Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tagli al supporto? I prezzi del petrolio stanno aumentando in modo significativo

Il cartello OPEC + petrolio potrebbe tagliare la produzione. Pertanto, i prezzi del greggio stanno aumentando in modo significativo.

Martedì i prezzi del petrolio sono aumentati in modo significativo. Gli osservatori del mercato hanno segnalato le dichiarazioni del ministro dell’Energia saudita Abdulaziz bin Salman, che ha indicato la possibilità di un calo della produzione di petrolio da parte dell’OPEC+, fermando così le recenti perdite di prezzo del petrolio.

Recentemente, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) è stato di $ 99,67. Questo è stato di $ 3,13 in più rispetto al giorno prima. Il prezzo di un barile dell’American West Texas Intermediate (WTI) è aumentato di $ 3,35 a $ 93,71.

Il ministro saudita ha dichiarato a Bloomberg all’inizio della settimana che i prezzi del mercato petrolifero non riflettono i fondamentali della domanda e dell’offerta di base. Ciò potrebbe indurre il cartello petrolifero OPEC+ a tagliare la produzione. Anche i deboli dati economici degli USA non hanno influito sui prezzi del petrolio in questo contesto.

La recessione economica potrebbe portare a un calo dei prezzi del petrolio

L’esperto di materie prime Carsten Fritsch di Commerzbank ha visto nelle dichiarazioni del ministro un collegamento diretto con le recenti trattative per il rinnovo dell’accordo nucleare con l’importante produttore Iran. “L’Arabia Saudita potrebbe voler pianificare in anticipo nel caso in cui gli Stati Uniti accettino di rinnovare l’accordo nucleare con l’Iran, consentendo all’Iran di tornare sul mercato petrolifero”, ha affermato Fritsch. L’Iran, membro dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), resta soggetto a sanzioni e può esportare il proprio greggio solo in misura limitata.

READ  Dopo la partenza di Twitter: il CEO di Block Jack Dorsey: Bitcoin sostituirà il dollaro USA - critiche Web3 | newsletter