Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vaccino corona: così vanno avanti Biontech, Moderna e Co.

Gli scienziati dell’Università di Umeå in Svezia hanno studiato la durata degli effetti di Vaccini corona di Astrazeneca, Biontech e Moderna Insistere – attenersi alla sua opinione. Per fare ciò, hanno utilizzato i dati dell’Ufficio statistico svedese, del Registro svedese delle vaccinazioni e del Registro SmiNet. Tutti i casi segnalati di malattie come il Covid-19 vengono raccolti in tutto il Paese.

Il gruppo di ricerca su Peter Nordstrom ha confrontato più di 840.000 persone vaccinate/guarite con lo stesso numero di persone non vaccinate/non infette. Questi dovevano corrispondere in termini di età, sesso e luogo di residenza. Sono state valutate le infezioni episodiche e le malattie gravi (ricovero in ospedale o morte) segnalate da metà gennaio a inizio ottobre 2021.

Il gruppo di ricerca ha già pubblicato i suoi risultati. Tuttavia è studio di prestampa, che non è ancora stato sottoposto a peer review e non è ancora apparso su una rivista specializzata.

La protezione dalle infezioni diminuisce notevolmente dopo pochi mesi

Il vaccino Biontech ha mostrato un’efficacia del 92% contro l’infezione sintomatica da coronavirus da 15 a 30 giorni dopo la somministrazione della seconda dose. Dopo 121-180 giorni, l’efficacia era solo del 47 percento. Se sono trascorsi 211 giorni o più dalla seconda dose di vaccinazione, dai dati non è possibile rilevare alcuna protezione misurabile contro l’infezione sintomatica.

Nel caso del vaccino Moderna, la sua efficacia è diminuita più lentamente: dopo sei mesi ha protetto ancora il 59% dall’infezione con sintomi. Rispetto ai due vaccini mRNA Il vaccino Astrazeneca ha dimostrato di essere meno efficace. Anche questo è diminuito più velocemente: 121 giorni dopo la seconda dose, nessun effetto contro l’infezione sintomatica potrebbe essere derivato dai dati sulla popolazione. Con la cosiddetta vaccinazione “eterogenea” con Una dose di Astrazeneca e una dose di vaccino mRNA L’efficacia è diminuita, ma è rimasta presente dopo quattro mesi.

READ  Pausa invernale 2021/2022: Snowboard nonostante il blocco della Corona in Austria - Modifica della regola dell'ascensore

Il denominatore comune di tutti e tre i vaccini era che la loro efficacia contro l’infezione negli uomini e negli anziani era inferiore e diminuiva anche più rapidamente. In studi precedenti, i vaccini di Biontech e Astrazeneca hanno ottenuto risultati migliori. Secondo gli scienziati, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli studi sono stati condotti in condizioni diverse. Ad esempio, al momento degli studi precedenti, la variante delta non si era ancora manifestata.

Efficacia contro il ciclo grave in gruppi a rischio ridotto

Innanzitutto i vaccini Covid-19 non dovrebbero proteggere dal contagio, ma dal grave decorso della malattia che porta al ricovero o, nel peggiore dei casi, alla morte. Anche in questo senso l’efficacia è diminuita nei mesi successivi alla seconda dose della vaccinazione. Ma è rimasto alto anche dopo nove mesi.

Dopo circa sei mesi, la protezione contro il ciclo grave è stata ridotta da circa il 90% a circa il 40%. L’efficacia è diminuita, soprattutto tra gli ultraottantenni. Dopo aver escluso quelli di età superiore agli 80 anni, l’efficacia dei più giovani era di circa l’80%. Come la protezione contro le infezioni, l’effetto protettivo contro le malattie gravi negli uomini, negli anziani, nei fragili e in quelli con malattie preesistenti è stato significativamente ridotto.

Argomento per la terza dose per chi è a rischio

Secondo gli scienziati, i loro risultati mostrano che la vaccinazione di richiamo può essere utile, soprattutto per le persone a rischio di HSV grave. In considerazione del rapido aumento del numero di infezioni, una terza dose può anche ridurre il numero di infezioni con segni di malattia lievi o assenti, e quindi rallentare la diffusione del coronavirus.

READ  U-Committee on Capitol Tower: l'ex dipendente di Trump si rifiuta di testimoniare