Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tassa speciale per le aziende energetiche: come l’Italia vuole ridistribuire gli extraprofitti

A partire dal: 6/6/2022 17:21

Quando i politici tedeschi hanno discusso di una tassa speciale per i “vincitori della crisi”, l’Italia ha risposto all’inizio di marzo: tassare oltre agli extraprofitti delle compagnie energetiche. Ma ci sono critiche al calcolo.

Elizabeth Pongrats, ARD Studio Roma

Lilia Cavalieri, economista, ha il suo ufficio nel centro della Vecchia Roma, vicino al Pantheon. È presidente dell’upb, l’ufficio parlamentare per gli affari di bilancio. Il loro compito è analizzare e controllare i fondi del governo. Ritiene che una tassazione speciale sui profitti extra delle società energetiche sia un buon compromesso perché soddisfa esigenze diverse.

È necessario trovare un flusso di entrate immediato che generi già entrate e abbia una funzione di ridistribuzione per l’anno in corso. Pertanto, i fondi vengono ridistribuiti tra le società che hanno beneficiato maggiormente dell’inflazione e quelle che sono state colpite dall’inflazione.

Elisabetta Pongrats
Studio ARD Roma

I prezzi del gas naturale e del petrolio sono aumentati dallo scorso anno, per poi raggiungere livelli drammatici a seguito della guerra in Ucraina. Il governo italiano non vuole restare inattivo. Il 18 marzo, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha dichiarato: “Stiamo tassando alcuni degli straordinari profitti che i produttori realizzano a causa dell’aumento dei costi delle materie prime e distribuiamo questi soldi ad aziende e case che apparentemente sono in gravi difficoltà”.

Revisione del calcolo

Il governo inizialmente ha fissato la tassa speciale al dieci per cento, ma poche settimane dopo era al 25 per cento. I miliardi accumulati serviranno a varie semplificazioni: la tassa sui consumi di gasolio e benzina è stata ridotta di 25 paise al litro, le aziende più potenti hanno agevolazioni fiscali e possono pagare la bolletta della luce in rate più lunghe. L’Italia offre un bonus di 200 euro se un lavoratore dipendente, autonomo o pensionato ha un reddito molto basso.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

Le compagnie energetiche dovranno pagare più del 10 per cento delle vendite e oneri speciali per quelle sopra i cinque milioni di euro. Il professor Kavalari riscontra un problema nel calcolare l’importo delle tasse:

Ad esempio, la base di rating si riferisce a uno specifico periodo di riferimento. Il fattore decisivo è la variazione dei sette mesi da ottobre 2021 ad aprile 2022 rispetto ai sette mesi dell’anno precedente. Ma fu proprio in questo periodo che l’epidemia si dispiegò completamente, e quindi le vendite dell’azienda furono particolarmente basse. Perché molte aziende sono state chiuse.

Sono circa 11.000 le aziende che operano nel settore energetico in Italia, ma stima che questa tassa riguarderà solo circa 400 aziende. Naturalmente, questo include i giganti del settore, ovvero Enel, Eni ed Edison.

Il governo prevede undici miliardi di euro

Il contributo speciale deve essere versato entro la fine di giugno, e undici miliardi di euro devono essere versati all’erario dello Stato, almeno questa è la speranza del governo. Tuttavia, le previsioni potrebbero essere molto ottimistiche, avvertono le prime voci.

Molti nel settore dell’energia concordano sul fatto che i motivi per la tassazione aggiuntiva siano ragionevoli. Ma è sbilanciato e irragionevole. Da un lato, viene riscossa l’imposta sulle vendite, ma non sugli utili speciali. Questo porta a disuguaglianze tra le aziende dello stesso settore. D’altra parte, sebbene la crisi energetica sia grave come in Italia, non ci sono sanzioni comparabili in altri paesi.