Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I paesi dell’Unione Europea chiedono un cessate il fuoco immediato per motivi umanitari a Gaza

I paesi dell’Unione Europea chiedono un cessate il fuoco immediato per motivi umanitari a Gaza

Al: 20 febbraio 2024 alle 00:27

Sullo sfondo delle terribili condizioni umanitarie, la maggior parte dei paesi dell’Unione Europea ha chiesto un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza. Israele è particolarmente invitato a proteggere i civili riuniti nella città di confine di Rafah.

La Germania e altri 25 paesi dell’Unione Europea chiedono un cessate il fuoco immediato per motivi umanitari nella Striscia di Gaza. Ciò deve portare ad un cessate il fuoco permanente, al rilascio incondizionato degli ostaggi e alla fornitura di aiuti umanitari, ha detto lunedì sera il capo della politica estera dell'Unione europea, Josep Borrell, dopo un incontro dei ministri degli Esteri dell'UE a Bruxelles.

Anche la decisione della Corte internazionale di giustizia del 26 gennaio è stata citata come base della richiesta. Ha dato a Israele un mandato vincolante ai sensi del diritto internazionale per fare tutto ciò che è in suo potere per prevenire il genocidio nella Striscia di Gaza. La dichiarazione afferma: “Riaffermiamo l’importanza di garantire la protezione di tutti i civili in ogni momento in conformità con il diritto internazionale umanitario”.

L'Ungheria respinge la richiesta

I ministri degli Esteri dei 26 Stati membri dell'UE chiedono inoltre a Israele di non intraprendere alcuna azione militare a Rafah, nell'estremo sud della Striscia di Gaza, che peggiorerebbe la già catastrofica situazione umanitaria e impedirebbe la fornitura dei servizi di base e umanitari urgentemente necessari. aiuto. . Attualmente nella città vivono più di un milione di civili, la maggior parte dei quali rifugiati provenienti da altre parti della Striscia di Gaza.

Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Verdi) ha partecipato a nome della Germania alla riunione dell'Unione europea a Bruxelles. Secondo le informazioni pervenute dall'agenzia di stampa tedesca, l'unico paese che non ha voluto sostenere l'appello congiunto è stata l'Ungheria. Il paese è considerato particolarmente vicino a Israele nell'Unione Europea.

Attacco di Hamas

L'operazione israeliana nella Striscia di Gaza è stata il risultato del massacro compiuto dai terroristi di Hamas e di altri gruppi estremisti in Israele il 7 ottobre. Da parte israeliana furono uccise più di 1.200 persone. Israele ha risposto con intensi attacchi aerei e dalla fine di ottobre ha lanciato anche un attacco terrestre. Secondo l’Autorità sanitaria di Hamas, più di 29.000 persone sono morte nella Striscia di Gaza a seguito dell’operazione militare. Più di 69.000 altri sono rimasti feriti.