Un quasar invece di una stella: gli astronomi hanno scoperto quello che è probabilmente l'oggetto più luminoso dell'universo

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."

Un quasar invece di una stella
Gli astronomi hanno scoperto quello che potrebbe essere l'oggetto più luminoso dell'universo

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il nostro Sole è un nano rispetto al quasar J0529-4351. Questo oggetto non solo è estremamente pesante, ma è forse anche l'oggetto più luminoso dell'universo. Ora i ricercatori lo stanno scoprendo. La struttura contenente un buco nero al centro è nota da decenni.

Gli astronomi hanno scoperto quello che potrebbe essere l'oggetto più luminoso dell'universo. Il cosiddetto quasar, che ha un buco nero al centro, cresce così velocemente che ogni giorno inghiotte l'equivalente del sole. I quasar sono i nuclei di galassie estremamente luminose e attive. Il campione in questione brilla 500 trilioni di volte più luminoso del nostro Sole, riferisce un team guidato da Australia sulla rivista Nature Astronomy.

Il quasar appare solo come un punto nelle immagini. Tuttavia, gli scienziati immaginano un posto speciale. Il disco rotante attorno al buco nero del quasar, costituito da gas incandescente, gas vorticoso e altro materiale proveniente da stelle intrecciate, assomiglia a un tornado cosmico. “Questo quasar è il luogo più violento dell'universo che conosciamo”, ha detto l'autore principale Christian Wolff dell'Australian National University.

L'oggetto, denominato J0529-4351, è stato scoperto nel 1980 dall'Osservatorio europeo meridionale. Ma per molto tempo si è pensato che fosse una star. Questa svolta è arrivata dai telescopi in Australia e nel deserto cileno di Atacama. “La cosa interessante di questo quasar è che era nascosto ai nostri occhi ed era precedentemente classificato come una stella”, ha detto Priyamvada Natarajan dell'Università di Yale, che non era coinvolta nello studio.

Successive osservazioni e modelli computerizzati hanno portato a stimare che il quasar inghiotte l’equivalente di 370 soli all’anno – ovvero circa un sole al giorno. Secondo il gruppo di ricerca, ulteriori analisi indicano che la massa del buco nero è compresa tra 17 e 19 miliardi di volte la massa del nostro Sole. Ma per determinare il tasso di crescita sono necessarie ulteriori osservazioni. Questo quasar si trova a dodici miliardi di anni luce di distanza ed esiste fin dagli albori dell'universo.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...