Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France – Fase 5 dal vivo sulla striscia con gare ad eliminazione su acciottolato con un’atmosfera Roubaix

I favoriti per la vittoria assoluta al Tour de France 2022 sono gli sloveni Pojákár (UAE Team Emirates), Roglic e il compagno di squadra Jonas Vinggaard (Jumbo-Visma).

Tuttavia, un altro pilota della Jumbo Visma sta guidando con la maglia gialla nella quinta tappa. La terza punta di diamante della Jumbo-Visma ha difeso anche la maglia gialla nella prima parte della giornata in Francia Con un’entusiasmante viaggio in singolo a Calais martedì.
La tappa pianeggiante di oggi conduce per oltre 153,7 chilometri da Lille ad Arenberg. Sono più delle undici Settori acciottolati, anche in parte da Parigi-Roubaix è noto.

Giro di Francia

Attacco decisivo: Jumbo-Visma fa esplodere il campo – Pogacar si ritira

1 giorno fa

Eurosport.de accompagna la quinta tappa del Tour de France proprio nella striscia.

+++ Clicca qui per aggiornare +++

19 km – Stuyven e Pogacar .attacco

Jasper Stuyven (Trek – Segafredo) attacca i sassi del Settore 3 – e subito Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) salta con lui! Il duo si distingue all’istante! Pogacar oggi prende la maglia gialla: prestazione strepitosa dello sloveno!

23 km – solo quattro leader rimasti – condizioni di gara

Abbiamo ancora quattro leader: Kurt Nielsen, Paulis, Boisson Hagen e van der Horn. Il quartetto è ancora 1:05 minuti avanti rispetto ai primi classificati intorno a Tadej Pogakar, Alexander Vlasov, Jacob Vogelsang, Nairo Quintana e circa 25 uomini, tra cui Nils Polit e Max Schachmann.

A 1:50 minuti dalla fine c’è un gruppo con Jonas Vinggaard e Watt van Aert più Geirant Thomas e Adam Yates – e in circa 2:30 c’è Primus Roglic con Thiessge Bennott e Nathan van Hooydonk.

READ  Australian Open 2022: Rafael Nadal celebra l'impressionante rimonta del Grande Slam e batte senza intoppi Marcos Giron

30 km – Disastro Jumbo-Visma: Roglic sulla Terra

Adesso sarà finalmente una giornata nera per Jumbo-Visma: a un’uscita della rotonda c’è un fascio di fieno a metà strada. Stefan Kung si blocca sul pedale e lo trascina ulteriormente sulla strada. Caleb Ewan non può schivare e rotolare – e Primoz Roglic scende con lui! Ci vuole molto tempo prima che lo sloveno duri!

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

36 km – Colpa e caos a Vingegaard

Jonas Vingegaard ha un difetto e subito scambia la sua bici con Tiesj Benoot. Ma questo metodo è troppo grande per lui. Quando è arrivato il primo gruppo rimasto con gli altri compagni di squadra, ha preso la macchina di Steven Kreuzvik, ma poi l’auto della squadra era lì ed è tornato – alla sua macchina di scorta! Un gran casino! Ci è voluto tempo!

Caos totale dopo difetto! Vingegaard cambia ruote tre volte

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

38 km – O’Connor perde diversi minuti oggi

L’arretrato di Ben O’Connor sta crescendo. L’australiano ha rallentato ripetutamente quando ha incontrato i veicoli della squadra sul marciapiede ed è quasi impossibile passare nella polvere. Giornata amara per il quarto anno scorso! È già 1:50 minuti di ritardo!

42 km – il six-party ci sta ancora aspettando

Dopo il Settore 7, i primi sei sono ancora poco più di due minuti avanti – e sono ancora sei. Nel gruppo, Ineos Grenadiers sta ora dettando il ritmo, con Geraint Thomas al secondo posto. Ma proprio dietro di lui ci sono Tadej Pogakar e Bora – Hansgrohe può essere visto in primo piano con Nils Polit e Alexander Vlasov.

30 miglia – O’Connor è rimasto indietro

Ben O’Connor (Ag2r Citroen), quarto round dell’anno scorso, ha avuto un difetto e ora viene riportato in gruppo da alcuni suoi compagni di squadra. Tuttavia, era già più di un minuto di ritardo! Questo sarà un lavoro davvero difficile!

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

50 km – Asgreen Quintet.recuperato

Il gruppo non si è allontanato con Asgreen e sono stati nuovamente arrestati. Ma le cose stanno lentamente diventando serie nell’area principale. Se vuoi vincere la tappa, devi fare qualcosa lentamente. Perché i leader hanno ancora 2:55 minuti!

54 km – Settore 10: Attacco Rapido

Mancano ancora 3 minuti e 10 minuti tra i sei fuggitivi e il gruppo. Ma ora è un buon inizio! Quick-Step Alpha Vinyl è in pieno svolgimento con Kasper Asgreen al timone! Subito si uniscono quattro uomini: Matthew van der Poel, Mads Pedersen e Alberto Petitol più un secondo uomo per il passo veloce.

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

65 km – Duo di recupero rapido

I sei leader sono ancora 3:18 minuti davanti alla piazza principale, che ora ha riunito nuovamente Bauer e Pedersen. Il duo si è reso conto che questo lotto era relativamente inutile.

72 km – Attacco di Pedersen e Bauer

Il primo settore è storia e bisogna ricordare: gli sloveni Tadej Pogakar e Primoz Roglic erano in vantaggio, una prestazione solida. Dopo la ghiaia, Mads Pedersen (Trek-Segafredo) e Jack Bauer (Baiksching-Jaico) ora attaccano dal gruppo per farsi strada e chiudere i 3 minuti di vantaggio.

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

77 km – il selciato chiama!

I nostri primi sei segmenti arrivano a 11 a Villers-au-Tertre, il primo tratto acciottolato. Il gruppo è ancora indietro di 3:35 minuti, ma ora sta correndo attraverso la prateria ad alta velocità. Le battaglie per le posizioni sono in pieno svolgimento e Van Aert è troppo in ritardo e non sembra di nuovo del tutto in forma.

87 km – ritorno giallo in gruppo

C’è voluto un po’ perché il gruppo ovviamente non rallenta in prossimità dei primi settori acciottolati. Ma dopo poco più di dieci chilometri, Van Aert e Kruisjwijk sono finalmente riusciti a riprendere il campo principale.

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

98 km – Van Airt sulla Terra

Cadi dalla maglia gialla! Wout Van Aert è caduto dopo una lotta con il compagno di squadra Stephen Kruesvik quando Peloton ha rotto davanti a loro all’uscita da una rotonda. Entrambi sono rapidamente risaliti in sella e ora stanno inseguendo il gruppo. Attualmente sono circa 3:30 minuti dietro i primi sei.

Il giallo è in calo! Van Aert si schianta con il compagno di squadra Kruijswijk

117km – Gara Media: Jacobsen ruba un punto a Van Aert

A 2:40 minuti dai sei leader, Fabio Jacobsen e Wout Van Aert hanno corso per il settimo posto a metà gara. Jakobsen vince, ma guadagna solo un punto contro il belga nella lotta per i verdi, essendo ottavo.

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

124 km – 2:45 minuti per i sei

I Sei Leader stanno lentamente ma inesorabilmente espandendo i loro progressi. Ma questo non è facile, perché l’area principale ha già un ritmo decente.

135 km – collaborano trii separati

Il trio davanti alla via principale ora è un set esadecimale. Cort Nielsen, Powless, Clarke, Gougeard, Boasson Hagen e van der Hoorn sono poco più di un minuto davanti al gruppo.

142 km – in discesa Walscheid

Siamo ancora lontani dalla prima striscia acciottolata, ma abbiamo già visto le nostre prime cadute. Ora, Max Walshed (Cofidis) sta scendendo in mezzo al campo in un modo molto strano. Sembrava che all’improvviso gli avesse tolto di mano il volante. Ma poi puoi vedere che la sua ruota anteriore è rotta. Aspetta una sostituzione e poi guida subito.

Bordo rotto! Walscheid cade molto prima della ghiaia

145 km – Forme triangolari a inseguitore

Il trio di testa attorno a Cort Nielsen è diventato visibile in circa 20 secondi e ora l’altro trio si sta staccando dal gruppo: Neilson Powless (EF Education – EasyPost), Simon Clark (Israele – Premier Tech) e Alexis Jugerd (B&B Hotels – KTM) .

Più aggiornamenti e tutte le distanze nel data center live

14:05 – Digenkolb è pieno di aspettative

Prima dell’inizio, Bernard Eisel ha parlato a nome nostro con John Degenkolb (Team DSM). Il vincitore della Roubaix 2015 è particolarmente caldo oggi – dopotutto, si tratta anche della striscia acciottolata che porta il suo nome. Ecco l’intervista:

“Molti hanno paura oggi” – Degenkolb non vede l’ora che arrivi la sua patch

153 km da guidare – trio divertente

Magnus Kurt Nielsen (EF Education – EasyPost), Taco van der Hoorn (Intermarché – Wanty – Gobert) e Edvald Boasson Hagen (TotalEnergies) si sono divisi subito dopo la partenza. Tuttavia, a differenza dei giorni scorsi, il regno principale non si è arreso subito. Il trio ha solo cinque secondi all’inizio.

14:00 – Inizia gratis!

La corsa continua! Ed è difficile da credere, ma: Magnus Cort Nielsen (EF Education – EasyPost) è anche oggi tra i primi tre attaccanti!

13:45 – 11 settori e 19,4 chilometri di ciottoli

Questa quinta tappa oggi è lunga solo 153,7 chilometri. Ma ci sono undici strisce di gesso lungo il percorso, tra cui quella dedicata a John Degenkolb: Questi sono gli undici settori acciottolati della quinta tappa

13:35 – Giri di Peloton

Stiamo iniziando a muoverci. Ma prima furono neutralizzati più di dieci chilometri attraverso Lille fino a Roubaix. L’inizio brusco non dovrebbe avvenire lì fino alle 14:00.

Tour de France – Fase 5 dalle 13:35

Benvenuti al live tape della quinta tappa del 109° Tour de France. Oggi tocca ai famigerati ciottoli dell'”Inferno del Nord”. La quinta tappa è sulla bocca di tutti da quando la pista del Tour de France è stata introdotta lo scorso ottobre e potrebbe innescare i primi grandi divari tra i piloti di classifica. Stiamo seguendo il segmento di 153,7 chilometri fin dall’inizio qui sul nastro, quindi a partire dalle 13:35!

Potrebbe interessarti anche: Anteprima, Fase Cinque: una scena acciottolata in “L’inferno del nord”

Degenkolb vince Roubaix e vince la prima tappa del Tour nel 2018

Giro di Francia

Ecco come è andata la Fase 4: Van Aert celebra la vittoria individuale dopo un attacco in ritardo

Ieri alle 07:58

Giro di Francia

Tre cose degne di nota: Jacobsen ha messo a tacere i critici

07/02/2022 alle 21:03