Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tesla Model Y senza compressore per l’Italia > teslamag.de

Dobbiamo ammetterlo: i prezzi dei compressori Tesla per la nostra Model Y sono troppo alti per noi in questo momento. Se addebitiamo 27 centesimi per kWh a casa, paghiamo fino a 58 centesimi per kWh su strada nella rete Supercharger. Questo non sminuisce minimamente la nostra passione per le auto elettriche e, per riaverla il più possibile, abbiamo deciso di fare a meno delle stazioni di ricarica Tesla per il prossimo lungo viaggio in Europa. Tuttavia, a differenza del passato, dobbiamo affrontare seriamente la pianificazione del carico in anticipo e non possiamo farne a meno su strada.

Con 2 mappe e app su Tesla Journey

Il nostro equipaggiamento per la piccola avventura di ricarica nella Tesla Model Y è composto da due carte di ricarica e una nuova offerta online. Portiamo con noi l’opzione ADAC EnBw e la carta di ricarica TEAG come carte RFID. In entrambi i casi è possibile utilizzare le colonnine di ricarica di tutti i noti operatori. TEAG è attualmente solo 35 centesimi per kilowattora con un abbonamento mensile di 5 euro, ma il prezzo salirà intorno ai livelli di Tesla da settembre. Inoltre, mantieni l’app Bonnet nel loro arsenale, che promette i prezzi più bassi nei pacchetti da kilowattora e include molti grandi operatori.

Un totale di 2700 km in programma da metà luglio in poi. Percorrendo questa distanza con la sola potenza del compressore, con il nostro consumo attuale di soli 20 kWh per 100 chilometri, pagheremmo circa 313 euro. Con la sola carta TEAG sono solo 189 euro, un risparmio di circa il 40 percento. In confronto: con un motore a benzina (consumo medio 7,5 litri) possiamo pagare 360 ​​euro. Per quanto riguarda le diverse carte di ricarica, secondo noi vale la pena prepararsi. A proposito: abbiamo percorso gli stessi sentieri con un fuoristrada da turismo con aspirazione da 16 litri. Quest’anno ci è costato 800 euro, due volte e mezzo in più rispetto a prima. Nel frattempo la relativamente costosa Tesla Electric.

READ  4a ondata Corona si allenta in Italia: sorpresa sulla Germania

Due applicazioni aprono la strada all’auto elettrica

Utilizziamo principalmente due app per la pianificazione: Google Maps e un ottimo pianificatore di percorso. Utilizziamo Google per controllare il percorso più sensato senza considerare prima le fermate di ricarica. Nella seconda fase, utilizziamo ABRP per calcolare il percorso senza preferenze relative alle reti di ricarica per ottenere il percorso migliore indipendentemente dai prezzi. La nostra meta principale era il Camping Union Lido sul mare Adriatico. L’inizio è a Halle/Sale. Per 996 chilometri, Google Maps mostra un tempo di guida di 10 ore e 25 minuti. L’ABRP percorre 1006 chilometri in 10 ore e 16 minuti, che include 1 ora e 33 minuti di ricarica (iniziamo con una batteria carica al 100 percento).

Anche se c’è una leggera differenza di chilometri, il percorso è per lo più lo stesso in entrambe le app. In caso di dubbio, diamo la priorità ai consigli di Google e riprogrammare l’addebito di conseguenza. Per inciso, il pianificatore di percorso sul sito Web di Tesla mostra un percorso completamente diverso, che secondo Google è pieno di ingorghi e cantieri. Secondo il pianificatore online, con la rete Supercharger sono necessarie quattro fermate di ricarica per raggiungere la destinazione. Si dice che la distanza su questo percorso sia di soli 911 chilometri, ma il tempo di percorrenza è di 12 ore e 8 minuti.

Nei nostri calcoli per il percorso senza un caricabatterie Tesla, apportiamo altre due restrizioni: vogliamo sempre arrivare con almeno il 30 percento di autonomia residua e devono esserci almeno sei punti di ricarica nelle stazioni di ricarica in funzione. In base alla nostra esperienza, questo riduce al minimo il rischio di punti di ricarica difettosi o traboccanti. Il nostro programma funziona già su questo passaggio: ABRP calcola il percorso senza compressore, anche se non lo escludiamo esplicitamente. Addebitiamo una volta ad Aral e un provider regionale, due volte a Ionity. Tutti questi posti sono coperti dalla nostra carta TEAG, quindi ci piace usarla per 35 centesimi per kWh.

READ  Viaggiare in Italia - sarebbe difficile senza il "Super Green Pass"

Troviamo le interruzioni di viaggio necessarie per rendere piacevoli le soste di ricarica. Dato che viaggiamo con bambini, dobbiamo comunque fare una breve pausa dopo circa due ore e il consumo energetico richiesto si adatta bene a questo periodo.

Supercharger solo per prerequisito

Pensieri fino ad ora. In realtà, abbiamo altri due passaggi: in primo luogo, stampiamo il piano di carico originale e lo portiamo con noi durante il viaggio. Lo facciamo perché non vogliamo continuare a calcolare nuove rotte. Utilizziamo invece l’applicazione EnBW Mobility+ per verificare che i punti di ricarica indicati nell’ABRP siano effettivamente presenti e operativi. Ci siamo già resi conto che uno di quelli presi di mira era apparentemente frequente e abbiamo cercato alternative nelle vicinanze.

Altrettanto importante: nella Model Y inseriamo uno dopo l’altro i punti target del piano di carico e proviamo a selezionare il compressore più vicino come target. Perché durante il tragitto la batteria viene precondizionata in modo affidabile, cioè portata alla temperatura di carica ottimale. Funziona quando si guida verso altri caricabatterie veloci per auto elettriche con un sistema di navigazione Tesla, ma secondo la nostra esperienza non è così affidabile. Ci piace il prerequisito perché senza di esso la potenza di ricarica sarà notevolmente inferiore e la ricarica sarà notevolmente più lunga. Le Tesla a lungo raggio senza compressore richiedono comunque uno sforzo extra. Tuttavia, siamo sicuri che non saremo l’unica famiglia in vacanza in una Model Y o Model 3 quest’estate, bypassando la rete Tesla.