Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una volta la tempesta di fuoco distrusse tutta la vita

Una volta la tempesta di fuoco distrusse tutta la vita
  1. Home page
  2. mondo

Insiste

L'enorme vulcano nei Campi di Grano Mosca provoca la paura di infiniti terremoti. Gli scienziati ritengono che potrebbe essere stata la ragione dell'estinzione dei Neanderthal durante l'eruzione dell'era glaciale.

POZZOLI — Non passa giorno senza che il terreno tremi sotto l'imponente vulcano nei Campi Flegrain del sud Italia. Mercoledì (10 aprile) sono stati registrati più di 60 terremoti in 24 ore. Gli scienziati presumono che il vulcano gigante prima o poi erutterà. Può succedere in qualsiasi momento. Uno sguardo alle centinaia di migliaia di anni di storia dei campi di cratere mostra le enormi catastrofi che i campi di flegraina possono causare.

Il Monte Nuovo è l'ultimo cratere eruttivo dei Campi Flegranici © Nino Rossi / Facebook

39.500 anni fa i tramonti nell'attuale Germania erano molto romantici: per anni la stella centrale del nostro sistema planetario si è salutata ogni giorno in un crepuscolo rosso intenso. Ma le temperature erano gelide mentre gli ultimi uomini di Neanderthal cercavano disperatamente cibo nell’Europa centrale. Una massiccia eruzione vulcanica cancellò il sole 1.000 chilometri a sud. E assicurati che i Neanderthal si estinguessero finalmente. Almeno alcuni paleontologi ne sono convinti.

Massiccia eruzione vulcanica dell'era glaciale: la tempesta di fuoco ha distrutto tutta la vita entro un raggio di 70 km

A quel tempo, il gigantesco vulcano dei Campi Flegraini, dove ora si trova la città costiera di Pozzuoli, eruttò in una delle più grandi eruzioni vulcaniche della storia della Terra. Furono rilasciati all'aperto tra gli 80 ei 150 chilometri cubi di lava, pomice e cenere. È stato creato un enorme cratere largo fino a 20 chilometri. Colate di lava di gas caldo a 700 gradi e cenere hanno distrutto tutta la vita entro un raggio di 70 chilometri.

Nella baia di fronte al Golfo di Napoli, strati di tufo alti 50 metri si sono depositati sulla costa vicino a Sorrento, a 30 chilometri di distanza. Gli scienziati chiamano il deposito campano ignimbrite, dal nome della regione Campania e della sua capitale, Napoli, dove si trovano i campi flegraini, e dalla parola latina per “pioggia di fuoco”.

Si ritiene che il supervulcano dei Campi Flegrei abbia accelerato l’estinzione dell’uomo di Neanderthal.
Una replica di un Neanderthal al Museo Neanderthal di Mettmann. ©Federico Gambarini

Le ceneri risultanti dalla gigantesca esplosione vulcanica raggiunsero la Cirenaica in Libia e l'Egitto settentrionale, poi si trasferirono in Siria, Turchia, Georgia, Russia meridionale e Kazakistan e lì caddero al suolo. Ma c’erano aerosol più fini che si diffondevano nell’atmosfera e bloccavano la luce del sole. Il raffreddamento nel cosiddetto “inverno vulcanico” è stato più forte nell’Europa orientale e in Asia, ma anche nell’Europa occidentale. Le temperature sono scese di due o quattro gradi nel giro di un anno o due.

La cenere vulcanica è stata trasportata dall'Italia al Kazakistan e alla Siberia

Un team di ricercatori guidati da Benjamin Black dell'Università della California, Berkeley, ha pubblicato uno studio sulla rivista nel 2015 geologiaSecondo cui il vulcano gigante avrebbe potuto portare alla fine dei Neanderthal con un inverno vulcanico. Gli scienziati russi sono giunti a una conclusione simile nel 2023. La popolazione di Neanderthal è diminuita drasticamente 39.500 anni fa. I Neanderthal dovettero affrontare il problema che i loro rivali, l’Homo sapiens, gli antenati degli esseri umani moderni, si riprodussero più velocemente. Poi sono arrivate le pressioni ambientali causate dai campi di flegreina.

“Abbiamo scoperto che il picco di raffreddamento e la deposizione acida sono durati un anno o due, e che il raffreddamento maggiore ha aggirato i centri abitati di ominidi nell’Europa occidentale”, afferma lo studio. Gli scienziati hanno un avvertimento: “Siamo giunti alla conclusione che l'impatto ambientale dell'eruzione vulcanica campana da solo non era sufficiente a spiegare l'eventuale scomparsa dei Neanderthal in Europa”.

Da anni in Europa centrale la temperatura aumenta fino a quattro gradi

Ma: “Tuttavia, il raffreddamento significativo del vulcano negli anni immediatamente successivi all’eruzione potrebbe aver indebolito la capacità di sopravvivenza di una popolazione già sedentaria e influenzato molti aspetti della vita quotidiana dei Neanderthal e degli esseri umani anatomicamente moderni”. Oppure bisonti e raccogli piante, bacche e radici commestibili. Il clima freddo probabilmente ha ridotto le scorte di cibo. Il freddo era anche un importante fattore di stress per le persone senza riparo. Vivevano in caverne o tende primitive.

Il Pinatubo è la peggiore eruzione vulcanica del mondo degli ultimi 150 anni.
La gigantesca eruzione del Monte Pinatubo nelle Filippine nel 1991 fu piccola rispetto all’eruzione dei Campi Flegraini avvenuta 39.500 anni fa. © immagine

“Questo disastro non solo ha distrutto radicalmente l'ambiente ecologico dei Neanderthal, ma ha anche causato la loro estinzione fisica”, hanno detto i ricercatori Lyubov Golovanova e Vladimir Doronichev del Laboratorio di ricerca preistorica ANO di San Pietroburgo dopo aver esaminato tracce di cenere vulcanica in una grotta di Neanderthal a San Pietroburgo. Caucaso. I ricercatori hanno riscontrato un calo significativo delle concentrazioni di pollini, segni di un drammatico passaggio a un clima più fresco e secco. Un'altra indicazione: nella grotta Mezmaiskaya, tutte le tracce di Neanderthal finiscono in uno strato di cenere.

I ricercatori temono che da un momento all'altro si verificherà un'altra eruzione del vulcano gigante in Italia

Oggi si teme anche un'eruzione vulcanica nei campi di fillgrano. Il vulcanologo napoletano Giuseppe Mastrolorenzo aveva avvertito lo scorso marzo della possibilità di un'imminente eruzione massiccia. I ricercatori dell’University College di Londra e dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Geofisica e Vulcanologica (INGV) hanno concluso in uno studio dello scorso anno che i campi di filigrana stanno diventando più deboli e più suscettibili alla rottura, aumentando la probabilità di un’eruzione vulcanica.

Il vulcano gigante eruttò catastroficamente circa 29.000 anni fa, e ancora 15.000 anni fa. Da allora si sono verificate decine di piccole eruzioni nella caldera, la più recente delle quali è stata quella del Monte Nuovo vicino Pozzuoli nel 1538.