Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un amabile sguardo Campino ai 40 anni di Tote Hosen | NDR.de – Cultura

A partire da: 06/12/2022 21:15

Toten Hosen ha dato il via al suo tour annuale di Flensburg con il film “Ice-cooled Bommerlunder”. Il cantante Campino si guarda indietro e gli racconta cosa significano per lui il punk e la sua band dopo 40 anni.

Toten Hosen è in viaggio da 40 anni ormai. In occasione dell’anniversario, i fan non solo possono attendere con impazienza il gruppo “Alles aus Liebe” recentemente pubblicato, ma anche festeggiare il compleanno della band punk di Düsseldorf in diversi concerti. Il tour è iniziato martedì a Flensburg.

La mia voce: Die Toten Hosen: Punk Friends da Düsseldorf (15 min)

Il tour inizia a Flensburg: classici ed errori divertenti

Il pubblico di Flensburg ha assistito a un concerto privato – perché, secondo Campino, era “l’ultima prova prima che iniziasse davvero”. La cosa affascinante: “Ci provi molto. A volte accadono errori, ma questo diverte anche le persone”.

C’è anche un vero classico nel roster del gruppo che la band non suona tutte le sere: “EisCooler Bommerlunder”, dai primi giorni della band. “Abbiamo avuto ospiti davvero illustri a Flensburg, vale a dire i fondatori del Club Bloenchy a Hosby”, afferma Campino. “Ci abbiamo suonato nel 1983. E abbiamo pensato: da quel momento in poi avremo solo queste prime canzoni”.

La serata è stata molto interessante per il pubblico di Flensburg, anche per la band. “La gente cantava davvero bene”, ha detto Campino entusiasta. “Puoi vedere che non hanno dimenticato i testi. Non vediamo l’ora che arrivino i concerti estivi”.

“È tutto per amore”: dice ciao Klaus-Maria Brandauer

Secondo Campino, torna il titolo della compilation dell’anniversario “It’s All Out of Love” dell’attore Klaus-Maria Brandor: “Una volta ha assistito a un concerto in Austria. Dopo lo spettacolo non sapevo se dovevo andarci, ho era preoccupato, se questo sarebbe stato l’evento giusto per lui”. Ma poi mi ha detto: “Sai una cosa? Puoi essere duro quanto vuoi – non ho visto nient’altro oggi se non il puro amore.’ Alla fine ha funzionato esattamente in questi 40 anni”.

Campino: “Ero un ragazzino flaccido con un buco nei pantaloni”

Quando Campino si avvicinò al punk quando era studente, disse che non voleva ribellarsi ai suoi genitori con la sua musica, tuttavia, scoprire il movimento che si estendeva dall’Inghilterra era la sua liberazione personale: “Ero un ragazzo relativamente sciatto, non particolarmente cospicua”, effettivamente in Seconda fila. Poi dovevo vestirmi anche per mia sorella maggiore, e spesso avevo un buco nei pantaloni. Improvvisamente il punk ha reso un’avanguardia l’indossare abiti ben indossati con i buchi. Il movimento era come se fosse stato fatto apposta per me. Hai cambiato la mia vita! ‘, ha detto il cantante su NDR TV.

Die Toten Hosen: quasi 40 anni con la stessa formazione

Con l’eccezione del batterista, Die Toten Hosen suona ancora nella sua formazione fondatrice, un fatto che la band apprezza sempre di più man mano che invecchiano. “Il nostro più grande risultato è che siamo stati in grado di mantenere la nostra amicizia per tutto questo tempo”, afferma Campino. “Tutti sentono di essere lì l’uno per l’altro – anche se litighiamo – come in qualsiasi altra famiglia. Ma la tovaglia non si taglia mai. Sminuivamo questa felicità perché poteva esserci stata troppo vicina. Ma oggi possiamo lasciar perdere”.

Il 15 giugno l’a Totten Hussein a Rostock Circa un mese dopo, il 14 luglio, il gruppo ha debuttato come ospite ad Amburgo.

Questo argomento è nel programma:

Il! | 08.06.2022 | 18:45

NDR.logo