Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione ha colpito i mercati azionari

“Penso di essermi sbagliato sull’inflazione”, ha recentemente affermato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen. Yellen, che ha ricoperto il ruolo di presidente della Federal Reserve dal 2014 al 2018, ha anche fornito una motivazione: “Ci sono stati grandi shock inaspettati per l’economia che hanno fatto aumentare i prezzi dell’energia e dei generi alimentari e la carenza di forniture che ha colpito … l’economia ha stato colpito duramente, ma lo sappiamo proprio adesso”.

momento della lettura

Tichy’s Insight – Ecco come ti arriva la rivista stampata

Bene, è positivo che il Segretario del Tesoro e il suo successore come presidente della Fed Jerome Powell pensino di poter tenere sotto controllo l’inflazione entro la fine di quest’anno, ma non è quello che la maggior parte dei cittadini si aspetta. “Pensi davvero che una volta che le filiere saranno tornate in ordine, tutte le aziende alimentari taglieranno l’aumento dei prezzi? Credi che le uova torneranno a costare meno? Questi prezzi alti rimarranno”, ha citato un passante della capitale. Come afferma il quotidiano Zürcher Zeitung.In effetti, il problema dell’inflazione in America non può più dirsi temporaneo, come hanno sempre affermato il presidente Joe Biden ei suoi ministri, ma persistente.

L’inflazione sembra aumentare anche da questa parte dell’Atlantico. Nell’Unione Europea, il tasso di inflazione è aumentato di nuovo in modo significativo a maggio e ha raggiunto l’8,1 per cento. Il 7,9 per cento era in Germania. Ciò significa che l’aumento dei prezzi è enorme poiché è stato al livello record 1973/74. Giovedì anche la Banca centrale europea ha alzato le aspettative di inflazione. Ora prevede un tasso di inflazione annuo del 6,8% nel 2022 prima di ridursi al 3,5% nel 2023.

READ  Prova una Ferrari 296 GTB

Ora che la Banca centrale europea (BCE) ha finalmente annunciato che prenderà sul serio la questione dell’inflazione in futuro, la domanda è se l’inflazione può ancora essere domata in tempo o se sta andando fuori controllo. Ci sono abbastanza ragioni per questo; Il più importante è il rischio di un’ulteriore escalation reciproca dei prezzi nelle catene di approvvigionamento e dell’emergere di una spirale salari-prezzi.

Biden e i principali politici europei incolpano principalmente la “guerra di Putin in Ucraina” e i problemi della catena di approvvigionamento per i massicci aumenti dei prezzi, ma non è così semplice. Ora il conto della politica monetaria eccessivamente espansiva degli ultimi anni viene pagato. Non c’è da stupirsi che l’inflazione e i timori economici abbiano accelerato il recente calo dei mercati azionari statunitensi venerdì. Il Dow Jones Industrial Average ha perso il 2,7% a 31.393 punti. Su base settimanale, ciò significa un meno del 4,6%. L’indice S&P 500 a livello di mercato è sceso del 2,9% a 3.901 punti venerdì. L’indice Nasdaq 100, ricco di tecnologia, è sceso del 3,6% a 1.833 punti. Tutti e tre gli indici hanno registrato la più grande perdita settimanale da gennaio.

La politica del superamento delle preoccupazioni dei cittadini

Ora ecco l’inflazione

“Dopo il calo dell’inflazione negli Stati Uniti ad aprile, sono aumentate le speculazioni sul superamento del picco”, ha scritto l’analista Christoph Bales di Commerzbank. Con il rinnovato aumento, ora è fatto. I dettagli degli ultimi dati mostrano invece che le pressioni inflazionistiche restano ampie. Molti partecipanti al mercato ora si aspettano che la Fed alzi i tassi di interesse fino a 0,75 punti percentuali nella riunione di luglio.

READ  Bitcoin sotto i 18.000$: l'industria delle criptovalute è in una spirale discendente

Tra i singoli titoli, i titoli bancari hanno registrato perdite particolarmente consistenti. Gli investitori temono che le banche centrali possano orientarsi verso una politica monetaria più restrittiva alla luce dell’inflazione sempre crescente, con tassi di interesse più alti di quanto precedentemente ipotizzato. Sebbene le banche siano viste come beneficiarie di tassi di interesse più elevati, una politica monetaria troppo rigida può soffocare la crescita economica e rallentare la domanda di credito. E Goldman Sachs, tra i maggiori perdenti del Dow Jones, è sceso del 5,7% e JPMorgan del 4,6%.

Le azioni di DocuSign sono in calo di circa un quarto, il che lo rende il netto perdente nell’indice Nasdaq 100. La piattaforma di firma elettronica ha fornito numeri trimestrali deludenti. Lo slancio dei ricavi della società è peggiorato nuovamente nel primo trimestre fiscale. Le azioni della società di cosmetici Revlon sono crollate del 53%, registrando la più grande perdita di un giorno della sua storia. I commercianti hanno indicato la speculazione su un imminente fallimento.

punto di svolta

L’inflazione è la dinamite della politica

I prezzi sul mercato azionario tedesco erano già notevolmente diminuiti in precedenza. Gli esperti hanno avvertito del crollo dei profitti aziendali, di un ulteriore deterioramento del sentimento dei consumatori e di un possibile scivolamento dell’economia in recessione. Osservando questi scenari, il DAX è sceso sotto la soglia dei 14.000 punti e ha chiuso in ribasso del 3,1% a 13.762 punti. Questo è stato il quarto giorno consecutivo di perdite, quindi anche il bilancio settimanale è debole a meno 4,8%. L’indice MDAX delle azioni medie ha perso il 3% a 28.767 punti.

READ  La paura dell'interesse è tornata - Dax cala drasticamente

Le preoccupazioni per l’economia alla luce dell’inflazione elevata e dell’aumento dei tassi di interesse hanno pesato sui titoli delle banche in tutta Europa. Le banche beneficiano di tassi di interesse più elevati, ma sono inutili se l’economia rallenta drasticamente allo stesso tempo. Le azioni di Deutsche Bank hanno perso il 5,9% entro la fine del DAX. Commerzbank, in calo del 5,6 per cento, è stato tra i valori più deboli di MDax. Sulla scia della variazione dei tassi di interesse nell’Eurozona, anche i valori degli immobili sono stati deboli. Vonovia ha perso il 3,3% e TAG Immobilien ha perso il 6,3% in MDax. Instone è addirittura in calo del 13 percento, inclusa la deduzione del dividendo a SDAX. Knorr Brems è sceso relativamente piatto con un calo dello 0,8%. Una nuova raccomandazione di acquisto di Citigroup ha rafforzato le azioni del produttore di sistemi frenanti.

Annunci