Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha subito un raid sull'autobus: ha ricevuto sussidi sociali dalla Germania nonostante lavorasse in Italia

Ha subito un raid sull'autobus: ha ricevuto sussidi sociali dalla Germania nonostante lavorasse in Italia

Giovedì la polizia federale ha catturato un senegalese al valico di frontiera di Hörbranz per aver ottenuto in modo fraudolento prestazioni sociali. Sembra che l'uomo abbia truffato i funzionari dell'immigrazione per anni.

Nelle prime ore del mattino la polizia federale di Lindau ha perquisito un senegalese che voleva entrare nel Paese a bordo di un autobus a lunga percorrenza sulla tratta Torino-Norimberga. Il passeggero ha consegnato alle autorità il passaporto senegalese e il permesso di soggiorno italiano.

La polizia centrale riconosce i passaporti falsi

Rapporto della Polizia Centrale Kempton Secondo lui, la polizia ha rivelato che il passaporto era falso. Proseguendo le ricerche dell'uomo, la polizia centrale ha rinvenuto un Tuldung tedesco valido con un cognome diverso e una carta d'identità senegalese. Ha detto alle autorità senegalesi che viveva e lavorava in Italia.

Il senegalese vive in Italia ma è registrato nel manicomio di Bad Hindelong.

Tuttavia, la polizia federale ha scoperto che il trentenne era stato registrato in un manicomio a Bad Hindelang, dove continuava a soggiornare e riceveva permanentemente prestazioni sociali mensili.

Tollerato solo in Germania dal 2017

Secondo la polizia federale, il migrante è entrato in Germania per la prima volta nell’aprile 2015 e ha presentato domanda di asilo, che è stata respinta all’inizio del 2017. Poiché il senegalese non ha potuto essere espulso a causa della mancanza di documenti di viaggio, da allora è stato tollerato e continua a ricevere benefici ai sensi della legge sui benefici per i richiedenti asilo.

Ha chiesto asilo con un certificato di nascita falso

Tuttavia, le autorità hanno scoperto che l’uomo aveva fornito un certificato di nascita falso ai funzionari dell’immigrazione quando aveva presentato domanda di asilo. Contro l'uomo sono già pendenti procedimenti penali per questo reato. Secondo le prime indagini il migrante avrebbe ottenuto anche il permesso di soggiorno italiano presentando un passaporto falso. Il trentenne aveva precedentemente nascosto la sua residenza in Italia e un permesso di soggiorno italiano alle autorità tedesche per l'immigrazione.

Interessante anche per te:

Regolamento sugli autobus a lunga percorrenza
Truffatore di asilo e finto marocchino catturato dalla polizia federale al valico di frontiera di Horbrunn

Le autorità hanno trovato più di 5.000 euro nell'appartamento dei migranti

Gli agenti della polizia federale hanno accusato l'immigrato di falsificazione di documenti, tentativo di ingresso non autorizzato e frode in un caso particolarmente grave. Dopo un ordine del tribunale, le autorità hanno confiscato i tre cellulari dell'imputato, hanno ottenuto un passaporto falso e, dopo aver consultato l'ufficio immigrazione, hanno ottenuto anche la clemenza. Gli agenti hanno perquisito anche il bilocale dell'uomo, dove hanno rinvenuto e sequestrato più di 5.800 euro in contanti.

Divieto d'ingresso di tre anni per gli immigrati fraudolenti

La polizia federale ha vietato al migrante l'ingresso e il soggiorno in Germania per tre anni e nel pomeriggio lo ha rimandato in Austria.