Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tirata ai giudici: Trump pronuncia un discorso arrabbiato in tribunale

Tirata ai giudici: Trump pronuncia un discorso arrabbiato in tribunale

Una predica davanti ai giudici
Trump pronuncia un discorso arrabbiato in tribunale

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Nel processo per frode finanziaria, Trump vuole pronunciare lui stesso il suo discorso finale. Il giudice responsabile glielo impedisce. Non c’è motivo perché Trump rimanga in silenzio. Fa un discorso arrabbiato che si trasforma in un'apparizione in campagna elettorale. Quando il giudice lo interrompe, Trump lo interrompe.

Ancora una volta, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha trasformato l’aula del tribunale in un palcoscenico elettorale con un discorso rabbioso. Al processo a New York con l'accusa di frode finanziaria, Trump ha attaccato duramente i pubblici ministeri, accusandoli di aver cercato di impedirgli di tornare alla Casa Bianca. “Vogliono assicurarsi che non vinca di nuovo”, ha detto, riferendosi alle elezioni presidenziali previste per novembre.

Con il suo discorso il populista di destra ha ignorato gli avvertimenti del giudice Arthur Engoron di non tenere un discorso durante la sua campagna elettorale. Quando il giudice ha cercato di interrompere Trump, lui ha risposto: “Hai i tuoi programmi. Non puoi nemmeno ascoltare per più di un minuto”. Engoron ha poi chiesto all'avvocato di Trump di “controllare il suo cliente”.

Nel processo civile sono iniziate le discussioni conclusive. Trump avrebbe voluto presentare lui stesso la petizione, ma Engoron l'ha negata, dopo che l'ex presidente si è rifiutato di accettare le restrizioni dichiarate dal giudice sul contenuto della sua petizione. Con la sua decisione, Engoron ha voluto impedire a Trump di fare un “discorso elettorale” in tribunale. Questo è esattamente quello che è successo dopo che il giudice ha permesso all’imputato di aggiungere alcuni dei suoi commenti alla tesi del suo avvocato.

Trump si considera un “uomo innocente”

Trump ha quindi immediatamente lanciato un attacco rabbioso contro il procuratore generale dello Stato di New York Letitia James, che era seduta dietro di lui nella stanza. L'ha accusata di “odiarlo” e di voler impedire il suo successo alle elezioni. Si è descritto come un “uomo innocente” che era stato ingiustamente perseguitato. L'investigatore capo James appartiene al Partito Democratico del presidente Joe Biden.

Quando è arrivato al tribunale di New York, Trump ha colto l’occasione per presentarsi ai giornalisti come una vittima di un sistema giudiziario sfruttato politicamente. Ha descritto l'operazione come “un'ingerenza elettorale del massimo grado”. Il 77enne ha ripetutamente utilizzato le sue date in tribunale per apparizioni simili a campagne elettorali. Trump vuole sfidare l’attuale Biden alle elezioni di novembre. Lunedì, nello stato dell’Iowa, inizieranno le elezioni primarie repubblicane guidate da Trump, che dureranno mesi per scegliere il candidato presidenziale. Trump è molto più avanti dei suoi rivali all’interno del partito nei sondaggi d’opinione.

Nella causa civile a New York, Trump e i figli Donald Jr. ed Eric sono accusati di aver gonfiato artificialmente negli anni il patrimonio dell'impero immobiliare di famiglia per ottenere condizioni migliori su prestiti e assicurazioni. In questo caso Trump e i suoi figli rischiano una pesante multa, ma nessuna pena detentiva. Il procuratore James chiede una multa di 370 milioni di dollari (338 milioni di euro). A Trump e ai suoi parenti non dovrebbe mai più essere consentito di gestire attività immobiliari nello stato.

Trump deve affrontare altri problemi con la magistratura

Nella sua confessione, l'avvocato di Trump, Chris Casey, ha messo in dubbio se le false dichiarazioni rilasciate dalle società di Trump fossero intenzionali. “Non esiste alcuna prova chiara ed esistente” di ciò. Non è possibile trarre una “conclusione di frode” dai bilanci delle società.

Trump ha altri problemi con la magistratura. È stato accusato di quattro accuse penali, tra cui il tentativo di manomettere le elezioni dopo la sua sconfitta contro Biden nel novembre 2020 e il furto di file riservati dalla Casa Bianca. A causa del ruolo di Trump nell'assalto al Campidoglio di Washington nel gennaio 2021, in diversi stati si stanno cercando di escluderlo dalle primarie – e la Corte Suprema degli Stati Uniti intende occuparsi della controversia sulla sua partecipazione alle primarie all'inizio di febbraio.