Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France 2022 in diretta su nastro | Tappa 4: Da Dunkerque a Calais con Pogacar, Roglic e Van Aert

Tra i favoriti per la vittoria assoluta al Tour de France 2022 ci sono lo sloveno Tadej Pojacar (UAE Team Emirates), Primus Roglic e il compagno di squadra Jonas Vinggaard (Jumbo-Visma).

Tuttavia, un altro pilota della Jumbo Visma guiderà con la maglia gialla per la quarta tappa. Wout van Aert viaggiò dalla Danimarca alla Francia come comandante in capo.

La tappa pianeggiante conduce per oltre 171,5 chilometri da Dunkerque attraverso l’entroterra fino a Calais. Ma attenzione: c’è il pericolo di spigoli di vento lungo la costa negli ultimi 25 chilometri.

Giro di Francia

Tre cose degne di nota: Jacobsen ha messo a tacere i critici

07/02/2022 alle 21:03

Eurosport.de accompagna la quarta tappa del Tour de France direttamente in pista.

+++ Clicca qui per aggiornare +++

45 km – Perez prende il segnale acustico rosso

Dopo che anche Magnus Cort Nielsen ha vinto il suo quinto Mountain Award, Anthony Perez ora attacca e rompe il suo. Il francese di Cofidis cerca il numero rosso per il pilota più aggressivo e precede così Kurt Nielsen. Ma anche il danese non si tira indietro: così come Perez gli ha dato i trofei della montagna, ora sta dando al francese il suo numero di maglia rossa. Il gruppo è solo 1:20 minuti indietro.

16:26: Corri gli ultimi 50 km

Ci stiamo dirigendo verso la costa ad alta velocità. Gli ultimi 50 chilometri erano stati raggiunti e Magnus Kurt Nielsen e Anthony Perez erano solo 1:30 minuti di vantaggio su Peloton. Il gruppo inizia a diventare più teso perché una volta raggiunta la costa a circa 25 km per girare a destra, ci saranno di nuovo venti trasversali.

Maggiori informazioni e tutte le distanze nel data center in tempo reale

66 km – solo 2:25 minuti

Scende rapidamente per i primi corridori: sotto i dettami di Trek – Segafredo, Alpecin – Deceuninck e Lotto Soudal, il cuscino del duo si è effettivamente sciolto a 2:25. Lungo la strada, Cort Nielsen ha anche portato a casa il quarto premio per la montagna della giornata, rendendolo dieci in tutto.

READ  Duello Aston Martin contro BMW

A proposito: in un periodo di tempo molto breve, molti membri del cast principale del gruppo hanno avuto dei difetti – Alexander Vlasov (Bora – Hansgrohe), Mads Pedersen (Trek – Segafredo) e Reinhardt Jansey van Rensburg (Loto Soudal) – ma tutti e tre rapidamente risalito in bicicletta ed eravamo nella roulotte.

74 km – Kurt Nielsen IX.

La terza classifica della montagna è avvenuta per la giornata – e ancora una volta Magnus Cort Nielsen è stato il primo a tagliare il traguardo perché Perez non ha reagito di nuovo. Peloton ha ora ridotto il divario a 4:25 minuti.

Maggiori informazioni e tutte le distanze nel data center in tempo reale

80 km – Accelerazione del gruppo

Abbiamo guidato a lungo attraverso la Francia con meno di 7 minuti tra la vetta e il campo principale. Ma ora Trek – Segafredo, Alpecin – Deceuninck e Lotto Soudal stanno aumentando il ritmo e rallentandolo di nuovo a meno di sei minuti.

100 km – punteggio per Cort Nielsen!

Anche Magnus Cort Nielsen (EF Education – EasyPost) ha portato a casa l’8° premio della montagna in questo Giro di Francia, superando ancora una volta il compagno Anthony Pérez (Cofidis) alla Cote de Rimmelly-Werquin. Questa volta i francesi non riescono nemmeno a resistergli. Ciò significa che solo il danese ha punti montagna nel suo account e ora ne ha 8. Cosa c’è di speciale: il pilota non ha vinto otto classifiche di montagna di seguito!

108 km – Jakobsen davanti a Van Aert allo sprint centrale

Il gruppo è arrivato a metà gara a Lombres sette minuti dopo il leader – e Fabio Jacobsen ha scattato di più lì. È terzo davanti a Wout Van Aert, al compagno di squadra Michael Morkoff e Peter Sagan, nonché a Christophe Laporte e Caleb Ewan. Solo Jacobsen, Van Aert, Morkoff e Sagan sono davvero scesi dalla sella.

READ  Alexander Zverev sta andando al prossimo indirizzo

117 km – ritorno alla buca 6 minuti

Dopo le turbolenze a breve termine intorno a Kassel, il gruppo ha ora ripreso il ritmo della fuga del caffè e ha aumentato ancora una volta il distacco dalla vetta. Ora sono tornati quasi sei minuti sul cronometro per Kurt Nielsen e Perez.

Maggiori informazioni e tutte le distanze nel data center in tempo reale

128 km – torna indietro

Nessuno dei due candidati è stato debole al vento – e anche se due gruppi vengono lasciati indietro, il gruppo principale ora lo prende – quindi i gruppi tornano insieme. La ricerca della velocità resta comunque impressionante: il distacco tra Kurt Nielsen e Perez si è ridotto a 3:35.

Spiegazione dell’avviso Wind Edge: come superare con successo i tuoi avversari

134 km – il filo del vento!

Ora tutte le cose sorprendenti stanno accadendo nel tabellone principale! Quick-Step Alpha Vinyl è andato a tutto gas verso il montepremi e ha ridotto il divario dalla cima di circa due minuti. Ma anche i belgi non si sono arresi e hanno criticato la discesa a tutta velocità, perché? Perché dopo essere calato un vento laterale è apparso all’improvviso sulla strada! Sciami di vento si formano all’istante e il campo è diviso!

Maggiori informazioni e tutte le distanze nel data center in tempo reale

141 km – Cort Nielsen prende il punto di montagna numero 7

I ciottoli hanno portato alla classificazione montuosa di Kassel, famosa per lo sport del motocross. Perez scatta per primo, ma viene bloccato da Kurt Nielsen e poi scatta sicuro per vincere il premio della montagna. Il danese ora ha sette punti montagna alle spalle e indosseremo la maglia da montagna almeno fino a giovedì. Oggi e domani non può più essere arrestato.

145 km – Peloton ha scalato l’ingranaggio

Il vero inseguimento non era ancora iniziato, ma almeno il gruppo ha iniziato ad organizzarsi dopo circa 25 chilometri ea chiudere ancora un po’ il distacco dai primi. Dopo che il divario è aumentato a oltre 6:30 minuti, ora sono 6:15 minuti.

Il consiglio dell’esperto: Voigt, McEwen, Durand & Co. su questi driver!

156 km in auto: 5:30 minuti per il duo in fuga

L’inizio della tappa è simile a quanto accaduto domenica: il cuore è pigro e il divario tra i separatisti cresce rapidamente. Dopo 15 chilometri di gara, ci sono ora più di cinque minuti e mezzo sul tabellone. A proposito: il primo premio della montagna aspetta già dopo 30 chilometri. Se Magnus Cort Nielsen lo vince, avrà sicuramente la maglia della Mountain fino a giovedì.

13:30: Libero per l’avvio – e di nuovo Cort Nielsen!

La quarta fase è in corso. Abbiamo attraversato il chilometro 0 e abbiamo subito attaccato l’uomo che sabato e domenica è andato di nuovo in vantaggio: Magnus Cort Nielsen (EF Education – EasyPost) oggi ovviamente vuole difendere molto attivamente la sua maglia da montagna. Il danese, però, oggi non è solo: con lui ha iniziato Anthony Perez (Cofidis).

Nastro dal vivo del Tour de France, Fase IV: Commemorazione delle vittime di Copenaghen

Prima dell’inizio della piazza, autisti, funzionari e tifosi rendono omaggio alle vittime della sparatoria nel centro commerciale di Copenaghen, con gli autisti danesi in prima linea sull’autobus. Quindi inizia la lunga fase di neutralizzazione fino alla partenza vera e propria, in piena luce solare, che ora scorre per circa sette chilometri.

I pensieri sono ancora in Danimarca: Peloton rende omaggio alle vittime della sparatoria di Copenaghen

Fase quattro del tour dal vivo: sei classifiche di montagna nel nord della Francia

La Côte de Cassel (quarta classe) accoglie i ciclisti dopo 30,7 chilometri come una breve pugnalata sull’acciottolato, seguita dalla salita alla Côte de Remilly-Wirquin (quarta classe), alla Côte de Nielles-lès-Bléquin (quarta classe).) e Côte de Harlettes (Classe 4) quarta), la Côte du Ventus (Classe IV) e Cap Blanc-Nez (Classe IV), che, come ultima salita, hanno una pendenza media di 900 metri con 10,8 chilometri da percorrere del 7,5 per cento.

I piloti saranno lì alla stazione per circa tre minuti e questa pista può essere fatale per alcuni corridori.

Anche le strade della zona sono strette e ondulate, il che porta con sé molto trambusto. Ci sono sei classificazioni di montagne velenose nel profilo giornaliero:

INFO – Ciao!

Il 109° Tour de France inizia oggi dopo la giornata di riposo in Francia. Dopo la traduzione dalla Danimarca alla Francia, c’è un’altra fase piatta. La quarta tappa conduce per oltre 171,5 chilometri da Dunkerque attraverso l’entroterra fino a Calais. Gli ultimi 25 chilometri guidano lungo la costa. C’è il pericolo di spigoli di vento qui. Altrimenti tutto punta a una corsa a squadre.

Dopo il Grand Départ più settentrionale nella storia del tour, continuiamo oggi in una città nell’estremo nord della Francia. Dunkerque ha il terzo porto più trafficato del paese ed è la destinazione annuale di quattro giorni di Dunkerque, che in realtà dura sei giorni e che offre a molti automobilisti una buona comprensione delle strade qui.

Inizia qui sul nastro dal vivo dalle 13:15!

Potrebbe interessarti anche: Jacobsen dopo la vittoria di Groenewegen: “L’ammirazione è completamente scomparsa dopo la caduta”

Itinerario, tappa 4: Sei classifiche di montagna sulla costa

Giro di Francia

Era imminente! Pogačar previene tecnicamente le cadute

07/02/2022 alle 15:36

Giro di Francia

Tre cose spiccano: conquistare un punto di importanza psicologica per Pojjakar

07/01/2022 alle 20:56