Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trump ha portato con sé centinaia di pagine di documenti riservati – Politica

Secondo una lettera degli archivi nazionali degli Stati Uniti sui materiali restituiti a gennaio, ad alcuni sono stati assegnati i livelli di classificazione più alti. Durante il raid di Mar-a-Lago, gli investigatori hanno trovato di più.

Secondo gli archivi nazionali degli Stati Uniti, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha portato con sé più di 700 pagine di documenti riservati durante la sua permanenza alla Casa Bianca. Alcuni di essi sono posti ai massimi livelli di segretezza, come messaggio Uno degli avvocati di Trump, pubblicato dall’archivio. I documenti sono conservati nella tenuta di Trump a Mar-a-Lago in Florida e sono stati consegnati a gennaio.

La lettera continuava, affermando che il governo “deve condurre una valutazione del potenziale danno derivante dal modo apparente in cui questi materiali sono stati immagazzinati e trasportati”. Lo scambio ora pubblicato tra l’autorità e gli avvocati difensori di Trump è avvenuto mesi prima che la polizia federale dell’FBI perquisisse la proprietà dell’ex presidente due settimane fa. In questo caso sono stati messi al sicuro altri documenti, alcuni dei quali classificati top secret.

La ricerca ha suscitato scalpore al di fuori degli Stati Uniti. Trump ha dichiarato di aver rilasciato i set di documenti confiscati alla sua presidenza. Gli attuali presidenti hanno poteri di declassificazione di vasta portata. Ma per il rilascio dei documenti esiste una procedura formale che prevede diversi passaggi molto formali. Trump ha anche affermato che ci sono istruzioni per il colloquio permanente in atto per tutti i documenti portati a casa.

Trump ha intentato una causa contro il governo lunedì Richiede un esaminatore neutrale Uno dei documenti più recenti è stato sequestrato e tutte le indagini fino ad allora sono state sospese. La presa dei documenti da parte di Trump sarebbe un atto criminale. Ma il 76enne descrive le azioni del Dipartimento di Giustizia nei suoi confronti come motivate politicamente, poiché da settimane flirta con l’idea di candidarsi nuovamente alla presidenza nel 2024.

READ  Un terremoto di magnitudo 4,7 colpisce la regione del Baden meridionale - epicentro della regione dell'Alsazia - nel sud-ovest del Paese

Sono inoltre in corso controversie legali sulla possibilità di pubblicare almeno alcuni dei documenti su cui si è basata la ricerca di Mar-a-Lago. Un giudice della Florida ha ordinato al Dipartimento di Giustizia di presentare proposte di revisione questa settimana. Diversi organi di stampa hanno chiesto la pubblicazione dei documenti. Tuttavia, il Dipartimento di Giustizia ha affermato che ciò potrebbe influire sulle indagini future e sulla cooperazione dei testimoni. È altamente improbabile che interi documenti diventino pubblici. Alla fine, le redazioni estese possono renderle spesso illeggibili.