Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

U-Committee on Capitol Tower: l’ex dipendente di Trump si rifiuta di testimoniare

U Comitato Capitol Tower
L’ex dipendente di Trump si rifiuta di testimoniare

E la Camera vuole superare la tempesta sul Campidoglio degli Stati Uniti a gennaio con una commissione investigativa. Ma Mark Meadows, l’ex capo dello staff di Donald Trump, non vuole testimoniare contro il suo ex capo. Il motivo è un “grave contenzioso legale” con la commissione.

Con l’ex capo di gabinetto della Casa Bianca, Mark Meadows, un altro aiutante vicino all’ex presidente Donald Trump si è rifiutato di testimoniare davanti alla commissione che indaga sull’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti. L’avvocato di Meadows, George Terwilliger, ha affermato che c’è ancora una “grave controversia legale” con l’inchiesta della Camera.

La domanda è se Trump potrebbe sfruttare il suo cosiddetto privilegio esecutivo, che gli consentirebbe di mantenere segrete determinate informazioni. Meadows sostiene che non può testimoniare contro la volontà di Trump davanti alla Camera dei rappresentanti a meno che la corte non chiarisca prima la questione del privilegio esecutivo dell’ex presidente. L’avvocato di Meadows ha detto che sarebbe “irresponsabile”.

L’ex capo di gabinetto avrebbe dovuto testimoniare davanti alla commissione d’inchiesta venerdì. La Camera può ora intraprendere un’azione legale contro Meadows, proprio come hanno fatto i rappresentanti con l’ex capo stratega di Trump Steve Bannon.

I sostenitori del Trump radicale hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio, quando il democratico Joe Biden doveva essere certificato come il vincitore delle elezioni presidenziali del 3 novembre. L’attacco, che ha fatto notizia in tutto il mondo, ha ucciso cinque persone. La commissione d’inchiesta della Camera dei Rappresentanti dovrebbe chiarire i retroscena dell’attacco. Il comitato ha ricordato un certo numero di ex dipendenti di Trump.

I membri del Parlamento vogliono anche vedere i file della Casa Bianca dal 6 gennaio circa, che ora sono archiviati negli Archivi nazionali. Trump vuole impedirlo anche facendo riferimento al suo presunto privilegio esecutivo. Mentre un giudice federale ha accettato di consegnare i documenti martedì, quella decisione è stata inizialmente trattenuta da una corte d’appello giovedì. Il tribunale ha fissato l’udienza per il 30 novembre. Il caso dovrebbe finire alla Corte Suprema degli Stati Uniti, la Corte Suprema di Washington.

READ  Prende il via la Conferenza mondiale sul clima: ascolterai il grido di sveglia?