non è certo uno dei vini più conosciuti all’estero Italiani, E non certo il più costoso ed elegante: lo si può acquistare principalmente nei supermercati, che di solito sono in fila un po’ timidi sugli scaffali sotto il reparto liquori. Un vino economico, non in bottiglie di vetro, ma in contenitori di tetra bag.

Il prezzo di un litro di Tavernello oggi è leggermente superiore a un litro di benzina o gasolio: da 1,50 a due euro. È disponibile in bianco, rosso e rosa; Recentemente è diventato disponibile come “Freezant” e Organic. Ma in fondo è un best seller: con circa 120 milioni di litri l’anno, secondo la rivista di settore americana Wine Spectator, è il quarto vino più venduto al mondo – primo in Italia, almeno per di volume.

Tavernello è prodotto dalla Cantina Sociale Caviro di Faenza, la più grande azienda vinicola italiana, fondata nel 1966. L’azienda ha 27 cooperative vinicole in sette regioni, con un totale di 12.400 produttori di vino che forniscono parte o tutta la loro produzione di uva, e devono rifornire Cauvery.

[Wenn Sie die wichtigsten Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere runderneuerte App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Il caviale ha lavorato un totale di 615.000 tonnellate l’anno scorso Uva. Più della metà del vino che produce Caviar è solo tavernello; Negli anni l’azienda ha acquisito diverse piccole e grandi cantine, alcune delle quali spremono anche ottimi vini pluripremiati come l’Amaron della Valpolicella.

Dove si produce molto vino, c’è molto marchio – e serve come base per il secondo pilastro economico di Kiwiro: la produzione di biocarburanti, fertilizzanti naturali e altri oggetti di valore.

READ  Corona in Italia: campione di vaccino da Paese ad area ad alto rischio

L’alcol è più economico del diesel

Il più grande impianto per la produzione di metano liquefatto (gas naturale liquefatto, GNL) in Italia è attualmente realizzato in un grande sito denominato Caviar Extra – il nome della controllata: L’impianto sarà operativo entro la metà del prossimo anno e produrrà 9.000 tonnellate di GNL ogni anno, principalmente per le stazioni di servizio per camion e autobus. La Caviar Extra produce già dodici milioni di metri cubi di biometano, che viene immesso nella rete dei distributori di gas italiani.

Con il biometano prodotto a Fenza, le auto alimentate a metano possono percorrere 200 milioni di chilometri, a impatto climatico zero. Ma non è tutto: oltre al biogas, Caviar produce ogni anno 90 milioni di litri di alcol puro dai boma in diverse grandi distillerie, alcune delle quali vengono vendute anche come combustibili a bioetanolo e CO2 neutri.

Il resto del prodotto viene utilizzato nell’industria alimentare, nell’industria chimica o come disinfettante. Quando in Italia all’inizio dell’epidemia nel marzo 2020 c’era carenza di disinfettanti, la produzione è cambiata a favore dell’alcol disinfettante e la produzione è triplicata nel breve termine.

[Mehr aus der Hauptstadt. Mehr aus der Region. Mehr zu Politik und Gesellschaft. Und mehr Nützliches für Sie. Das gibt’s jetzt mit Tagesspiegel Plus. Jetzt 30 Tage kostenlos testen]

“Kiwiro ha iniziato davvero come una distilleria di Schnapps, al servizio di produttori di vino locali e cantine della regione”, ha affermato Alessandro Nesbeka, ingegnere capo per i biocarburanti presso Kevro Extra. L’uva veniva presa dai viticoltori e usata per fare il granchio e altri alcolici.

La produzione del Tavernello è iniziata nel 1983. Nel tempo l’utilizzo dei bomas è diventato sempre più moderno e la gamma di prodotti che ne derivano è sempre stata vasta. L’ultima invenzione di Faenza filtra e liquefa la CO2 prodotta nella produzione di biogas utilizzando refrigerante. “Vendiamo CO2 ai produttori di bevande che utilizzano anidride carbonica o la riempiamo in bombole a pressione per la saldatura”, afferma Nesbeka.

READ  Dopo Draghi: quanto è pericolosa la Georgia Meloni per l'economia? - Affare

Il Gruppo Caviro alla Fensa lavora da tempo non solo uva pigiata, ma anche altri scarti verdi e agricoli: l’anno scorso erano 555.000 tonnellate, di cui un quarto boomer. “È difficile per me descrivere questo materiale come” raffineria “e” rifiuto “”, insiste Nesbeka, guardando i nuovi cumuli di marchio alti diversi metri, quest’anno la raccolta del vino e la produzione in fabbrica sono finite. Il sito è in attesa di ripristino. “Per noi questo scarto è un ingrediente prezioso”.

I rifiuti vengono utilizzati per produrre elettricità

Delle centinaia di migliaia di tonnellate di rifiuti verdi forniti, solo 3900 tonnellate sono ceneri (che equivalgono allo 0,7 per cento), che alla fine dovranno ancora essere smaltite. “Se uccidiamo un maiale, seguiamo il motto delle nostre nonne che ci hanno insegnato a mangiare di tutto”, dice Nesbeka. Questo vale anche per i rifiuti verdi.

Il processo non produce solo biocarburanti, fertilizzanti e altri oggetti di valore, ma produce anche calore, parte del quale viene utilizzato anche per generare energia elettrica: Caviar Group produce tutta l’energia che consuma nei propri stabilimenti. Sono state installate stazioni di ricarica nei parcheggi del personale dove possono ricaricare gratuitamente le auto elettriche.

[Behalten Sie den Überblick: Jeden Morgen ab 6 Uhr berichten Chefredakteur Lorenz Maroldt und sein Team im Tagesspiegel-Newsletter Checkpoint das Aktuellste und Wichtigste aus Berlin. Jetzt kostenlos anmelden: checkpoint.tagesspiegel.de]

Il prossimo anno sarà previsto il teleriscaldamento anche per alcuni edifici adiacenti allo stabilimento. “Se combiniamo tutto ciò che produciamo sulla base di combustibili rinnovabili come biometano e bioetanolo, calore ed elettricità, otteniamo 300.000 barili di energia all’anno equivalente al petrolio”, insiste Nesbeka. .

READ  La Corte Costituzionale italiana vieta il voto sulla cannabis

L’ex distillatore di grappa emiliano, divenuto negli ultimi quarant’anni il più grande produttore di vino italiano e poi pioniere nella produzione di fonti energetiche sostenibili, è un ottimo esempio di come possono essere la gestione dell’ambiente e la tutela del clima. Pagamenti: Un terzo del fatturato totale del Gruppo Kiwiro a 362 milioni di euro (2020) e 170 dei 567 posti di lavoro totali attribuiti al Kiwiro Extra; L’utile netto della controllata organica è stato di 7 3,7 milioni, nonostante l’aumento degli investimenti in sofisticate tecnologie di riciclaggio.