Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un ospite indesiderato minaccia i ristoranti dell’Adriatico

Un ospite indesiderato minaccia i ristoranti dell’Adriatico
  1. Pagina iniziale
  2. mondo

I granchi blu sono comuni sulla costa adriatica in Italia. L’invasore minaccia di distruggere gli allevamenti di cozze, facendo temere per la loro stessa esistenza pescatori e ristoranti © IMAGO / Sven Grüne

C’è grande preoccupazione in Italia. La diffusione del granchio azzurro minaccia non solo gli allevamenti di cozze, ma anche i ristoranti della costa adriatica.

NAPOLI – In Italia c’è paura, o almeno grande ansia: perché nelle regioni di villeggiatura della costa adriatica si affaccia sempre più un ospite indesiderato, che rappresenta una grande sfida per il Paese del sud Europa. Il grilletto è una piccola creatura marina che chiama l’Oceano Atlantico occidentale la sua casa. Ma la situazione sembra cambiare poiché l’ospite indesiderato viene trovato nelle acque europee con una frequenza crescente e, cosa preoccupante, nel Mare Adriatico al largo delle coste italiane.

Mentre altrove in Italia vengono represse con multe, un visitatore completamente diverso sta causando problemi sulla costa adriatica. Il punto è il granchio blu, che ha trovato la sua strada qui nel Mar Baltico. L’animale, noto anche come granchio nuotatore blu, è stato registrato lì nel maggio 2023. Tuttavia, questa specie sta attualmente causando grattacapi a pescatori e ristoratori in Italia.

L’Italia ha paura: un ospite non invitato minaccia i pescatori e i ristoranti della riviera adriatica

Mentre in Italia i vacanzieri si lamentano di oltre 2 euro per un piatto vuoto o un servizio al ristorante, un ospite non invitato sulla costa adriatica italiana minaccia non solo i pescatori, ma anche i ristoranti con preoccupazioni esistenziali. Dopotutto, la dieta del granchio blu comprende pesci e crostacei più piccoli.

E qui sta la grande preoccupazione: le aragoste sono interessate principalmente agli allevamenti di mitili su larga scala che sono stati creati appositamente per l’allevamento di ostriche al largo della costa adriatica italiana. Le fattorie idriche vicino a Chioggia, nel nord Italia, sono state particolarmente colpite.

Il granchio blu non è solo responsabile delle perdite economiche nell’allevamento agricolo, ma anche delle perdite nell’industria alimentare.

I piatti nei ristoranti italiani sono ancora vuoti: i granchi minacciano ristoranti e allevamenti di ostriche sulla costa adriatica

Gli effetti del granchio sui ristoranti della riviera adriatica si sentono già chiaramente nei piatti dei vacanzieri in Italia. Dopotutto, i ristoranti locali difficilmente hanno l’opportunità di offrire cozze nei loro menu.

Per fermare l’ulteriore diffusione del cancro blu e porre fine alla sua diffusione, il governo italiano ha promesso direttamente di adottare misure. Saranno stanziati 2,9 milioni di euro per salvare la mitilicoltura sulla costa adriatica. Un provvedimento che non assomiglia nemmeno a quello preso dalle autorità nel celebre film hollywoodiano ambientato sul lago di Como.

Pericolo granchi blu al largo dell’Adriatico: l’Italia vuole “liberare i mari dalle specie aggressive”

Mentre un’attrazione popolare nel paese confinante con la Germania si sta strappando la corda del cappello a causa del turismo di massa, il granchio blu è una minaccia per la produzione di cozze leader mondiale in Italia. Portale di notizie austriaco oe24.a Secondo il rapporto, il denaro andrà alle cooperative di pesca, che condurranno una campagna su larga scala per ridurre gli stock di granchi blu.

Anche il deputato italiano, Mauro Malagoti, vuole fare di necessità virtù. Supplica i ristoranti locali di sfruttare al meglio una situazione sconvolgente. I ristoranti locali dovrebbero cambiare il loro menu e servire piatti di granchio blu. Malaguti ha affermato che il nuovo ordine potrebbe “aumentare le catture e liberare i nostri mari da questa specie aggressiva”. Solo il tempo dirà se questa misura cambierà i prezzi “esorbitanti” dell’Italia di cui si lamentano i vacanzieri.