Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Telescopio Hubble: rilevamento del vapore acqueo nell'atmosfera di un pianeta extrasolare

Telescopio Hubble: rilevamento del vapore acqueo nell'atmosfera di un pianeta extrasolare

Un gruppo di ricerca astronomica, utilizzando il telescopio spaziale Hubble, ha scoperto segni di vapore acqueo nell'atmosfera dell'esopianeta GJ 9827d. “Questa sarà la prima volta che potremo dimostrare direttamente, studiando l’atmosfera, che questi pianeti ricchi di acqua possono effettivamente esistere attorno ad altre stelle”.Björn Beneke (Istituto Trottier per la ricerca sugli esopianeti dell’Università di Montreal) spiega: Lo riferisce un comunicato stampa della Società Max Planck.






GJ 9827d è il più piccolo pianeta extrasolare su cui finora è stato rilevato vapore acqueo. Tuttavia, non è ancora chiaro se Hubble abbia misurato una piccola quantità di vapore acqueo in un’atmosfera gonfia e ricca di idrogeno o se l’atmosfera sia costituita principalmente da acqua rimasta dopo che l’atmosfera primordiale di idrogeno/elio è evaporata sotto la radiazione della stella.

L'esopianeta GJ 9827d e la sua stella

IL L'esopianeta GJ 9827d Si trova a 97 anni luce da noi ed è circa il doppio del diametro della Terra. La sua massa è 3,53 masse terrestri.

L’esopianeta simile a Nettuno impiega circa 6,2 giorni per orbitare attorno alla sua stella. Dista solo 0,0559 unità astronomiche dalla sua stella. Un'unità astronomica corrisponde alla distanza media tra il Sole e la Terra.




A causa della sua vicinanza alla sua stella, il pianeta è caldo quanto Venere, con una temperatura di circa 400 gradi Celsius. Il pianeta è stato scoperto nel 2017 utilizzando il telescopio Kepler della NASA.

La sua stella, GJ 9827, è una stella di sequenza principale di tipo K. Questo tipo di stella è meno massiccia del nostro Sole e quindi più fredda. Ecco perché brillano di luce arancione. Il suo volume apparente è di 10250 mg. Ciò significa che le sue dimensioni sono comprese tra il pianeta Nettuno (7,8 magnitudine) e il pianeta nano Plutone (13,9 magnitudine). Il sistema si trova nella costellazione dei Pesci.

Scoperta pionieristica

Secondo il gruppo di ricerca, se il pianeta avesse effettivamente un’atmosfera residua ricca di acqua, dovrebbe essersi formato a una distanza maggiore dalla sua stella ospite, dove le temperature erano più basse e l’acqua era presente sotto forma di ghiaccio. GJ 9827d potrebbe essere migrato verso la sua stella nel corso del tempo. Il ghiaccio si trasformò poi in acqua e infine in vapore acqueo.

In questo scenario, l’idrogeno è sfuggito, o sta ancora sfuggendo, alla debole gravità del suo pianeta. In alternativa, GJ 9827d potrebbe essersi formato vicino alla sua stella. Grazie alla scoperta di Hubble, questo esopianeta è stato recentemente studiato dal telescopio spaziale James Webb.

“L’acqua su un pianeta così piccolo è una scoperta rivoluzionaria.” ha affermato Laura Kreidberg, direttrice del dipartimento APEx (Fisica delle atmosfere esoplanetarie) presso l’Istituto Max Planck per l’astronomia. Non vede l'ora di valutare i dati di Hubble: “Speriamo di poter ora risolvere la questione dei Regni dell'Acqua una volta per tutte.”