Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trattare la SM con farmaci antiallergici? Lo studio dà speranza

Trattare la SM con farmaci antiallergici?  Lo studio dà speranza

La sclerosi multipla (SM) ha molte facce e può manifestarsi in modo diverso nei malati. Spesso porta a sintomi di paralisi e quindi a limitazioni del movimento. Finora, la malattia non può essere curata. Ma c’è speranza per chi ha la SM, mostra uno studio recente.

Come “German MS Bundesverband e.V.”, circa 280.000 pazienti affetti da SM vivono in Germania.1 Ogni anno vengono segnalati circa 15.000 nuovi casi di SM. Le donne sono colpite quasi il doppio delle volte rispetto agli uomini. La malattia di solito compare per la prima volta tra i 20 ei 40 anni. Il danno ai nervi del cervello, degli occhi e del midollo spinale spesso dura per anni e di solito si verifica in più fasi. Finora non è possibile fermare completamente il ciclo, ma può essere rallentato attraverso vari approcci terapeutici e sollievo sintomatico. Ora i ricercatori hanno riscontrato successo nel trattamento della SM in uno studio utilizzando un farmaco antiallergico.

L’acqua di mielina come biomarcatore affidabile per il trattamento della sclerosi multipla

È noto da diversi anni che gli antistaminici usati per combattere le allergie sono efficaci anche nel trattamento della SM. Tuttavia, nessun trattamento è stato sviluppato sulla base di questa scoperta. Ora i ricercatori non solo hanno confermato l’efficacia, ma hanno anche identificato un biomarcatore per gli studi clinici.2

Questo studio si concentra su quella che viene chiamata riparazione della mielina. La mielina è lo strato protettivo all’estremità delle cellule nervose. I pazienti con SM perdono gradualmente questo isolamento protettivo dei nervi. Questa perdita di mielina ritarda la trasmissione dei segnali nervosi, con conseguente debolezza muscolare, perdita della vista, rallentamento cognitivo e altri sintomi.

Interessante anche: lo studio spiega il legame tra l’infezione da HIV e la sclerosi multipla

Il metodo di ricerca utilizzato

È stato necessario sviluppare un nuovo metodo per misurare l’effetto del farmaco antiallergico “Clemastine” sui pazienti con sclerosi multipla. Questo si basa sulla scoperta che l’acqua nel cervello che è intrappolata tra i sottili strati di mielina che rivestono le fibre nervose non si muove liberamente come l’acqua che nuota tra le cellule cerebrali. L’imaging cerebrale può ora essere utilizzato per determinare se il livello di mielina cambia dopo l’assunzione di un farmaco. Viene determinato il rapporto tra l’acqua mielinica e il contenuto totale di acqua del cervello. Secondo i ricercatori, l’acqua di mielina è un biomarcatore affidabile per misurare l’efficacia dei farmaci per la SM e può anche aiutare nella ricerca futura.

Il farmaco antiallergico clemastina sembra riparare la mielina

Nell’attuale studio clinico su 50 pazienti con sclerosi multipla, i ricercatori hanno scoperto che quelli trattati con clemastina avevano un leggero aumento dell’acqua mielinica, una chiara indicazione che la clemastina può riparare la mielina. “Questo è il primo esempio di riparazione del cervello documentato dalla risonanza magnetica in un disturbo neurologico cronico”, ha detto l’autore dello studio Ari Green in un comunicato dello studio.3 Questo è stato il primo studio clinico su volontari a dimostrare che un farmaco antiallergico può aiutare a riparare i neuroni. I ricercatori intorno ad Ari Green sono sicuri che questo sarà il punto di partenza per nuovi approcci terapeutici.

Sebbene questa scoperta sia rivoluzionaria, sono necessarie ulteriori ricerche su farmaci migliori. “Clemastine può essere solo parzialmente efficace nelle dosi che possiamo usare”, spiega il ricercatore Green. Perché la clemastina ha un effetto sedativo ad alte dosi, cioè sedativo e riduce anche la sensazione di dolore. Pertanto, sulla base di questo studio, dovrebbero essere sviluppati nuovi farmaci senza tali effetti collaterali, spiega il ricercatore. Tuttavia: con questo studio è stato stabilito un buon punto di partenza per un trattamento efficace della SM.

fonti