Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una scoperta sorprendente nei vecchi dati di un veicolo spaziale della NASA

Una scoperta sorprendente nei vecchi dati di un veicolo spaziale della NASA
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Illustrazione: navicella spaziale Voyager della NASA nello spazio. © imago / Science Picture Library

Nei dati della navicella spaziale Voyager 2 della NASA, un gruppo di ricerca ha trovato una sorpresa sul pianeta Urano. Potrebbero esserci anche altri segreti nascosti lì.

Greenbelt – Nell’agosto 1977, la navicella spaziale Voyager 2 della NASA è stata lanciata per un lungo viaggio nello spazio, visitando molti pianeti nel suo percorso verso il sistema solare esterno. Otto anni dopo, nel 1986, la Voyager 2 sorvolò il misterioso pianeta ghiacciato Urano, a circa 81.000 chilometri di distanza. Durante il sorvolo, la navicella ha raccolto molti dati, tra cui sono stati scoperti due nuovi anelli e undici lune di Urano precedentemente sconosciute.

I dati raccolti da Voyager 2 sono unici fino ad oggi, poiché nessuna sonda spaziale si è mai avvicinata a questo pianeta prima. Ma è chiaro che non tutti i segreti sono stati svelati dai dati, come la scoperta dei ricercatori della NASA Gina DeBraccio e Dan Gershman. dal 2019 Offerte. I due hanno esaminato i dati del magnetometro del passaggio ravvicinato della Voyager 2 e hanno scoperto un fenomeno già noto su altri pianeti ma non visto su Urano: un plasmide.

I ricercatori estraggono vecchi dati dalla sonda Voyager 2 della NASA

Il plasmoide individuato dalla Voyager 2 era lungo circa 200.000 chilometri e spesso 400.000 chilometri ed era costituito principalmente da idrogeno ionizzato. I plasmoidi sono enormi bolle di plasma che attraversano il pianeta e si separano. Possono rappresentare una parte significativa della perdita di massa atmosferica del pianeta. Tali processi sono già stati osservati sulla Terra e su altri pianeti, ma a quel tempo erano ancora completamente sconosciuti sul pianeta Urano.

DeBraccio e Gershman stimano che i plasmoidi come quelli osservati su Urano potrebbero essere responsabili dal 15 al 55 per cento della perdita di massa atmosferica di Urano. Tuttavia, i ricercatori non possono utilizzare un singolo set di dati per sapere quanti plasmodesmaidi Urano ha perso nel tempo. Il plasmoide è stato rilevato in un frammento di 60 secondi del sorvolo di 45 ore di Urano della Voyager 2, suggerendo che potrebbero esserci altri misteri in attesa di essere svelati nei dati antichi della navicella.

La missione su Urano è nella “lista dei desideri” dell’astronomia.

La scoperta del plasmoide ha riacceso l’interesse dei ricercatori per Urano. Una missione sul pianeta Urano è già in cima al “Decadal Survey” delle Accademie Nazionali di Scienze, Ingegneria e Medicina degli Stati Uniti, una sorta di “lista dei desideri” dell’astronomia. I ricercatori sono fiduciosi per la missione di punta della NASA su Urano, poiché questo è uno degli oggetti più eccitanti del sistema solare e ci sono ancora molti misteri da risolvere.

Questo articolo è stato generato con l’aiuto di macchine ed è stato attentamente controllato dall’editore Tanja Banner prima della pubblicazione.