Gennaio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un “precedente pericoloso”? L’Australia si prepara all’espulsione di Novak Djokovic

Il caso Novak Djokovic ha fatto notizia per giorni. Dopo che un tribunale australiano ha revocato il visto alla star del tennis all’inizio della settimana, la sua partecipazione agli Australian Open non è affatto certa. Perché a quanto pare l’Australia sta già valutando la possibilità di richiamare il freno di emergenza.

Il quotidiano australiano “Herald Sun”, ha riferito che le autorità si stanno preparando a espellere Novak Djokovic dal Paese.

Il quotidiano ha citato una fonte non identificata nel governo, che temeva che si sarebbe verificato un “precedente pericoloso” se al numero uno del mondo fosse stato permesso di rimanere nel Paese, nonostante le numerose controversie sulla sua situazione in termini di Corona virus. Il governo si prepara ad accettare qualsiasi risposta internazionale al fine di tutelare gli interessi nazionali.

Ciò è stato preceduto dall’annuncio del ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke che avrebbe continuato a considerare l’annullamento del visto di Djokovic. L’ufficio del ministero ha affermato che la decisione è attesa giovedì dopo che gli avvocati di Djokovic hanno presentato altri documenti che sono rilevanti e “influiscono sui tempi”.

Djokovic ammette gli errori, le differenze restano

Da parte sua, il 34enne Djokovic aveva precedentemente parlato in una dichiarazione di volerla utilizzare per sbarazzarsi della “disinformazione” che ha descritto come “dolorosa e inquietante per la mia famiglia”.

Tuttavia, il serbo, che non è stato vaccinato contro il coronavirus, ha ammesso di aver partecipato a un’intervista al quotidiano sportivo francese L’Equipe lo scorso 18 dicembre, nonostante il risultato positivo del test PCR. “Anche se sono tornato a casa dopo l’intervista e sono rimasto in isolamento per un determinato periodo di tempo, dopo aver riflettuto più attentamente, è stato un errore di calcolo e ho capito che avrei dovuto rimandare questo impegno”, ha scritto.

READ  Lewis Holtby: HSV Time Shape - Il rap di Holstein Kiehl "va all'estremo"

Secondo le sue stesse informazioni, il giorno prima, quando è apparso senza maschera protettiva a un evento con bambini, non sapeva nulla della possibilità di contrarre il Corona virus. Il suo test antigenico era negativo e aveva fatto un test PCR per grande cautela.

Come riportato da Der Spiegel, il test PCR fornito dall’avvocato di Djokovic in un database serbo alla fine è stato datato a una data successiva, e quindi non era del 16 dicembre. Ultimo ma non meno importante, quando è entrato in Australia, non ha menzionato la sua residenza a Marbella, in Spagna, un errore commesso dalla sua amministrazione, come ha detto Djokovic.

Tali polemiche potrebbero ora spingere il governo australiano a procedere con l’espulsione della stella del tennis.